Salute nove mesi

Tosse e raffreddore in gravidanza

raffreddore-gravidanza1

Cautela con i farmaci: meglio evitare l'aspirina nel primo trimestre e dopo la 30-32esima settimana. Il farmaco più consigliato è il paracetamolo che è anche il principio attivo più efficace per abbassare la febbre. Ma perché non provare a curarsi con lavaggi nasali e rimedi della nonna? Tutti i consigli

Tosse, raffreddore, un po’ di mal di gola: con i primi freddi arrivano anche i primi malanni di stagione. Sei in dolce attesa e temi che gli starnuti o i colpi di tosse possano dar fastidio al feto? Non preoccuparti, per il bebè sarà come oscillare dolcemente, sempre protetto dal liquido amniotico. Anche se hai un po’ di febbre non temere per il bebè. Consulta il medico solo se la febbre persiste per diversi giorni o è molto alta (oltre i 39° C). Sei gia iscritta alla Guida per la gravidanza?

ATTENZIONE AI FARMACI

Aspirina, paracetamolo, antinfiammatori: ovvero tutti quei farmaci che normalmente si prendono in caso di raffreddamento sono ammessi in gravidanza? Bisogna fare dei distinguo. Leggi anche Farmaci in gravidanza

“L’aspirina si può assumere, ma per estrema cautela, è meglio evitarla nel primo trimestre, perché secondo alcuni studi, ancora da dimostrare, aumenterebbe il rischio di aborto spontaneo” spiega Antonio Clavenna, ricercatore presso il Laboratorio per la Salute Materno Infantile - Istituto Mario Negri di Milano.

“In ogni caso l’assunzione dell’aspirina, così come quella di tutti gli altri Fans, cioè farmaci antinfiammatori anti-stiroidei, come l’ibuprofen o il diclofenac, deve essere assolutamente evitata dopo la 30-32ma settimana di gestazione, poiché potrebbe causare la chiusura del dotto di Botallo, un vaso fondamentale per la circolazione sanguigna fetale”.

Il farmaco di prima scelta durante i nove mesi è senza dubbio il paracetamolo (Tachipirina, Efferalgan, ecc.) che è anche il principio attivo più efficace per abbassare la temperatura, spiega Clavenna,.

Sbagliato invece assumere antibiotici solo perché si ha febbre: ce ne sono alcuni che possono essere utilizzati anche in gravidanza (sempre dietro prescrizione medica!), come l’amoxicillina, l’amoxicillina più l’acido clavulanico, le cefalosporine o i macrolidi, ma sono utili solo in caso di infezione batterica; se la febbre è provocata da virus (come capita nella maggioranza dei casi) gli antibiotici non hanno alcun effetto.

MEGLIO I RIMEDI DELLA NONNA

Per liberare il naso chiuso o in caso di tosse, Clavenna consiglia di bere molti liquidi, fare lavaggi nasali e suffumigi con acqua bollente più sale grosso o bicarbonato, oppure aerosol con semplice soluzione fisiologica (senza l’aggiunta di medicinali), che aiutano a sciogliere il muco.

Occhio alla propoli, dice invece il medico: meglio evitarne l’impiego, dal momento che non ci sono dati sull’uso in gravidanza. Non si dimentichi inoltre che spesso viene formulata in soluzione alcolica, che potrebbe passare al feto.

Per il raffreddore: acqua e sale invece dello spray nasaleSciogliere un cucchiaino di sale normale in mezzo litro d'acqua tiepida, con una siringa senza ago (o una neti pot fare lavaggi nasali più volte al giorno. In alternativa bollire l'acqua salata in una pentola e inalare il vapore.Il consiglio in più: fai un bagno di vapore con menta piperita, eucalipto, olio di timo o di pino e camomilla. Per la tosse: sciroppo di cipolla al posto dello sciroppo da farmaciaE’ antibatterico ed espettorante. Come si fa? Prendi una cipolla media (non importa il colore) e tagliala a fettine sottili disponendola in una tazza capiente. Ricopri con lo zucchero (due-tre cucchiai), coprire la tazza con un piattino e lascia macerare per qualche ora. Prendi quattro-sei cucchiani più volte al giorno.

Per la gola irritata: tè alla salvia invece delle caramelle per la gola.

Prendi otto foglie fresche di salvia e mettile in 200 ml di acqua bollente. Lascia bollire per 15 minuti. Fai gargarismi ogni due ore.

Mal di gola: impacco di patate invece degli antinfiammatoriFai una purea di patate e mettila in un canovaccio. Poi avvolgi l'asciugamano caldo intorno al collo.

Sudare molto per combattere i sintomi del raffreddamento

Naso che cola e gola irritata, che cosa fare? Fai un infuso con 30 grammi di sambuco, fiori di camomilla e 40 grammi di fiori di tiglio. Lascia riposare per cinque minuti, filtra e bevilo caldo.

(Fonte: eltern.de)

Vuoi chiedere consiglio alle mamme? Vai nella sezione del forum Consigli sulla gravidanza

23 Novembre 2011 | Aggiornato il 23 Novembre 2011
2 Commenti
10 Marzo 2014 10:43
Silvietta
Invece avevo letto che salvia e camomilla erano da evitare...di fatti io mi facevo tisane di tiglio
10 Marzo 2014 10:41
Silvietta
La proproli è sicura, garantito dal mio ginecologo e da altri due medici (di base) a cui ho chiesto, per l'alcol basta prendere quello x bimbi che non ne contiene o le pastiglie. Comunque la quantità se diluito è veramente minima, per cui non esageriamo! Poi c'è lo sciroppo agli estratti di viola o quello di bava di lumaca, quello all'eucalipto che vanno bene per la tosse.
Cosa ne pensi? Scrivi un commento
Nome (minimo 6 caratteri)
Email *
Inserisci il codice *
Commento (massimo 1000 caratteri) *
IL VIDEO CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
TUTTI I VIDEO
iscriviti alle
newsletter
di nostrofiglio.it
Ricevi le news della settimana!
EDITORIALE
Gli ultimi articoli,
i video e le storie
GRAVIDANZA
Info utili e consigli
per le future mamme
NEONATO
Tutto sulla crescita
del bambino,
da 0 a 12 mesi
• fanno parte del network nostrofiglio.it: mammole.itoltretata.itmiobambino.it
• ulteriori offerte della casa editrice G+J/M •
© Gruner+Jahr/Mondadori S.p.A.
Sede Legale: Via Battistotti Sassi 11/A ‚A 20133 Milano
Condizioni di utilizzo Privacy | Chi siamo | Pubblicità | Crediti
P.IVA e Reg.Imprese di Milano n. 09440000157
R.E.A. di Milano n. 1292226
Capitale Sociale : € 2.600.000 i.v.