Nostrofiglio.it Family Network


Gravidanza

Citomegalovirus, il nemico di mamme e bambini

Gravidanza: Citomegalovirus, il nemico di mamme e bambini

Che cos’è il Citomegalovirus?

Il Citomegalovirus (CMV) è un virus appartenente alla famiglia degli herpesvirus (come la varicella, l’herpes labiale o il virus della mononucleosi), che provoca un’infezione dai sintomi molto generici, come lieve febbre, infezione delle alte vie respiratorie, stanchezza, tanto che spesso non ci si accorge nemmeno di averla contratta.

 

Se si contrae in gravidanza.

“Se però la donna contrae per la prima volta il virus in gravidanza, c’è il rischio che anche il bebè venga contagiato” sottolinea Irene Cetin, responsabile dell’U.O. di ostetricia e ginecologia presso l’Ospedale Luigi Sacco di Milano e Professore dell'Università di Milano. “Il rischio è pari al 10% circa, ma solo 2-3 feti su 10 che hanno contratto il virus potranno riportare conseguenze.

“Le conseguenze per il feto però possono essere piuttosto serie: possono riguardare il sistema nervoso centrale, con malformazioni visibili ecograficamente, oppure provocare ritardo mentale, sordità congenita, corioretinite (una patologia della retina che provoca cecità), che però non sono diagnosticabili in utero e delle quali ci si accorge solo dopo la nascita del piccolo (la sordità tra l’altro può solo essere diagnosticata alcuni mesi dopo la nascita)”.

Per sapere se si è già contratto il CMV, è sufficiente fare un esame del sangue, che ricerca la presenza degli anticorpi specifici (detti immunoglobuline). In particolare, si cercano due tipi di immunoglobuline:

  • le IgG sono le immunoglobuline della ‘memoria’ dell’infezione: se risultano positive, vuol dire che la malattia è stata contratta in passato e quindi l’organismo ha sviluppato gli anticorpi.
  • Le IgM sono invece le immunoglobuline che si formano quando c’è un’infezione acuta, quindi segnalano che la malattia è in atto.

CITOMEGALOVIRUS: COME LEGGERE I RISULTATI DEL TEST

- IgM e IgG negative (cioè inferiori ai valori di riferimento indicati dal laboratorio): vuol dire che la donna non ha mai contratto l’infezione. Questo significa che dovrebbe prestare attenzione a certe norme igieniche di prevenzione, soprattutto se ha contatti frequenti con bambini piccoli, più soggetti ad ammalarsi.

- IgM negative e IgG Positive: vuol dire che la donna ha già contratto il Citomegalovirus in passato ma non ha un’infezione in corso. “È il caso più rassicurante” spiega la prof. Cetin, “poiché, se anche dovesse infettarsi nuovamente, si tratterebbe di un’infezione secondaria, che è molto meno pericolosa rispetto a quella primaria (cioè contratta per la prima volta in gravidanza)”.

- IgM positive e IgG negative: sta ad indicare che la donna non ha mai contratto l’infezione in passato ma l’infezione è adesso in corso. “E’ un’evenienza davvero rara, poiché significherebbe che si è fatto l’esame proprio nel momento iniziale dell’infezione, quando le IgG non hanno ancora fatto in tempo ad attivarsi” evidenzia la ginecologa. “Ma è anche l’evenienza più rischiosa, poiché vuol dire che si tratta di un’infezione molto recente. Va sottolineato, tuttavia, che se le IgM risultano positive è sempre necessario ripetere un secondo test di conferma”

- IgM positive e IgG positive: vuol dire che l’infezione c’è stata e potrebbe essere ancora in atto, così come potrebbe significare che è avvenuta fino a 3-4 mesi prima, visto che, come abbiamo detto, le IgM impiegano 3-4 mesi prima di diventare negative. “In tal caso, è indispensabile cercare di sapere con la maggior precisione possibile quando si è contratta la malattia” sottolinea Irene Cetin “e questo è possibile con un esame chiamato test di avidità: può darsi infatti che l’infezione risalga al periodo del preconcepimento e quindi si può star tranquille. In caso contrario, un’amniocentesi consentirà di sapere se l’infezione è passata al bambino e, in tale evenienza, mettere in atto tutte le strategie per monitorare la gravidanza”.

Leggi anche l'articolo: Citomegalovirus, come leggere i risultati

 

Fare o non fare lo screening?

“La questione è ancora molto controversa” risponde la prof.ssa Cetin. “Da una parte perché il rischio che il bambino abbia conseguenze è, come abbiamo visto, molto basso, dall’altra perché non ci sono ancora delle terapie efficaci per contrastare l’infezione. Ecco perché sono tanti i ginecologi che non prescrivono affatto il test”. Come regolarsi, quindi?

“Fare lo screening può avere senso in fase preconcezionale o al massimo entro le primissime settimane di gravidanza, in modo da sapere se si è già avuta la malattia. Se la donna risulta negativa al primo test, conviene ripeterlo a metà gravidanza, intorno alla 20ma settimana. Le conseguenze più serie infatti si possono avere se si contrae l’infezione nella prima metà della gravidanza”.

 

Se si è già contratta l’infezione, si può stare tranquille?

“Se la donna ha già avuto l’infezione in passato, ha già gli anticorpi e non si può reinfettare” risponde Irene Cetin. “Può però verificarsi un’infezione secondaria, cioè può capitare che ci sia una riattivazione della viremia. Così come accade per la varicella: l’infezione si prende una sola volta, però il virus resta nell’organismo in forma latente per poi riattivarsi in alcuni momenti della vita sotto forma di herpes, ma non si tratta di una nuova infezione. In caso di infezione secondaria, i rischi sono molto più bassi e i possibili danno meno gravi: i rischi riguardano essenzialmente le donne che contraggono per la prima volta il CMV durante la gravidanza”.

 

Se l’esito è positivo, meglio ripetere l’esame.

Come comportarsi se dall’esame le IgM risultano positive, quindi risulta che l’infezione è in atto, mentre le IgG sono negative (quindi si tratta di un’infezione primaria, cioè contratta per la prima volta)? “La prima cosa da fare è senz’altro ripetere l’esame in un centro specializzato (almeno in un ospedale di II livello)” risponde la prof.ssa Cetin, “poiché si utilizzano metodiche di analisi più specifiche che rendono l’esito più preciso: non di rado capita che donne risultate positive ad un test eseguito in un normale laboratorio sono poi risultate negative quando hanno ripetuto il test in una struttura più adeguata!”

Test di avidità per datare l’infezione. È molto importante anche riuscire a sapere quando si è contratta l’infezione. Il problema infatti si pone se l’infezione si contrae dal secondo mese in poi di gestazione. Prima di questa data, vale la regola del ‘tutto o niente’: vista la precocità dell’epoca gestazionale, cioè, un’eventuale infezione o provoca un aborto spontaneo o si supera senza problemi.

Se si esegue il test per la prima volta a metà gravidanza e le IgM risultano negative (quindi l’infezione non è in atto) ma le IgG risultano positive, come fare ad essere sicuri che l’infezione è avvenuta prima della gravidanza e non nel primo trimestre? “In tal caso si può eseguire il cosiddetto test di avidità (o avidity test)” risponde la ginecologa, “che ci permette di sapere se l’infezione si è avuta nei tre mesi precedenti o se è avvenuta anteriormente: se risulta più ‘vecchia’, ancora una volta si può star tranquille perché ci si è ammalate prima di restare incinte. Solo se risulta più recente, vanno fatti i controlli necessari”.

Se è confermata l’infezione primaria in gravidanza, è bene rivolgersi ad una struttura specializzata. “A questo punto infatti bisogna capire se l’infezione è passata al bambino oppure no” sottolinea la ginecologa. “Per questo occorre rivolgersi ad un centro specializzato, dove viene effettuata un’ecografia fetale di secondo livello, che valuta attentamente la morfologia del bambino (anche se, come abbiamo detto, non sempre i danni sono visibili in epoca prenatale). In più, si esegue l’amniocentesi, attraverso la quale si riesce a sapere con esattezza se il virus è presente nel liquido amniotico e quindi l’infezione è passata al feto. Se l’esito dell’amniocentesi è negativo, si può stare tranquille. Se l’esito è positivo, è indispensabile una consulenza prenatale insieme ad un esperto per analizzare il caso individuale”.

 

Un attento monitoraggio in gravidanza e dopo la nascita.

Se le IgM sono risultate positive e l’amniocentesi ha dimostrato che l’infezione è passata al feto, la gravidanza viene seguita come gravidanza a rischio e si effettuano dei controlli più attenti ed assidui, ad esempio viene fatta un’ecografia di II livello a cadenza mensile, per monitorare attentamente la crescita: non dimentichiamo che un’infezione fetale da citomegalovirus può anche comportare un ritardo di crescita, per questo potrebbe essere necessario far partorire la donna prima del termine.

Dopo la nascita, il neonato viene seguito secondo protocolli più accurati, che prevedono esami di tipo sierologico e immunologico, test dell’udito, risonanza magnetica, ecografia cerebrale. Ecco perché è importante rivolgersi ad una struttura si II o III livello, dove viene valutata anche l’opportunità di effettuare delle terapie antivirali.

 

Come evitare l’infezione del Citomegalovirus.

Il CMV si trasmette tramite la saliva o semplicemente per via aerea, oltre che attraverso i liquidi corporei, come sangue e urine. Per questo il contagio è piuttosto facile, soprattutto se si hanno già altri figli o si lavora in un ambiente dove ci sono bambini, bersaglio privilegiato delle varie infezioni.

Per limitare il rischio di infezione, le precauzioni più importanti sono di natura igienica:

  • lavarsi spesso le mani, specie dopo aver toccato la bocca o il naso del bambino e dopo averlo cambiato;
  • evitare contatti troppo ravvicinati con i bambini;
  • non mettere in bocca il ciuccio del bambino e non condividere posate o bicchieri;
  • anche se non si vive a contatto con bambini, evitare comunque i luoghi molto affollati, come gli autobus.

 

Esiste una cura?

“Purtroppo ad oggi non esiste una terapia – né per prevenire la trasmissione materno-fetale né per scongiurare i danni fetali - della quale si sia dimostrata l’efficacia” conclude Irene Cetin. “Ci sono studi su immunoglobuline specifiche (degli anticorpi che dovrebbero dare man forte al sistema immunitario di mamma e bebè ed aiutare a ridurre la carica viremica) e antivirali mirati, che dovrebbero combattere l’infezione, ma sono ancora in fase di studio e non si sa ancora se funzioneranno davvero. Le uniche misure davvero efficaci per evitare il CMV sono le norme igieniche di prevenzione”.

A Roma è nato Co.Mic, il comitato per la diagnosi e la terapia delle malattie infettive cilomegaliche pre e post natali. E’ nato su iniziativa di Manuela Accardo, mamma romana di un bambino affetto da citomegalovirus. Info: http://www.comitatomic.it/.


Il video di oggi consigliato dalla redazione:

Il risotto pizza

Guarda tutti i video della webtv




 

  • italo taormina 14 novembre 2013, alle ore 22:43

    SONO UN PAPA DI UNA BAMBINA DI 20 ANNI CHE PURTROPPO E AMMALATA MIA MOGLIE IN GRAVIDANZA HA CONTRATTO IL CITOMEGALOVIRUS E PURTROPPO LA BAMBINA HA RIPORTATO TUTTI I SINTOMI DELL INFEZIONE QUINDI IO DA GENITORE ESPERTO DICO AI MEDICI DI NON SCRIVERE CHE I RISCHI SONO POCHI PERCHE NON E COSI . ANZI DICO CHE PURTROPPO CHI CONTRAE LA MALATTIA DIFFICILMENTE IL BAMBINO NON ABBIA CONSEGUENZE . IL CITOMEGALOVIRUS E IL NEMICO NUMERO UNO PER QUANTO RIGUARDA LA GRAVIDANZA E I MEDICI DOVREBBERO PARLARE CHIARO. MIA FIGLIA PURTROPPO HA UN RITARDO MENTALE MOLTO GRAVE , NON CAMMINA NON SENTE E QUINDI NON PARLA , HA CRISI EPILETTICHE MOLTO FORTI E OGNI VOLTA RISCHIA LA VITA . NOI L ADORIAMO L AMIAMO TANTO MA ABBIAMO UNA GRANDE CICATRICE NEL NOSTRO CUORE CHE NON GUARIRA MAI .

  • Antonella 26 settembre 2013, alle ore 22:50

    buonasera. Sono alla 34 settimana, puntualmente ogni mese ho fatto gli esami e sono stati giusti gli ultimi è stato evidenziato positivo il citomegalovirus. Vorrei sapere dato che il bambino è formato puo danneggiarlo? grazie di una vostra risposta sicura.

  • Silvia 17 agosto 2013, alle ore 01:06

    Da persona che lo ha contratto durante il primo trimestre della gravidanza invito le future neomamme ad adottare tutte le precauzioni possibili per evitare di contrarlo. Per chi ha già un figlio, per di più che frequenta il nido, la missione potrebbe sembrare quasi impossibile...si sa, talvolta e' questione di fortuna! Purtroppo, dopo la contrazione, la gravidanza di potrebbe non essere serena e finire ancora peggio. Questo accade al 2% dei casi, ma accade...esperienza vissuta.

    In bocca al lupo a tutte!

  • Luisa 30 marzo 2013, alle ore 17:16

    Salve. Ho tre figli. Con i primi due ogni mese in gravidanza facevo il controllo per il citomegalovirus.
    Quando sono rimasta incinta del terzo, negli esami preliminari sono risultata essere immune, quindi il ginecologo mi ha detto che non erano più necessari accertamenti in quanto non potevo più contrarre il virus.
    All' età di due anni, al controllo del bimbo l'oculista si accorge che mio figlio ha un cicatrice sul l'occhio dovuta a un'infezione da citomegalovirus contratta da me in gravidanza. È una fortuna signora che il suo bimbo sia sano. Un occhio e' lesionato , ma poteva andare molto peggio.
    Ma allora mi chiedo perché .? Non ero immune, gli esami del sangue lo dicono!!!
    L'oculista mi ha anche detto che il virus latente e a riposo nell' occhio di mio figlio potrebbe risvegliarsi in un periodo di squilibrio ormonale, per esempio l'adolescenza, e continuare a fare danni all'occhio. È vero?
    Ringrazio fin d'ora per una vostra risposta.

  • Giovanna 17 ottobre 2012, alle ore 17:55

    salve sonno in gravidanzza de 38 setimane e mi sa trovato citomegalovirus IgM 1,28 pos po danare a fetto

Scrivi il commento


* Inserisci un indirizzo e-mail valido. L'indirizzo non sarà visualizzato sul sito. Per evitare usi impropri, ti sarà inviata una e-mail con un link per la pubblicazione del commento.
Altra stringa

Invia
Cerca











Da non perdere

Non perderti questo articolo! tata Adriana

I consigli della tata

Leggi tutti i consigli di Adriana ai lettori di Nostrofiglio.it.
I 100 consigli della tata ai genitori

Non perderti questo articolo! guida al bambino

Guida al bambino

Congratulazioni a tutte le neo mamme! Scoprite la nostra guida con tante informazioni utili e consigli per crescere bene il vostro bebè.

Non perderti questo articolo! guida gravidanza

Guida alla gravidanza

Congratulazioni per il bebè in arrivo! Iscriviti subito alla newsletter che ti segue nelle 40 settimane di gestazione.