Nostrofiglio.it Family Network


Salute e bambini

Vaccinazioni obbligatorie e volontarie. Il calendario

Salute e bambini: Vaccinazioni obbligatorie e volontarie. Il calendario

Guarda tutti i video della webTV di nostrofiglio.it


di Daniela Ovadia

Le vaccinazioni obbligatorie sono: antidifterica (Legge del 6 giugno 1939 n. 891 – Legge del 27 aprile 1981 n. 166); antitetanica (Legge del 20 marzo 1968 n. 419); antipoliomielitica (Legge del 4 febbraio 1966 n. 51); antiepatitevirale B (Legge del 27 maggio 1991 n. 165).

Tutte le altre sono volontarie, anche se il Sistema sanitario nazionale ne incentiva l’uso e garantisce la gratuità.

L’ antidifterica e l’ antitetanica si somministrano insieme attraverso il vecchio vaccino combinato (DT) oppure col vaccino trivalente antidifterico-tetanico-pertossico (DTP) se i genitori acconsentono ad aggiungere quest’ultima vaccinazione facoltativa.

Si inzia a vaccinare all’età di tre mesi e si prosegue seguendo il calendario illustrato più sotto. Le vaccinazioni contro la pertosse, il morbillo, la parotite, la rosolia e quella contro l ’Haemophilus influenzae b (Hib) sono invece facoltative. La vaccinazione contro il morbillo può essere singola o associata alla vaccinazione antiparotite e antirosolia (vaccino MPR). Quest’ultima va somministrata entro i due anni di età, preferibilmente a 13-15 mesi.

Anche se per qualche ragione si allungano i tempi tra una dose e l’altra, non si compromette l’efficacia dell’intero ciclo, purché lo si porti a termine.

Che cosa succede se un genitore non vaccina il proprio figlio?

Se un genitore si rifiuta di far vaccinare il figlio, verrà chiamato per un colloquio informativo presso la ASL di appartenenza. Un tempo i bambini non vaccinati non potevano frequentare le scuole e i genitori venivano segnalati ai Tribunali dei minori per una verifica dell’idoneità genitoriale. Oggi non è più così. Il rifiuto non compromette la scolarità del bambino, anche se il genitore verrà richiamato periodicamente dalle autorità sanitarie nella speranza che abbia cambiato idea. Al compimento del diciottesimo anno di età, il ragazzo non vaccinato verrà invitato ad attuare di sua spontanea volontà le misure di prevenzione.

Si ricorda però che, in caso di epidemia o contagio favorito da comportamenti pericolosi per la collettività o per coloro con i quali si è venuti a contatto, il giudice può decidere di procedere penalmente contro chi non ha fatto tutto il possibile per evitarlo. Tale evenienza è più teorica che reale, anche se a questo principio di sono appellati alcuni processi per diffusione del contagio da HIV.

Il calendario delle vaccinazioni

Vaccino Nascita 3° mese 5° mese 11° mese 13-15° mese 6° anno 14-16° anno
Difterite, tetano, pertosse (DTaP) DTaP DTaP DtaP DtaP DT
Poliomielite (IPV) IPV IPV IPV IPV
Epatite B (HBV) HBV (solo nei figli di madre portatrice) HBV HBV HBV
Haemophilus influenzae b (hib) Hib Hib Hib
Morbillo, parotite, rosolia (MPR) MPR MPR

Torna allo speciale VACCINAZIONI AI BAMBINI

Vuoi discutere con altri genitori della tematica "Vaccinazioni e bambini?" Entra nella sezione del nostro forum dedicata alla salute e al neonato.


Il video di oggi consigliato dalla redazione:

Il dottore che canta "Buon compleanno" a tutti i neonati

Guarda tutti i video della webtv




 

  • Pappi 10 luglio 2014, alle ore 14:13

    Tutti i medici (o quasi....) consigliano i vaccini.... lo Stato ti obbliga a a farli somministrare a tuo figlio però qualcuno mi vuole spiegare perchè tutti quei dottori di cui sopra, quando tuo figlio cresce e magari a 18 o 24 mesi ancora non parla o non raggiunge altre tappe di crescita considerate "standard" la prima cosa che ti chiedono è "Signora,. il bambino ha fatto i vaccini?" .... allora, se un dubbio c'è, anche minimo, perchè questa maledetta Sanità non ci tutela e non pretende che le sperimentazioni sui vaccini siano veramente complete prima di somministrarli a dei bimbi sani, perchè permette che i nostri figli facciano da cavie, perchè ci lascia nel timore di compiere un atto che potrebbe distruggere per sempre la vita dei nostri figli?? si, perchè un bambino autistico è un bambino che non vivrà mai la sua vita........ mio figlio l'ho vaccinato ma tornando indietro non so se lo rifarei.....

  • emanuela ragagnin 01 luglio 2014, alle ore 08:34

    buongiorno a tutti, parlando con cognizione di causa (ho una laurea in ambito sanitario anche se non esercito più), dico che secondo me la scelta giusta sta nel mezzo. E' corretto vaccinare quando i rischi di un eventuale contagio superano quelli di una possibile reazione avversa. Un esempio: in una zona in cui la difterite - malattia mortale - è endemica, sicuramente vanno vaccinati i bambini a meno di gravissime controindicazioni, mentre può essere una valida scelta evitare il vaccino per malattie superabili - ad es. il morbillo, in un contesto di condizioni igienico-sanitarie e sociali buone, quindi con bambini sani e robusti, in grado di affrontare il contagio. No ai vaccini in condizioni fisiche non ottimali, o se già il bambino ha reagito male a somministrazioni precedenti. I vaccini sono un'arma utilissima le malattie infettive, ma possono anche nuocere, essendo un forte stress per l'organismo. E' bene decidere caso per caso, in base a tanti fattori.

  • eleonora 26 giugno 2014, alle ore 11:14

    non ho ben capito.. ma il colloquio viene chiesto per chi non fa quelli obbligatori?giusto?altrimenti non chiamiamoli facoltativi gli altri!! io dovrei fare al mio leo quello per morbillo,rosolia parotite+ varicella ma non ne ho nessuna intenzione di andare... mi chiamerà la asl?

  • Teresa 04 giugno 2014, alle ore 11:56

    Buon giorno. Ho bisogno di un consiglio. Mi hanno chiamato oggi che devo portare mia figlia a fare la vaccinazione .. ma non ha neanche tre mesi. ?.

  • Antonio 29 maggio 2014, alle ore 23:33

    Virus debellati,vogliamo continuare a vaccinare per malattie stinte e non facciamo nulla per quelle odierne .e nuove ,la mia bimba ha 5 mesi non ha fatto il vaccino ed ancora non ci penso ....
    Possiamo fidarci dei politici corrotti......? E case farmaceutiche oggi si muore ancora la sanità non esiste per la salute ma per i verdoni. Riflettiamo

Scrivi il commento


* Inserisci un indirizzo e-mail valido. L'indirizzo non sarà visualizzato sul sito. Per evitare usi impropri, ti sarà inviata una e-mail con un link per la pubblicazione del commento.
Altra stringa

Invia
Cerca











Da non perdere

Non perderti questo articolo! tata Adriana

I consigli della tata

Leggi tutti i consigli di Adriana ai lettori di Nostrofiglio.it.
I 100 consigli della tata ai genitori

Non perderti questo articolo! guida al bambino

Guida al bambino

Congratulazioni a tutte le neo mamme! Scoprite la nostra guida con tante informazioni utili e consigli per crescere bene il vostro bebè.

Non perderti questo articolo! guida gravidanza

Guida alla gravidanza

Congratulazioni per il bebè in arrivo! Iscriviti subito alla newsletter che ti segue nelle 40 settimane di gestazione.