Nostrofiglio.it Family Network


Neonati

Coliche, che cosa fare

Neonati: Coliche, che cosa fare

Quando si può parlare di coliche

“Innanzitutto non bisogna pensare alle coliche ogni volta che il neonato piange” premette il prof. Arrigo Barabino, primario di gastroenterologia pediatrica presso l’Ospedale Gaslini di Genova. “Nei neonati un pianto, che si prolunga anche per due ore al giorno, è da considerare fisiologico e fa parte del normale sviluppo.

Si può invece ipotizzare che il bambino soffra di coliche se rispetta la cosiddetta ‘regola del 3’, coniata negli anni ’50 dal dottor Wessel e valida ancor oggi: si tratta di coliche se ci troviamo davanti a un lattante sano, ben nutrito, che piange più di 3 ore al giorno, per più di 3 giorni alla settimana, e per più di 3 settimane di seguito”.

Anche i sintomi hanno caratteristiche ben precise: all’improvviso il bambino, senza alcuna causa scatenante, comincia a essere irrequieto e a strillare, diventa pallido o addirittura cianotico, stringe i pungi, flette le gambe sull’addome. Neanche il seno della mamma o il succhiotto spesso riescono a dargli consolazione. Tra una crisi e l’altra può calmarsi, addormentarsi, emettere un flato, che gli procura sollievo momentaneo.

Di solito (ma non è una regola assoluta) le crisi sono più frequenti nelle ore serali se il bambino è allattato al biberon, mentre nei piccoli allattati al seno possono manifestarsi in qualunque momento della giornata.

Le coliche cominciano a manifestarsi in genere verso la 4-5 settimana di vita, ma sono autolimitanti, ossia si riducono spontaneamente dopo i 3 mesi, fino a cessare del tutto.

Alla diagnosi di colica gassosa si arriva dopo un’attenta visita del pediatra, volta a escludere altre cause (circa il 5%), come ad esempio un reflusso gastro-esofageo, impatto fecale (ossia l’acumulo di feci nell’ultimo tratto dell’intestino), eventuali traumi, ma anche semplicemente un corpo estraneo nell’occhio che infastidisce il bambino.

La prognosi delle coliche gassose è buona per quanto riguarda il sintomo in sé stesso, anche se alcuni studi hanno dimostrato che il lattante con coliche abbia un rischio aumentato di presentare nel primo anno di vita dei disturbi del sonno, dell’attenzione e dell’umore per cui può essere definito di temperamento “difficile”.

(Consulenza: prof. Arrigo Barabino, primario di gastroenterologia pediatrica presso Ospedale Gaslini di Genova)

Tutto sulle coliche:

Le cause delle coliche

Che cosa fare se il bebè ha le coliche

Consigli pratici

E se fosse colpa del latte?

I trattamenti farmacologici

Vuoi chiedere consiglio ad altre neo mamme o al nostro pediatra di fiducia? Iscriviti subito alla community


Il video di oggi consigliato dalla redazione:

Il dottore che canta "Buon compleanno" a tutti i neonati

Guarda tutti i video della webtv




 

  • luigi 18 febbraio 2014, alle ore 15:31

    Ciao, sono un papà che non ha dormito per due mesi, circa. Ho acquistato un corso su internet, credo il sito fosse www.colicheneonati.it, ma non ne sono certo, dove ho trovato decine di suggerimenti. Molti funzionano. Se può esservi utile...

  • Laura 06 febbraio 2013, alle ore 13:42

    Per chi allatta: sono riuscita nel giro di una settimana a eliminare le coliche di cui soffriva la mia Letizia sistemando la mia alimentazione: niente più latticini di origine vaccina, bevo latte di soya (il classico non è molto buono, ma esiste una versione vanigliata) e mangio formaggi di capra o di pecora. altri alimenti da eliminare: cioccolato (il cacao si), lattuga e pomodoro. I biscotti contenenti latte si possono mangiare. Questo per almeno 5 mesi, quindi bisogna rinunciare a pizza e lasagne ma ne vale la pena, risultati si vedono già nel giro di pochi giorni. La mia bimba cresce bene quindi non ha avuto carenze di calcio, io prendo anche il Multicentrum. Provare non costa nulla, ma vanno eliminati completamente.

  • susanna 08 settembre 2012, alle ore 09:33

    Il mio bimbo ha avuto coliche per due mesi e per dodici ore al giorno (!!!!!!), ho provato le famose goccine che certamente qualcosa fanno, ma poi provocano assuefazione e bisogna aumentare la dose oppure sostituire il principio attivo.... Alla fine ho risolto (e con me molte amiche) cambiando l'acqua che bevevo, in allattamento. Utilizzando un'acqua con basso residuo fisso ho risolto magicamente! e senza farmaci! Provare per credere!

  • andrea 12 maggio 2012, alle ore 15:04

    Vorrei sapere cosa posso fare in materia di colichette in quanto la mia bambina di quasi un mese piange spesso in particolar modo nella tarda sera ,sareste cosi gentile se il pianto è dovuto alle colichette o magari che non riesce normalmente a fare le feci,vi ringrazio augurandovi buon lavoro.

  • Linda 24 aprile 2012, alle ore 19:10

    il mio piccolo (1 mese) aveva coliche continue e costanti tutto il giorno e la notte. dopo aver provato simeticone e anti spastici che lo facevano solo rimettere e senza risultati, ho provato con i fermenti lattici (Reuflor) e come per magia ho praticamente risolto il problema!! sono fermenti e non fanno per niente male. 5 gocce una volta al giorno.

Scrivi il commento


* Inserisci un indirizzo e-mail valido. L'indirizzo non sarà visualizzato sul sito. Per evitare usi impropri, ti sarà inviata una e-mail con un link per la pubblicazione del commento.
Altra stringa

Invia
Cerca











Da non perdere

Non perderti questo articolo! tata Adriana

I consigli della tata

Leggi tutti i consigli di Adriana ai lettori di Nostrofiglio.it.
I 100 consigli della tata ai genitori

Non perderti questo articolo! guida al bambino

Guida al bambino

Congratulazioni a tutte le neo mamme! Scoprite la nostra guida con tante informazioni utili e consigli per crescere bene il vostro bebè.

Non perderti questo articolo! guida gravidanza

Guida alla gravidanza

Congratulazioni per il bebè in arrivo! Iscriviti subito alla newsletter che ti segue nelle 40 settimane di gestazione.