Nostrofiglio.it Family Network


Onicofagia

Il bambino si mangia le unghie

Onicofagia: Il bambino si mangia le unghie

Prof.ssa El Hachem, perché i bambini mangiano le unghie?

Si tratta di un tic, che esprime in genere un disagio psicologico di varia entità, generalmente trascurabile e raramente da valutare e trattare.

E’ un'abitudine che può arrecare danni, ad esempio infezioni?

Le complicanze locali che l'onicofagia può causare sono limitate ad escoriazioni e ferite superficiali a rischio di sovra infezione, tipo il giradito, o dermatiti irritative. Ma il rischio maggiore è quello di un'alterazione strutturale dell'unghia che cresce molto male, parzialmente, e sempre più distorta, ispessita o assottigliata, e se il tic è cronico questa alterazione diventa permanente.
Il trattamento della dermatite irritativa o dell’infezione locale sovrapposta varia in funzione dell’entità del danno, pertanto richiede la consulenza del proprio pediatra o del dermatologo.

Quali i rimedi pratici per dissuadere il bambino dal mangiarsi le unghie?

I rimedi migliori sono quelli diretti: parlare con il bambino, ascoltare le sue motivazioni e fargli capire perché non deve farlo, ma senza ossessione e con molta pazienza e gradualità, perché è un’abitudine che, una volta instaurata, si può eliminare, ma richiede molto tempo, talvolta anche qualche anno. Qualora non fosse sufficiente, può essere opportuno chiedere aiuto allo psicologo, anche se non è un disturbo da considerare patologico.

A suo parere, quando è il caso di parlarne con uno psicologo?

Per decidere se occorre un aiuto psicologico è molto importante valutare l’atteggiamento generale del bambino, la sua interazione a scuola o negli ambienti che frequenta, la sua sensibilità, eventuali altri tic associati o che sostituiscono quello dell’onicofagia.

I rimedi farmacologici possono servire?

Non ci sono rimedi farmacologici o stratagemmi davvero utili, tipo il peperoncino o sostanze amare: con i bambini bisogna spiegare sempre tutto, informarli dell’importanza dell’immagine di sé e del danno che si procurano: quello immediato (irritazione, infezione) e quello a lunga scadenza (alterazione definitiva della struttura dell’unghia).
Oltretutto la mano è il mezzo del primo contatto con gli altri, quindi anche l’aspetto igienico conta: mettersi il dito in bocca poi dare la mano agli altri non è bello, così come non è bello far vedere delle unghie rovinate!
Insomma, meglio prendere più tempo per far ragionare il bambino che utilizzare metodi indiretti e non ‘sinceri’.

Dal forum: bambino 6-14 anni

Ti potrebbe anche interessare: mio figlio escluso dal gruppo


Il video consigliato dalla redazione:

Perché lo sport fa bene ai bambini

Guarda tutti i video della webtv




 

Scrivi il commento


* Inserisci un indirizzo e-mail valido. L'indirizzo non sarà visualizzato sul sito. Per evitare usi impropri, ti sarà inviata una e-mail con un link per la pubblicazione del commento.
Altra stringa

Invia
Cerca











Da non perdere

Non perderti questo articolo! tata Adriana

I consigli della tata

Leggi tutti i consigli di Adriana ai lettori di Nostrofiglio.it.
I 100 consigli della tata ai genitori

Non perderti questo articolo! guida al bambino

Guida al bambino

Congratulazioni a tutte le neo mamme! Scoprite la nostra guida con tante informazioni utili e consigli per crescere bene il vostro bebè.

Non perderti questo articolo! guida gravidanza

Guida alla gravidanza

Congratulazioni per il bebè in arrivo! Iscriviti subito alla newsletter che ti segue nelle 40 settimane di gestazione.