Nostrofiglio

Educazione

Come smettere di urlare ai propri figli e essere genitori sereni

smetterediurlare

19 Aprile 2017
Urlare ai figli non piace a nessuno, però ci sono dei momenti in cui la rabbia prende il sopravvento e gridare sembra l'unica reazione possibile. Ma non è così. Rona Renner nel libro "Smettere di urlare è facile" spiega ai genitori  come prendere consapevolezza delle proprie emozioni negative, scoprire da dove vengono e cosa celano, in modo da poterle disinnescare prima che diventino bufera.

Facebook Twitter Google Plus More

Tutti amiamo i nostri figli di un amore infinito. Eppure a volte, davanti a quell'ennesimo capriccio, scatta in noi una tale rabbia che ci fa gridare cose orribili. E poi, passata la bufera, ci sentiamo in colpa: siamo stati sopraffatti da emozioni negative e abbiamo perso il controllo davanti a dei bambini piccoli. 

 

Inoltre, parecchi studi hanno dimostrato come le urla siano inefficaci dal punto di vista educativo, anzi contribuiscono ad alimentare comportamenti violenti e  danneggiano l'autostima dei piccoli. 

Leggi anche: Come farsi ubbidire dai figli senza urlare (e perché è meglio)

 

Rona Renner, ex infermiera ed esperta in comportamento infantile, da anni tieni corsi negli Usa per insegnare ai genitori a non perdere il controllo; e ora spiega il suo metodo nel libro "Smettere di urlare è facile" (Edizioni LSWR).

 

"Non è mai troppo tardi per smettere di urlare" dice Rona. "Dal momento in cui inizierete a gridare meno, percepirete l'enorme impatto positivo che questo cambiamento avrà sulla vostra salute e felicità. Farete ai vostri figli un regalo che sarà tramandato alle prossime generazioni".

 

Ecco i consigli dell'esperta:

 

1. Se avete ereditato questo comportamento dai vostri genitori è il momento di interrompere il ciclo

Prima di tutto dovete cercare di capire perché state urlando. Spesso chi tende a urlare è stato a sua volta cresciuto con le urla.

"Urlare potrebbe essere un'impostazione predefinita a causa dell'esperienza infantile".

Cercate di ripensare al vostro passato. Riportate quelle esperienze al presente, lavorate su questi ricordi per interrompere la spirale delle urla.

"Guardate con indulgenza i bambini che eravate e perdonate i vostri genitori se hanno commesso degli sbagli, probabilmente in buona fede. Voi però potete fare di meglio".

 

2. Siete arrabbiati con i vostri figli o con altri?

Può capitare di indirizzare la rabbia che proviamo verso altre persone sui nostri figli.

I bambini sono bersagli comodi.

Dopo un'urlata chiedetevi: "Con chi sono realmente arrabbiata?".

Potreste scoprire che la colpa è del lavoro o del vostro partner...

Ad esempio:  una mamma che sta lottando per mettere a letto il suo bambino, mentre il proprio compagno è sul divano a guardare la tv, probabilmente è arrabbiata con il marito, ma alla fine si mette a urlare contro il piccolo. In questo modo ha sfogato la sua ira sul figlio, anziché chiedere al marito di darle una mano.

Provate a pensare se anche a voi è capitato di trovarvi in una situazione analoga.

Appena vi renderete conto che state urlando contro i vostri figli per scaricare la rabbia che provate verso qualcun altro, inizierete il cambiamento e urlerete meno.

"Diventare consapevoli della rabbia, chi e che cosa vi fa perdere le staffe, può aiutarvi a smettere di urlare". 

 

3. Che sentimenti ci sono dietro alla vostra rabbia?

Urlare può essere un modo di dare sfogo ad altri sentimenti come la paura, il dolore o la vergogna; oppure può essere un modo per sfogare lo stress o la stanchezza di una notte insonne. 

E' importante capire cosa c'è dietro la vostra rabbia per poterla disinnescare. "Quando urlate chiedetevi: che cosa sento in questo momento oltre alla rabbia? Ci sono altre emozioni?".

Per guarire c'è bisogno di vedere qual è il vero problema e riconoscere i propri bisogni. 

Leggi anche: La mamma perfetta non esiste, 10 dritte ANTISTRESS per essere più felici

 

4. Individuate il temperamento di vostro figlio

Dopo aver capito cosa vi fa urlare, dovete prendere in considerazione tre fattori che possono essere la causa dell'intensificarsi delle urla:

il vostro temperamento; quello di vostro figlio; e come questi si adattino l'un l'altro.

E' il temperamento, cioè lo stile comportamentale, che crea lotte di potere tra voi e il bambino.  

"Comprendere le differenze temperamentali è la chiave che apre la porta per aumentare le connessioni e la comprensione verso vostro figlio. Può dar vita a strategie in grado di aiutarvi a urlare meno e divertirvi di più insieme". 

La chiave per qualsiasi relazione sana è accettare le altre persone per come sono. Quando capite e rispettate lo stile unico di vostro figlio, allora potete adattare il vostro stile educativo e le vostre aspettative ai suoi bisogni. 

 

I tratti del temperamento sono: sensibilità (è sensibile al rumore, al gusto...?), attività (è molto vivace o poco?), intensità (ha forti risposte affettive?), adattabilità (si adatta velocemente o lentamente ai cambiamenti?), stato d'animo (è di buon umore o è spesso serio?), approccio (si butta o è cauto quando conosce qualcuno di nuovo?), perseveranza (insiste o si scoraggia facilmente?), regolarità (ha il suo ritmo sempre uguale?), distraibilità (si distrae facilmente?). 

Cercate di capire quali sono i tratti prevalenti in vostro figlio e i vostri.

Ad esempio potreste scoprire di essere voi sensibili e non reggere il temperamento troppo intenso di vostro figlio.

Dovete, invece, cercare di adattare le vostre risposte in base alla sua indole.

Ad esempio: se capite che vostra figlia è un tipo che si demoralizza facilmente, aiutatela quando ha difficoltà a fare i compiti; ma se anche voi vi demoralizzate subito, allora meglio predisporre che sia qualcun'altro ad aiutarla: il papà, un fratello più grande, un aiuto esterno...

 

5. Monitorate le vostra urla

Monitorare è un metodo efficace per aumentare la consapevolezza e l'accettazione delle abitudini e delle reazioni che volete cambiare. Ecco come procedere:

dopo un'urlata scrivete su un foglio: qual è stato l'evento scatenante; la vostra reazione fisica e mentale all'evento (vi si contrae la mascella, stringete i pugni, iniziate un'escalation di pensieri negativi); cosa avete fatto e come ha reagito vostro figlio alle urla; i tratti temperamentali in gioco, vostri e suoi; le conseguenze (dopo aver urlato come vi siete sentiti? E vostro figlio?). Infine una valutazione: che cosa avreste potuto fare diversamente?. 

 

Se imparate quali sono i meccanismi che vi fanno scattare, a percepire le emozioni quando crescono, a fare attenzione alle vostre reazioni fisiche... allora potreste riuscire a calmare la tempesta prima che diventi un uragano e danneggi il rapporto con i vostri bambini. 

 

6. I 5 passi per non urlare

Ma allora come reagire davanti a un fattore scatenante?

L'esperta suggerisce questi cinque step:

1. Ascoltatevi e domandatevi: cosa provo? Qual è l'escalation dei miei pensieri?

2. Badate al respiro: concentratevi sul respiro profondo e fate dai tre ai cinque respiri con la pancia.

3. Calmatevi: sostituite i pensieri negativi con pensieri realistici e positivi. 

4. Decidete di che cosa ha bisogno vostro figlio: pensate alla sua età, al suo temperamento. Ha bisogno di essere punito, abbracciato, incoraggiato o limitato? Cosa vuole comunicare il suo comportamento?

5. Empatizzate: mettetevi nei suoi panni, ditegli che avete capito le sue difficoltà e i suoi sentimenti. Ora sapete di che cosa ha bisogno.

Leggi anche: L'educazione dei bambini con l'intelligenza emotiva

 

7. Stabilite regole e conseguenze

Smettere di urlare non significa non dare regole, anzi è compito dei genitori insegnare a comportarsi e a sviluppare sane abitudini. Per farlo non c'è bisogno di gridare.

La Renner consiglia di:

1. Comunicare in modo chiaro e semplice quali sono le regole da seguire.

2. Stabilire delle conseguenze nel caso non si rispettino le regole.

Ad esempio, se dite a vostra figlia di non giocare a palla in casa e lei continua ignorando i vostri richiami; anziché urlare portatele via il pallone. Lo scopo delle conseguenze è quello di rendere i bambini responsabili delle loro azioni.

3. Siate in connessione con loro. La connessione è il fulcro dell'educazione. Vostro figlio sarà più collaborativo se si sente in sintonia con voi. Anche se lavorate tutto il giorno è fondamentale trovare un po' di tempo per farlo sentire amato. Ascoltatelo quando racconta una storia, giocate un po' con lui, approcciatevi con curiosità si suoi problemi. 

Leggi anche: Come educare i figli senza ricorrere alle punizioni

 

"Tirar su una famiglia è come suonare uno strumento in un gruppo jazz. Ci vuole tempo per far pratica, improvvisi, ti prendi dei rischi, poi trovi il tuo stile, impari i ritmi degli altri e fai del tuo meglio"

Codice Sconto