Nostrofiglio

Congedo per i padri

Congedo paternità: nel 2017 si torna a soli due giorni

baby-957194_960_720

18 Aprile 2017
Il congedo di paternità sarà di due giorni e non più di quattro, come era stato stabilito nel 2012 e prorogato fino al 2016.  A dare la notizia è stato il patronato Inca della Cgil.  Ma per il prossimo anno dovrebbero tornare a quattro, elevabili fino a cinque. 

Facebook Twitter Google Plus More

Il congedo di paternità sarà di due giorni e non più di quattro, come era stato stabilito con un provvedimento sperimentale introdotto nel 2012 e prorogato fino al 2016. 

 

A dare la notizia è stato il patronato Inca della Cgil che nel richiedere all'Inps come procedere con il congedo ha scoperto che la misura non è stata prorogata. 

 

Il quotidiano la Stampa riporta che l'Inps ha chiarito che l'opportunità dei quattro giorni a questo punto  è valida "ai soli figli/e nati, adottati o in affidamento nel 2016. Ne consegue,  che il congedo facoltativo per i padri lavoratori dipendenti può essere fruito nei primi mesi del 2017 (entro il consueto termine di 5 mesi solamente per eventi parto, adozione e affidamento avvenuti nel 2016)".

 

Pertanto, precisa l’Inca-Cgil, "la madre che abbia partorito un figlio il 1° dicembre, senza aver usufruito della flessibilità del congedo di maternità (un mese prima del parto e 4 mesi dopo), ossia fino al prossimo 30 aprile, può anticipare il rientro al lavoro di uno o due giorni consentendo al papà di assentarsi per un analogo periodo, ma entro il 1° maggio, giorno in cui il neonato compie cinque mesi di vita".  

 

Da quanto riporta sempre la Stampa la legge di bilancio 2017, approvata alla fine dello scorso anno, ha prorogato per il 2017 ed il 2018 i due giorni di congedo obbligatorio a favore dei padri lavoratori dipendenti. E i fondi disponibili sono  raddoppiati, passando da 20 e 41,2 milioni di euro, perché il prossimo anno è già previsto che i giorni di congedo obbligatorio dei papà "passino da due a quattro elevabili a cinque, in sostituzione della madre in relazione al periodo di astensione obbligatoria ad essa spettante".

Leggi anche: Il congedo maternità obbligatorio: che cos'è?