Nostrofiglio.it Family Network


Riconoscere il talento

Mio figlio è un genio. Anzi no, è ‘plusdotato’

Riconoscere il talento: Mio figlio è un genio.  Anzi no, è ‘plusdotato’

“A tre anni sa già leggere, conosce i numeri e fa mille domande. E’ un genio?” Mio figlio dimostra uno spirito molto creativo ma a scuola non brilla. C’è qualcosa che non va?” “Il mio bambino è talmente esuberante che sembra iperattivo. Che cosa posso fare?”

Si calcola che l'8-10% degli studenti sia plusdotato. In una classe di 25 scolari, potrebbero avere queste caratteristiche due-tre bambini.

Tre casi completamente diversi ma che potrebbero tutti portare alla stessa conclusione: si tratta di bambini ‘plusdotati’, ovvero bambini con particolari abilità o che dimostrano di avere competenze e capacità superiori ai bambini della stessa età.

In genere vengono definiti ‘geni’ – osserva la psicologa Anna Maria Roncoroni (www.roncoroni.eu), corrispondente italiana dell’European Council for High Ability – “dimenticando che il genio è colui che ha già dato un contributo fondamentale per lo sviluppo del settore di cui si occupa, raggiungendo risultati di eccellenza”.

“Come si può ben capire, parlare di “geni” quando ci si riferisce a dei bambini è prematuro e dannoso per il bambino stesso, che si crea delle aspettative eccessive e pretende sempre di più da se stesso, rendendo a volte difficile accettare la frustrazione, l’errore e le difficoltà che la vita pone davanti ad ognuno di noi inevitabilmente,” continua Roncoroni.

Come si possono riconoscere i bambini plusdotati?

“Non esiste una risposta unica e definitiva – spiega la psicologa - perché vi può essere il bambino che dimostra sin da piccolo di avere doti particolari (a tre anni già è in grado di leggere, ha facilità nell’apprendere le parole, ha un linguaggio ricco ed articolato, conosce già i numeri, è curioso, fa mille domande, etc.) oppure vi è quel bambino che solo all’epoca dell’ingresso a scuola comincia a scoprire di amare la lettura, si apre al mondo e dimostra di saper apprendere ad una velocità veramente inusuale.

Oppure il bambino molto creativo può avere delle difficoltà ad uniformarsi ai canoni della scuola, o quello molto timido può non emergere ma nascondersi, sviluppando i propri interessi al di fuori dall’ambito scolastico, in cui può anche non brillare particolarmente. Vi sono alcuni bambini che, data la loro esuberanza, vengono scambiati per iperattivi, con conseguenze a volte anche pesanti sia per il bambino stesso che per la famiglia”.

Leggi: Plusdotazione, che cos'è?

Vuoi confrontarti con altri genitori che hanno bambini dell'età di tuo figlio? Entra nel forum


Il video consigliato dalla redazione:

Perché lo sport fa bene ai bambini

Guarda tutti i video della webtv




 

  • Vanessa 19 aprile 2012, alle ore 17:03

    Sono la mamma di Andrea, un bambino che ritengo eccezionale soprattutto per la sua dolcezza e generosità; Andrea, ha degli interesi particolari: da quando aveva tre anni "studia" il corpo umano, poi la biologia, la chimica e da un anno circa (ora ha sette anni) è passato alla fisica iniziando a studiare la tavola degli elementi e poi l'atomo le particelle subatomiche e la radioattività (ha pianto quando al telegiornale hanno detto che avevano scoperto particelle più veloci della luce ed è stato contentissimo quando i dati sperimentali sono risultati errati), ovviamente è molto interessato all' astronomia. A scuola lo chiamano il genio della matematica e oggi la sua maestra ha fatto vedere a varie maestre della scuola un disegno di Andrea che rappresentava il cielo stellato poi una stella con otto punte e poi in basso una croce con una medesima stelle in cima e sotto la scritta "mi illumino d'immenso" (l'aveva sentita pronunciare da mio marito qualche giorno fa).

  • laura 01 aprile 2012, alle ore 22:56

    Sono stata una bambina plusdotata: all'ingresso alle elementari è stato proposto ai miei di passarmi in seconda direttamente, e con rammarico perchè non si poteva passarmi in terza. I miei grazie al cielo mi hanno sempre trattata come una bambina normale. Ho fatto tutte le scuole senza studiare e prendendo sempre il massimo dei voti, sono arrivata prima su 680 al test di ingresso a Medicina, mi sono laureata con la media di 29.8 ovviamente al primo appello possibile e senza mai dare esami a settembre: io finivo a luglio. Nel mentre, studiavo due lingue, bonsai, conchiglie, minerali, antropolgia, etc etc etc
    Ora sono un neurologo e una mamma felice piena di amici. E ringrazio di cuore i miei genitori per NON avermi diviso dagli altri e NON avermi mai considerata diversa, o plus qualcosa, ma solo LAURA.
    Lasciate in pace i vostri figli: la loro intelligenza emergerà da sola. Saranno artefici del loro destino e non vivranno le vostre ambizioni ma le loro...

  • SARA 21 marzo 2012, alle ore 15:09

    Ciao a tutti, Edo 7 anni plusdotato. Edo fa parte dell'AISTAP ed è seguito dalla Dr Roncoroni. E' un bambino felice e sereno, ama apprendere e va a scuola volentieri anche se per lui è una ludoteca e non un luogo dove imparare. La sua maestra lo capisce, lo aiuta. E'un bambino molto ubbidiente e disciplinato, non gira per la classe, non disturba i suoi compagni, semplicemente nei momenti di noia entra nel suo mondo e vola. Anche la maestra se ne è accorta e lo accetta. Certo non è semplice perchè dobbiamo sopperire alla mancanza di insegnamo della scuola. Noi viviamo felicemente la paricolarità di Edo cercando di prendere solo il bello ed affrontando insieme a lui i lati negativi, risolvendo i problemi risolvibili ed accettando quelli irrisolvibili. Io non ho testimonianze negative in merito alla scuola e per questo mi sento una mosca bianca. Spero di riuscire a trasmettere a mi figlio che la serenità e la felicità partono da noi prima che da chi ci circonda.

  • Anna 15 febbraio 2012, alle ore 15:45

    Anche il mio figlio è plusdotato. Legge dai 2 anni, usa il computer, internet, skype.. scrive quello che desidera da tre anni. Adesso ha 6 anni ed capisce 3 lingue. A scuola si annoia abbastanza ed e' preso per per il bambino che disturba in classe e fa quel che vuole. Anche noi stiamo valutando seriamente la possibilità di trasferirci all'estero. Se conoscete scuole speciali vi prego di farcelo sapere.

  • elisa 08 febbraio 2012, alle ore 17:54

    Mio figlio ha appena compiuto 2 anni e riconosce tutte le lettere dell'alfabeto, da diversi mesi conosce i colori e le figure geometriche. Coniuga i verbi al passato al gerundio...ha un lessico molto ricco. Il pediatra mi ha consigliato di vedere qualche scuola per bambini plusdotati ma non trovo nulla. Sono quasi certa che all'asilo si annoierà e di non riuscire a farlo vivere serenamente dato che la scuola italiana tende a livellare più che a stimolare le menti più "irrequiete".

Scrivi il commento


* Inserisci un indirizzo e-mail valido. L'indirizzo non sarà visualizzato sul sito. Per evitare usi impropri, ti sarà inviata una e-mail con un link per la pubblicazione del commento.
Altra stringa

Invia
Cerca











Da non perdere

Non perderti questo articolo! tata Adriana

I consigli della tata

Leggi tutti i consigli di Adriana ai lettori di Nostrofiglio.it.
I 100 consigli della tata ai genitori

Non perderti questo articolo! guida al bambino

Guida al bambino

Congratulazioni a tutte le neo mamme! Scoprite la nostra guida con tante informazioni utili e consigli per crescere bene il vostro bebè.

Non perderti questo articolo! guida gravidanza

Guida alla gravidanza

Congratulazioni per il bebè in arrivo! Iscriviti subito alla newsletter che ti segue nelle 40 settimane di gestazione.