Nostrofiglio

Primo trimestre

Gravidanza: 7 sintomi normali del primo trimestre

primotrimestregravidanza

24 Marzo 2016 | Aggiornato il 14 Giugno 2017
Sei incinta e sei nel primo trimestre di gravidanza. Non provi nausea? Ti senti stanca e ti gira la testa? Nella maggioranza dei casi, sono tutti sintomi normali, così come è altrettanto normale non provarne neanche uno. Sono le tante variabili che rendono unica ed irripetibile ogni gravidanza, anche della stessa donna.

Facebook Twitter Google Plus More

Sono incinta, è normale se…?

Ho doloretti alla pancia? Ho lievi perdite, trasparenti o rosse? Mi fa male il seno? Non provo nausea? Mi sento stanca e mi gira la testa? Nella maggioranza dei casi, sono tutti sintomi normali, così come è altrettanto normale non provarne neanche uno. Sono le tante variabili che rendono unica ed irripetibile ogni gravidanza, anche della stessa donna.

 

1 - Doloretti e gonfiore

E' normale se in gravidanza... ho doloretti alla pancia, come se mi dovessero arrivare le mestruazioni?

 

Un senso di gonfiore e di peso al basso ventre, accompagnato da doloretti a livello delle ovaie: sono sensazioni comuni sia al periodo premestruale che all’inizio gravidanza, tant’è vero che alcune donne, prima di fare il test, non capiscono se siano davvero incinte o no. “E’ un fatto normale, perché il quadro ormonale che si viene a delineare è simile in entrambi i casi e simili sono gli effetti” spiega la ginecologa Rossana Sarli.

 

I livelli alti di estrogeni e progesterone fanno infatti aumentare l’afflusso di sangue nella zona pelvica determinando una sensazione di peso, in più fanno diminuire la motilità intestinale, provocando gonfiore addominale. Inoltre, l’annidamento dell’embrione può provocare piccole contrazioni della muscolatura dell’utero. Sono tutti fenomeni fisiologici”.

 

2 - Perdite rossastre

E' normale se in gravidanza… ho lievi perdite rossastre o marroncine?

 

E’ un altro fenomeno abbastanza frequente e per fortuna il più delle volte privo di significato. “Le perdite sono da considerare normali se sono scarse, di colore brunastro e non si accompagnano a dolore” dice la Sarli : “a determinarle possono essere le variazioni ormonali delle prime settimane, un rapporto sessuale o piccole emorragie retrocoriali (cioè localizzate dietro la placenta in formazione) che, se si verificano vicino al collo uterino, possono dare una lieve fuoriuscita di sangue.

 

Se invece le perdite continuano, diventano più abbondanti, di colore rosso vivo e si accompagno a contrazioni, è necessario fare un controllo ecografico”. (Leggi anche: perdite da impianto o inizio mestruazioni?)

 

3 - Ho perdite trasparenti

E' normale se in gravidanza… ho perdite trasparenti più abbondanti?

 

Perdite trasparenti, liquide o filamentose e più abbondanti sono comuni per tutta la gravidanza poiché il collo uterino produce più muco. E’ un fatto ormonale assolutamente fisiologico. Per alleviare il fastidio della sensazione di bagnato, basta cambiare la biancheria più spesso e sciacquarsi con semplice acqua.

Da evitare l’uso dei salvaslip, perché aumentano il clima umido, e l’abuso di saponi detergenti o salviettine umidificate, che privano la mucosa della sua naturale protezione.

 

Se però le perdite diventano “ricottose” o maleodoranti e la donna avverte prurito o bruciore, potrebbe esserci un’infezione vaginale, come la Candida o la Gardenella, che vanno curate con creme o ovuli prescritti dal ginecologo.

 

4 - Tensione al seno

E' normale se in gravidanza… mi fa male il seno?

 

Il senso di tensione al seno è uno dei segnali tipici di inizio gravidanza. “L’alto livello di estrogeni e progesterone aumenta il turgore della ghiandola mammaria, che sin dai primi mesi di gravidanza si prepara per l’allattamento” dice la Sarli. Si tratta di una sensazione soggettiva, quindi ci sono donne che la avvertono maggiormente, altre che neanche notano cambiamenti, quindi non c’è assolutamente da preoccuparsi se il seno non dà alcun fastidio!

 

Consigli per alleviare la dolenzia? L’unico è quello di indossare un reggiseno più grande e con un sostegno più robusto, per evitare l’eccesso di movimento del seno e non schiacciarlo.

 

5 - Nausea

E' normale se… non provo la nausea?

 

La nausea è un disturbo abbastanza diffuso nel primo trimestre, soprattutto dalla 7° settimana di gravidanza fino a circa la 13° gravidanza. A provocarlo pare sia l’aumento degli ormoni di inizio gravidanza, e cioè beta hCG e progesterone, ed è per questo che nella maggior parte dei casi scompare alla fine del primo trimestre, quando la produzione di questi due ormoni diminuisce. La nausea va considerata un fenomeno assolutamente normale, che non interferisce con il buon andamento della gravidanza. Ma al tempo stesso è altrettanto normale non averle, anzi, se non si provano nausee, bisogna solo considerarsi fortunate!

 

6 - Stanchezza cronica

E' normale se… mi sento sempre stanca?

 

La stanchezza e la sonnolenza sono altri due sintomi frequenti delle prime settimane di gravidanza. Di motivi ce ne sono parecchi: i “soliti” ormoni, forse, ma anche lo stordimento per la novità in arrivo, la mancanza di sonno, il maggior lavoro del cuore, una carenza di ferro ed un sistema di difesa atavico dell’organismo, che ci invita a rallentare i ritmi per potersi meglio dedicare a far crescere il bebè.

 

E’ tutto normale e non c’è nient’altro da fare se non assecondare, quando e quanto possibile, le richieste del corpo. E poi, un buon caffè al momento del bisogno può aiutare!

 

7 - Capogiri

E' normale se… ogni tanto ho dei capogiri, soprattutto al mattino?

 

Il senso di svenimento è un “classico” delle prime settimane (quanti film hanno fatto esordire una gravidanza sconosciuta proprio con uno svenimento?). Può capitare soprattutto di mattina ed è dovuto ad un abbassamento della pressione arteriosa. “La pressione bassa non nuoce né al bambino né alla mamma” commenta la ginecologa. “Per evitare di svenire, però, appena si avvertono capogiri, meglio sedersi e sollevare le gambe più in alto rispetto alla testa, per far affluire il sangue al cervello. Come regole di prevenzione, invece, bisogna evitare i digiuni prolungati, il caldo eccessivo e i bruschi cambi di posizione, soprattutto quando ci si alza dal letto al mattino”.