Nostrofiglio

scuola

Ritorno a scuola, la lista per le mamme delle cose da fare

bambinoconilibriintesta

24 Agosto 2015 | Aggiornato il 07 Agosto 2017
Non solo libri e quaderni, per arrivare preparati all’inizio della scuola bisogna organizzare attività extrascolastiche, mensa, ristabilire la routine di andare a letto presto e molto altro. Ecco una lista delle cose da fare per arrivare pronti al suono della campanella
 

Facebook Twitter Google Plus More

Siamo a inizio agosto e manca ancora un mese alla riapertura delle scuole.

 

Avete già preparato tutto per il ritorno sui banchi dei vostri figli? Non aspettate l'ultimo momento!

Perché preparare lo zaino per il nuovo anno scolastico non è uno scherzo: è un lavoro. Libri, quaderni, astucci, matite, penne, gomme, colla, pennarelli, cartellette, copertine, raccoglitori, fogli, grembiuli e grembiulini sono la parte più facile.

 

Poi bisogna organizzare anche tutto il resto: le attività extrascolastiche, la mensa, il ritorno alla routine per mandare a nanna i ragazzini a un’ora decente, le scorte di materiale didattico da tenere a casa per non dover correre ogni giorno dal cartolaio a recuperare il pezzo mancante…

 

Ecco allora una “semplice” checklist con le cose da fare per arrivare pronti al fatidico giorno.

 

Da fare entro agosto

 

1. ZAINO E ASTUCCIO. Recuperare i volantini di supermercati e centri commerciali, scegliere zaino e astuccio (nel malaugurato caso in cui quello dell’anno scorso non sia più utilizzabile o non ci sia perché il piccolo va in prima) dopo aver contrattato con vostro figlio sul costo massimo e sul personaggio serigrafato. Quello richiestissimo di Peppa Pig o Masha e Orso sono abbastanza facili da trovare ovunque, ma se vostro figlio, per esempio, volesse a tutti i costi lo zaino di Capitan Harlock (visto in giro l’ultima volta nel ’78) che si fa? Cominciate a dare un’occhiata online. (Leggi anche 50 zaini e astucci IMPERDIBILI per la scuola primaria)

 

2. SPORT E ALTRE ATTIVITA' EXTRASCOLASTICHE Cominciare a pensare alle attività extrascolastiche. Lo iscriviamo a nuoto o a calcio? O a entrambi gli sport? Ma poi un impegno di 4 giorni la settimana non è troppo? E per caso quest’anno deve andare anche a catechismo per comunione/cresima?

 

Se sì, si riescono a incastrare giorni e orari? E se alcuni giorni va a scuola anche il pomeriggio, come si incastrano negli orari anche sport e catechismo? Buona fortuna. (Potrebbe interessarti Attività extrascolastiche senza stress).

 

Se il bambino è indeciso su quale sport o altro fare, ricordatevi che da metà settembre ci sono le lezioni di prova. Intanto chiamate e organizzatevi. 

 

3. COMPITI DELLE VACANZE A che punto è vostro figlio con i compiti delle vacanze? Perché, sì, esistono anche i compiti delle vacanze. E se il ragazzino vi ha detto che quest’anno non ne ha, forse mente. Controllate. Verificate che ne abbia svolti almeno due terzi e, in caso contrario, legatelo alla sedia e fatelo studiare: l’inizio delle lezioni è vicino, il tempo per finire tutto è poco.

 

4. I LIBRI DI TESTO Certo, sono solo un dettaglio, ma qualcuno si è ricordato che vanno ordinati i libri di testo? Quindi di corsa dal cartolaio di fiducia (o al supermercato, o al Libraccio, o da cugini/amici che hanno usato l’anno scorso lo stesso libro). Se non si recuperano per tempo, si rischia di arrivare a settembre senza libri in cartella.  (Scopri anche come risparmiare sui libri di testo)

 

5. LA CAMERETTA Queste settimane sono preziosissime per riorganizzare la cameretta del pargolo, il suo regno dei prossimi mesi dopo la scuola. Fate pulizie, scartate i giocattoli vecchi e rotti, guardate che cosa c'è negli armadi e scartate i vestiti troppo piccoli. Se avete un bimbo che inizia o va alla primaria o inizia la secondaria, ponetevi il problema scrivania. Deve avere uno spazio tutto per sé, pulito e ordinato, senza videogiochi, dove nei prossimi mesi potrà concentrarsi e stare tranquillo a fare i compiti. Il caos e le distrazioni sono nemici del buon apprendimento. Ricordatevelo! 

 

Da fare entro fine agosto

 

6. CANCELLERIA Cominciate ad andare a caccia di cancelleria. Se a giugno vi hanno dato l’elenco di ciò che sarà necessario a settembre siete a cavallo; in caso contrario dovete lavorare di fantasia. I quaderni (se è alle primaria, occhio a righe e quadretti, che non sono più quelli dell’anno scorso ma cambiano in base alla classe frequentata) serviranno di sicuro, matite e penne pure. Temperamatite, pennarelli, gomma, colla e tutto il resto non dovrebbero mancare.  (Materiale scolastico, tutte le novità)

 

7. GREMBIULE E TUTA A scuola è richiesta una divisa? Il grembiule o il grembiulino? Ce l’avete? E la tuta da ginnastica? E le scarpe? No, vero? Ecco, allora bisogna rimediare: fuori di nuovo a fare la spesa. Da fare nei primi giorni di settembre.

 

8. MENSA Vostro figlio mangerà in mensa? Bisogna acquistare i buoni in Comune? Bisogna acquistarli a scuola? Usa una tessera ricaricabile? Usa i mezzi pubblici e bisogna rinnovare l’abbonamento? Avete ancora qualche giorno per risolvere le problematiche logistiche e quelle alimentari. Ma non prendetevela troppo comoda: se per caso doveste incontrare qualche ostacolo burocratico (“Ma signora, per fare questa cosa X serve il certificato Y rilasciato dalla scuola”), sareste nei guai.

 

9. A NANNA PRESTO I bambini hanno passato l’estate andando a letto alle 21? Certamente no, per cui bisogna ristabilire la routine: per far loro riprendere il ritmo giusto, in modo che al mattino si sveglino riposati e pronti ad affrontare una dura giornata di studio, servono almeno due settimane. Sappiatelo. E organizzatevi. (Leggi anche I bambini che dormono di più vanno meglio a scuola)

 

10. VISITA DAL PEDIATRA Segnatevi in agenda di fissare una visita generale di controllo dal pediatra entro settembre-primi di ottobre per stabilire se vostro figlio sta bene e peso/altezza sono nella media. Approfittatene anche per farvi fare un certificato di buona salute per l'attività sportiva. Sempre in tema salute, dovete fissare per settembre-ottobre la visita dall'oculista, dal dentista o dall'otorino? Fatelo ora!

 

11. BABYSITTER, NONNI E AIUTO COMPITI Chi va a ritirare a scuola il bambino? Voi, i nonni o forse avete bisogno di una babysitter per qualche ora? Oppure organizzatevi con il doposcuola. E le pulizie di casa? Siete a posto oppure vi serve un aiuto? Iniziate a pensarci. L'anno scolastico è lungo e meglio non arrivare a Natale già super stressate. Se pensate che vostro figlio abbia bisogno di una persona che lo aiuti con i compiti, iniziate a chiedere in giro se c'è qualche studente o maestra disponibile. 

 

Da fare la settimana prima dell’inizio della scuola

 

12. PARRUCCHIERE Se vostro figlio sembra Robinson Crusoe, forse è il caso di mandarlo dal parrucchiere per un bel taglio, in modo che si presenti a scuola con una capigliatura un po’ meno fluente.

 

13. SCARPE E ALTRO Ha passato l'estate con le infradito e solo ora vi rendete conto che ha un numero di scarpe in più? E' il momento di procedere all'acquisto di un paio di scarpe chiuse per il primo giorno di scuola. 

 

14. Ricontrollate i punti precedenti della checklist: avete fatto tutto o manca qualcosa? Se avete sgarrato e non avete seguito la tabella di marcia, con un po’ di impegno potete ancora farcela: forza!

 

Da fare due giorni prima dell’inizio della scuola

 

15. Tutto a posto? Lo zaino è pronto? C’è dentro tutto quel che dovrebbe esserci? L’abbigliamento di vostro figlio per il primo giorno di scuola è pronto? Avete in casa qualcosa da dargli come merenda (se ammessa)? I compiti elencati nella checklist sono tutti spuntati?

 

Da fare il giorno prima dell'inizio della scuola

 

16. Se per vostro figlio è il primo giorno di scuola, avete preparato la macchina fotografica/il cellulare per immortalare il momento?

 

17. Ha la merenda in cartella?

 

18. Tutto a posto per il pranzo?

 

19. Qualcuno si ricorda a che ora bisogna andare a prenderlo all’uscita da scuola?

 

Da fare dal primo giorno di scuola

 

20. Pensavate di aver finito? Sbagliate. Il lavoro vero inizia con la prima campanella. Studi e studiosi concordano nel sostenere che per il benessere dei bambini è fondamentale vivere in un ambiente sereno e che il desiderio di imparare, cioè la motivazione, è la molla più importante per apprendere bene. 

 

Dunque il primo impegno dei genitori per questo anno scolastico deve essere soprattutto quello di tenere a bada lo stress, l'ansia e le vostre aspettative. I compiti vengono fatti male? Vietato arrabbiarsi. Un brutto voto in una verifica? Ri-vietato arrabbiarsi. Molto più utile capire mettersi a fianco del bambino e aiutarlo a superare la difficoltà. Leggi anche Autostima bambini, 7 regole per crescere bambini sicuri

 

E ora in bocca al lupo!

Guarda anche il video con l'inserimento alla scuola elementare