Nostrofiglio.it Family Network


Salute bambini

Stomatite nei bambini, sintomi e cure

Salute bambini: Stomatite nei bambini, sintomi e cure

Che cos'è la stomatite E’ un’infezione molto fastidiosa che coinvolge le mucose della bocca e si presenta con vescicole dolorose e in alcuni casi con febbre, anche elevata. Ecco come riconoscere le varie forme e come curarla.

Stomatite o stomatite erpetica? “Ci sono diverse forme di stomatite e non sempre è facile distinguerle fra di loro” premette Susanna Esposito, professore associato di pediatria e responsabile dell’U.O.S. (Unità Operativa Semplice) di infettivologia pediatrica della clinica De Marchi di Milano.

“Vi sono infatti gengivo-stomatiti - che possono essere causate da molteplici virus, tipo l’adenovirus o l’enterovirus - che si manifestano con mal di gola, bollicine e talvolta lieve rialzo febbrile, non superiore a 38°; abitualmente più seria è, invece, la stomatite erpetica, che è provocata dal virus dell’herpes simplex di tipo 1”.

I sintomi della stomatite erpetica primaria Quando la stomatite erpetica viene contratta per la prima volta – si tratta cioè di un’infezione primaria - dà in genere disturbi più importanti: compaiono vescicole a grappolo, localizzate in vari punti del cavo orale, come sulla mucosa delle guance, sulla lingua, le gengive, il palato ed anche sul labbro, che provocano al bambino un dolore intenso che gli impedisce di mangiare.

Talvolta le vescicole si rompono, dando un essudato biancastro, inoltre i linfonodi della gola appaiono ingrossati e c’è un’abbondante salivazione. Ma soprattutto compare la febbre, che si mantiene elevata, anche al di sopra dei 39°, per più giorni, inoltre il bambino appare piuttosto debilitato.

Le recidive Una volta contratta l’infezione, il virus dell’herpes resta nei gangli nervosi in forma latente, per poi riattivarsi, in alcuni soggetti predisposti, in periodi di debolezza delle difese immunitarie dell’organismo, come dopo una malattia, in seguito d uno stress emotivo o anche durante l’esposizione ai raggi UV.

“Nelle riattivazioni però dà origine a disturbi molto più lievi, limitati alla comparsa di afte nel cavo orale o, nei più grandicelli, di vescicole sul labbro (l’herpes labiale)” fa notare la prof.ssa Esposito.

Come si trasmette Sia la stomatite causata da herpes che quella provocata da altri virus si trasmettono attraverso le goccioline di saliva o per via respiratoria, per contatto diretto o indiretto con il bambino portatore del virus: ecco perché è indispensabile non adoperare le stesse stoviglie o gli stessi asciugamani ed evitare contatti ravvicinati con altri bambini eventualmente presenti in famiglia.

N.B.: Attenzione se il bambino si succhia il dito, magari nel tentativo di alleviare il fastidio alla bocca: toccandosi potrebbe provocare la diffusione delle vescicole su altre parti del corpo, come volto, collo, torace.

Contagioso per quanto tempo? L’incubazione della malattia varia da 2 a 12 giorni, ma il bambino è contagioso da 2 giorni prima della comparsa delle vescicole fino alla loro completa guarigione. Per questo, per il rientro in comunità, è bene aspettare che siano scomparse tutte le bollicine.

Come si cura Il più delle volte le gengivo-stomatiti si risolvono da sé senza bisogno di alcun trattamento. “Solo se si tratta di una stomatite erpetica primaria e il bambino appare molto abbattuto, con numerose vescicole e difficoltà ad alimentarsi, può risultare utile una terapia antivirale con aciclovir da somministrare per bocca o per via endovenosa, che riduce l’intensità e la durata della sintomatologia” consiglia l’esperta.

“Per avere il massimo dell’efficacia, la terapia antivirale dovrebbe essere iniziata entro 48 ore dalla comparsa dell’infezione e protratta per 5 giorni. E’ importante sottolineare che l’antivirale funziona solo nella stomatite primaria, e non nelle recidive, e serve unicamente se l’infezione è causata dall’herpes simplex, quindi non per le stomatiti causate da altri virus.

Per le recidive o le altre forme di stomatite, è sufficiente applicare localmente delle pomate a base di aloe vera, che hanno un effetto antidolorifico locale, e somministrare cibi freschi in forma semiliquida”.

Niente paura se non mangia Quando il bambino ha la stomatite, la preoccupazione principale delle mamme è che non mangia. “Anche se il bambino si nutre poco per una decina di giorni non ci si deve preoccupare, ed è inutile forzarlo a mangiare” commenta Susanna Esposito “perché per lui il passaggio del cibo in bocca, specie se caldo, è molto doloroso.

Nei giorni più critici, si può provare a dargli qualcosa di freddo, come gelato, latte, yogurt, ma soprattutto è importante farlo bere per evitare la disidratazione: succhi di frutta, acqua o bevande zuccherate, a seconda di quel che gradisce di più. Ed anche quando le vesciche cominciano a guarire, è opportuno proseguire con cibi semiliquidi, che non richiedono masticazione e sono facili da ingoiare”.

Quanto dura? Per la stomatite erpetica, la fase peggiore dura 3-4 giorni; entro 6-7 giorni si ha la scomparsa della febbre ed una netta riduzione delle lesioni; la guarigione totale avviene dopo 15-20 giorni.

Per le altre forme di stomatite, la febbre dura non più di 3-4 giorni e la guarigione completa si ha in 7-10 giorni.

Per ‘rimetterlo in forze’? Spesso le mamme chiedono al pediatra degli integratori per rinforzare l’organismo del bambino dopo tanti giorni di febbre e di digiuno. “In realtà, non vi sono dimostrazioni scientifiche sull’efficacia di immunostimolanti o vitamine varie per ‘tirare su’ il bambino dopo le malattie infettive, stomatite inclusa” specifica la Esposito: “una volta passate le bollicine, basterà ricominciare a mangiare normalmente per recuperare in pieno le forze - ed eventualmente il peso – persi nei giorni di malattia”.

Vuoi saperne di più? Consulta la sezione dedicata alla salute del bambino

Vuoi conoscere o scambiare informazioni con altre mamme? Entra nel forum dedicato a salute e malattie


Il video consigliato dalla redazione:

Perché lo sport fa bene ai bambini

Guarda tutti i video della webtv




 

  • Rino 14 febbraio 2014, alle ore 17:53

    Salve vorrei sapere se è normale nella stomatite un lieve sanguinamento.Grazie in anticipo a chi mi risponde

  • Niegiu 11 luglio 2013, alle ore 19:11

    Mio figlio di 4 anni ha contratto la stomatite dal cugino di 3.
    Adesso aspetto il contagio delle sorelline, due gemelline di 1 anno e 5 mesi.
    Non oso pensare a cosa passeremo sapendo che non ci sono rimedi per evitare il contagio, visto che han giocato insieme fino alla comparsa delle bollicine sulla lingua.
    Mi faccio gli auguri da solo...

  • Giulia 05 luglio 2013, alle ore 07:52

    Tutto è iniziato con una leggera febbre che non ha mai superato i 38. Poi mia figlia ha cominciato ad avvertire difficoltà a deglutire, anche l'alito era compromesso... . La cosa che mi ha allarmata ,sono state il cambiamento di colore ed il rigonfiamento delle gengive.. da lì è iniziato un susseguirsi di eventi come: sanguinamento, alitosi, punti bianchi sulla lingua.... l'unica terapia consigliata acqua e bicarbonato x disinfezione + gel x afte.

  • cristina 13 maggio 2013, alle ore 14:42

    salve, mio figlio di 2 anni glie venuto herpes dentro l orecchio e nelle tonsille,con febbre a 38 come posso curarlo . ps non si fa mettere le sumposte grazie

  • simona 27 febbraio 2013, alle ore 16:43

    Dopo otto giorni di febbre a 39, 5 e la bocca rovinata dal dolore, la pediatra è riuscita a capire che si poteva trattare di stomatite... la mia piccola è stata tutto questo tempo con febbre alta dolore alla bocca e sanguinamento, e la pediatra mi continuava a dire che era la dentizione... solo quando mi sono allarmata dicendo di andare al bambino gesù ha pensato bene dimettere in moto il cervello e capire cos'era.
    PER AIUTARE LE MAMME ELENCO I SINTOMI DI MIA FIGLIA:
    FEBBRE ALTA (39) ALITO CATTIVO, BOLLICINE BIANCHE, SANGUINAMENTO, DIFFICOLTA' A DECLUTIRE E SOPRATTUTTO GENGIVE GONFIE

Scrivi il commento


* Inserisci un indirizzo e-mail valido. L'indirizzo non sarà visualizzato sul sito. Per evitare usi impropri, ti sarà inviata una e-mail con un link per la pubblicazione del commento.
Altra stringa

Invia
Cerca











Da non perdere

Non perderti questo articolo! tata Adriana

I consigli della tata

Leggi tutti i consigli di Adriana ai lettori di Nostrofiglio.it.
I 100 consigli della tata ai genitori

Non perderti questo articolo! guida al bambino

Guida al bambino

Congratulazioni a tutte le neo mamme! Scoprite la nostra guida con tante informazioni utili e consigli per crescere bene il vostro bebè.

Non perderti questo articolo! guida gravidanza

Guida alla gravidanza

Congratulazioni per il bebè in arrivo! Iscriviti subito alla newsletter che ti segue nelle 40 settimane di gestazione.