Nostrofiglio

Adolescenti

Rapporto Ocse: studenti italiani i più stressati al mondo

book-15584_960_720

20 Aprile 2017
I 15enni italiani sono tra i più stressati al mondo, in ansia per la scuola, con la paura di prendere brutti voti e poco soddisfatti della vita. Inoltre sono tra i maggiori utilizzatori di Internet: quasi un ragazzo su quattro ci passa sei ore al giorno, risultando così "consumatori estremi". E' il quadro piuttosto allarmante pubblicato dallo studio Ocse sugli adolescenti di 58 Paesi diversi. 

Facebook Twitter Google Plus More

Gli studenti italiani sono i più ansiosi e stressati del mondo. E' quanto emerge dal rapporto Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) che ha preso in esame i 15enni di 58 Paesi diversi. 

Alcuni dati: il 56% è preoccupato quando si prepara per un test, mentre negli altri Paesi lo è il 37%; il 70% è molto in ansia anche se preparato, contro una media Ocse del 56%; da noi l'85% è preoccupato di prendere brutti voti, negli altri Paesi lo è il 66%.

Leggi anche: Perché i bambini di oggi sono stressati e cosa bisogna fare per aiutarli

 

Paure che si ripercuotono sulla qualità della vita dei nostri adolescenti. Alla richiesta di assegnare un punteggio da 0 a 10 al proprio livello di soddisfazione rispetto alla loro vita, il punteggio medio dei ragazzi italiani è risultato essere 6,9, contro il 7,3 della media Ocse. Dietro di noi i coetanei cinesi, giapponesi e turchi.

E solo il 24% dei ragazzi italiani dice di essere molto soddisfatto della vita, dato molto più basso della media, il 34%; e quasi il 15% afferma di essere poco o nulla soddisfatto, rispetto a una media dell'11%.

 

Secondo gli analisti questo risultato è dovuto a scuole più competitive e più alti livelli d'ansia; altro fattore è il comportamento degli insegnanti: un rapporto improntato al dialogo tra studenti e docenti sembra essere fondamentale per ridurre lo stress. Infatti si è visto che l'ansia scende se gli studenti percepiscono che l'insegnante ha adeguato le lezioni al livello della propria classe. Quando l’insegnante si rende disponibile a un aiuto individuale, la propensione all’ansia scende del 17%

Leggi anche: Rapporto genitori-insegnanti, 10 consigli per gestirlo al meglio

 

 

Meglio la socialità e il rapporto con i genitori

Sul fronte dei rapporti d'amicizia tra i banchi, gli adolescenti italiani sono più soddisfatti rispetto alla media Ocse: l'83% dichiara di fare amicizia facilmente (media: 78%); rimane un passo indietro, invece, l'integrazione con gli studenti stranieri: ritengono di piacere agli altri compagni il 63% degli immigrati di prima generazione e il 71% di seconda, contro l’83% dei coetanei degli altri Paesi.

 

Altro punto di forza dei nostri ragazzi sono i genitori: il 96% dichiara che mamma e papà sono interessati alle loro attività scolastiche, contro il 93,5% dell'Ocse.

Leggi anche: Affrontare un insuccesso: 10 consigli ai genitori per aiutare i figli

 

Troppo Internet fa male alla scuola

Dalla ricerca emerge anche che il 23% dei 15enni italiani sta su Internet più di sei ore al giorno, contro il 16% degli altri Paesi. 

Gli analisti definiscono chi trascorrere così tanto tempo su device elettronici: "consumatori estremi".

Leggi anche: Adolescenti italiani: sempre più connessi ma anche più soli

Inoltre l'Ocse lancia un allarme: i ragazzi che passano troppe ore su Internet hanno tendenzialmente peggiori risultati a scuola, maggiori probabilità di saltare scuola o arrivare in ritardo, e minori probabilità di pensare di conseguire una laurea o un diploma universitario.