Nostrofiglio.it Family Network


Salute bambini

Il neonato ha il raffreddore e il naso chiuso

Salute bambini: Il neonato ha il raffreddore e il naso chiuso

“I bambini, fino ad una certa età, respirano esclusivamente attraverso il naso, quindi averlo intasato può essere per loro particolarmente fastidioso” premette Mario Quattrone, pediatra a Reggio Calabria. “Il disagio può essere avvertito soprattutto durante le poppate o durante il sonno, che, proprio a causa dell’ostruzione delle prime vie aeree, possono essere intervallati da piccole apnee. Non essendo ancora in grado di soffiarsi il naso, l’unica ‘arma’ a loro disposizione è lo starnuto, con il quale tentano di espellere le secrezioni”. Come aiutarli? Ecco i consigli del pediatra.

Umidifica gli ambienti

L’aria eccessivamente secca e calda di certi ambienti chiusi asciuga le mucose e favorisce la formazione di croste, che tappano ancor di più il naso: regola allora il termostato dei caloriferi a temperature più ragionevoli e adopera umidificatori per ambienti, almeno nella stanza dove dorme il piccolo.

Solleva il materasso

Colloca un cuscino sotto il materasso del suo lettino: dormire con la testa leggermente rialzata fa defluire meglio le secrezioni.

Tieni pulito il naso

Più volte al giorno, e specialmente prima della poppata e della nanna, fai dei lavaggi nasali con soluzione fisiologica o acqua di mare: ci sono in commercio pratiche fialette o spray monodose che, instillati nelle narici, aiutano ad eliminare il muco ristagnante.

Puoi anche usare una piccola siringa senza ago e la soluzione di acqua fisiologica (si acquista in farmacia e costa poco). Metti il bimbo sulle gambe prima su un fianco e poi sull'altro e inietti la soluzione. Da una narice l'acqua entra e dall'altra esce.

Molto efficaci (se si riesce a tenere fermo il bebè) anche gli aspiratori nasali, collegati ad una bocchetta attraverso la quale la mamma aspira delicatamente il muco dalle narici.

Offrigli da bere

Controlla che il bambino beva a sufficienza: proprio perché con la poppata magari non riesce ad alimentarsi adeguatamente, attaccalo al seno più spesso. Se è già svezzato, offrigli da bere frequentemente: l’assunzione di liquidi aiuta a fluidificare il muco.

Miele ok, ma dopo l’anno

Se il bambino ha superato l’anno di età, ok ad una tazza di latte caldo con un cucchiaino di miele, che aiuta a sciogliere le secrezioni nasali. Il miele invece deve essere evitato prima dei 12 mesi poiché è stato dimostrato che contiene spore che sui più piccoli possono avere effetti tossici.

Aerosol? Sì, con soluzione fisiologica!

E’ utile fare l’aerosol? “Può aiutare a liberare le prime vie aeree, grazie all’azione del vapore” risponde Quattrone. “L’importante è adoperare solo soluzione fisiologica e non aggiungere farmaci, come fluidificanti o cortisonici, che per un banale raffreddore sono davvero troppo!”

Farmaci, sì o no?

Come regola generale, in età pediatrica meno farmaci si usano meglio è” avverte il pediatra. “In particolare sono da evitare i decongestionanti ad azione vasocostrittrice, che sono stati vietati fino ai 12 anni di età poiché possono provocare effetti collaterali anche seri. Per il resto i rimedi naturali, come i lavaggi nasali, sono spesso più efficaci dei mucolitici in sciroppi o gocce tanto pubblicizzati. In commercio esistono anche pomatine ad effetto balsamico, da spalmare in piccole dosi vicino alle narici: possono dare un leggero sollievo, ma facciamo sempre attenzione che non contengano medicinali”.

Restare a casa?

Se il bambino è raffreddato è meglio tenerlo a casa? “L’aria di per sé non fa male, ma se la giornata è particolarmente rigida e ventosa, meglio evitare le uscite” sottolinea Quattrone. “Se poi il bambino frequenta il nido, restare a casa è una buona precauzione per non diffondere il contagio”.

Rivolgersi al pediatra se:

  • sopraggiunge febbre elevata, che non passa dopo 2-3 giorni;
  • si notano persistenti secrezioni purulente giallo-verdognole;
  • il bambino è particolarmente inappetente e lamentoso;
  • abbiamo l’impressione che il bambino avverta mal d’orecchie;
  • il piccolo ha meno di 3 mesi di vita.

Leggi anche: Bronchite di stagione, Tosse, strategie per combatterla, il bambino ha la febbre, Bebè sano dalla A alla Z, Mamma, mi fa male l'orecchio

Se vuoi confrontarti con altre mamme o chiedere consiglio al pediatra di Nostrofiglio.it, entra nel forum

Cerca











Da non perdere

Non perderti questo articolo! tata Adriana

I consigli della tata

Leggi tutti i consigli di Adriana ai lettori di Nostrofiglio.it.
I 100 consigli della tata ai genitori

Non perderti questo articolo! guida al bambino

Guida al bambino

Congratulazioni a tutte le neo mamme! Scoprite la nostra guida con tante informazioni utili e consigli per crescere bene il vostro bebè.

Non perderti questo articolo! guida gravidanza

Guida alla gravidanza

Congratulazioni per il bebè in arrivo! Iscriviti subito alla newsletter che ti segue nelle 40 settimane di gestazione.