Nostrofiglio.it Family Network


Salute nove mesi

Contrazioni in gravidanza

Salute nove mesi: Contrazioni in gravidanza

VIDEO: Il parto

Guarda tutti i video della webTV di nostrofiglio.it


Inutile negarlo: anche se lievi e saltuarie, le contrazioni, in qualunque epoca gestazionale si avvertano, mettono sempre in agitazione. Vediamo quando possono esser considerate fisiologiche e quando invece è opportuno farsi vedere dallo specialista.

“In linea generale possono essere considerate fisiologiche contrazioni sporadiche e di lieve intensità” premette Maria Antonietta Totta, ostetrica e conduttrice dei corsi di accompagnamento alla nascita presso la Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo (FG). “Se invece sono ripetute e dolorose, e soprattutto si accompagnano a perdite ematiche, sia pure modeste, è sempre necessario rivolgersi al ginecologo per gli opportuni accertamenti”.

Vediamo, trimestre dopo trimestre, quale significato possono assumere certi ‘doloretti’.

NEL PRIMO TRIMESTRE Nelle primissime settimane di gravidanza può capitare di avvertire dolori simil-mestruali, con piccoli doloretti ed un senso di peso al basso ventre: “A determinarli può essere l’impianto del prodotto del concepimento nell’utero, che si verifica intorno alla 4a settimana” spiega la Totta. “Il senso di peso invece dipende dall’endometrio, che in questo periodo è soffice e ‘pieno’, proprio perché si prepara ad accogliere la nuova vita. Di solito però in quest’epoca la donna non sa ancora di essere incinta, anzi crede che tali sintomi preannuncino proprio l’arrivo delle mestruazioni!

Oltre che all’inizio della gravidanza, piccole contrazioni si potrebbero avvertire al cambio del mese, in corrispondenza cioè dei giorni in cui sarebbero dovute arrivare le mestruazioni. Per questo motivo, se la donna avverte già lievi contrazioni, si suole suggerire di evitare in questi giorni gli sforzi fisici, i viaggi o i rapporti sessuali, che potrebbero favorire l’attività contrattile”.

Quando devono insospettire Quando si ha la sensazione di mestruazioni imminenti, con senso di dolore al basso ventre e mal di reni: l’utero infatti è ancorato ai legamenti utero-sacrali, che, stirandosi in seguito alla contrazione, provocano un risentimento nella zona dei reni, proprio come succede durante le mestruazioni.

NEL SECONDO TRIMESTRE Nel corso del secondo trimestre, ed in particolare a partire dalla 20ma settimana, piccole contrazioni sono in genere legate ai movimenti del bebè. “Ma si tratta di una lieve sensazione di indurimento, non certo di manifestazioni dolorose” specifica l’ostetrica. “Anche movimenti bruschi della mamma possono provocare contrazioni, ma sono sempre sintomi che scompaiono in breve tempo”.

N.B.: Quando compaiono le contrazioni d’istinto viene da massaggiarsi la pancia, per placarle. Invece è bene evitarlo, perché il massaggio può stimolare ulteriormente l’attività contrattile: meglio rilassarsi e riposarsi, limitandosi semmai ad appoggiare la mano sul pancione.

Quando devono insospettire Quando le contrazioni compaiono indipendentemente dai movimenti fetali o dai cambi di posizione della mamma e quando si tratta di sensazioni dolorose che si ripetono ad intervalli regolari.

NEL TERZO TRIMESTRE Ancora una volta piccole contrazioni possono essere considerate normali se si associano ai movimenti del bambino, oppure se la mamma cambia posizione repentinamente, ad esempio quando si mette a letto o solleva le gambe sul divano; normale anche avvertire un lieve indurimento del pancione se la donna compie piccoli sforzi o fa una camminata più veloce del solito, poiché sono stimoli meccanici che sollecitano di riflesso l’utero. Per evitarle, basta fare le cose con più calma e rallentare i propri ritmi.

Giunte a termine gestazione, quindi a partire dalla 38ma settimana, potrebbe trattarsi invece di contrazioni ‘preparatorie’, che consentiranno giorno dopo giorno al collo dell’utero di modificarsi, per prepararsi alla dilatazione. “Siamo nella cosiddetta fase prodromica, che può iniziare anche 10-15 giorni prima che si avvii il travaglio vero e proprio” evidenzia Maria Antonietta Totta. “Solitamente queste contrazioni si avvertono di notte, per poi placarsi al mattino. Se invece al mattino non cessano, anzi diventano via via più intense e regolari, meglio fare un salto in ospedale: può darsi che il travaglio stia per avviarsi”.

Una curiosità: le donne magre avvertono le contrazioni più delle donne robuste, poiché l’adipe fa da cuscinetto che attutisce le sensazioni.

Quando devono insospettire Se il termine della gravidanza è ancora lontano e le contrazioni compaiono con una certa frequenza ed intensità.


Il video di oggi consigliato dalla redazione:

Ghiaccioli fatti in casa

Guarda tutti i video della webtv




 

  • vale 28 agosto 2013, alle ore 09:30

    ciao sono nuova,sono alla 5 settimana + 11.HO avuto un rapporto con mio marito e stanotte o avuto dei fortissimi dolori al basso ventre accompagnato anche a mal di reni,non riuscivo a trovare una posizione giusta,questi dolori sono durati circa mezz'ora.mi potete aiutare sono preocupata anche perché o avuto gia' un altro bimbo e non ricordo questi dolori cosi forti.rispondete grazie.

Scrivi il commento


* Inserisci un indirizzo e-mail valido. L'indirizzo non sarà visualizzato sul sito. Per evitare usi impropri, ti sarà inviata una e-mail con un link per la pubblicazione del commento.
Altra stringa

Invia
Cerca











Da non perdere

Non perderti questo articolo! tata Adriana

I consigli della tata

Leggi tutti i consigli di Adriana ai lettori di Nostrofiglio.it.
I 100 consigli della tata ai genitori

Non perderti questo articolo! guida al bambino

Guida al bambino

Congratulazioni a tutte le neo mamme! Scoprite la nostra guida con tante informazioni utili e consigli per crescere bene il vostro bebè.

Non perderti questo articolo! guida gravidanza

Guida alla gravidanza

Congratulazioni per il bebè in arrivo! Iscriviti subito alla newsletter che ti segue nelle 40 settimane di gestazione.