Nostrofiglio

Guida e podcast

Musica per i neonati, sviluppa le capacità di comunicazione

Di Franco Teruzzi
musica_neonato

20 Maggio 2013
La grande capacità tipica dei primi anni di vita di assorbire e imparare, dovuta all'altissimo numero di connessioni sinaptiche nel cervello, merita di essere sfruttata anche nel campo musicale: una progressiva e corretta esposizione alla musica non solo dona benessere e serenità al bambino, ma lo predispone maggiormente allo sviluppo del linguaggio anche verbale, e più in generale all'apprendimento.

Facebook Twitter Google Plus More

Consulenza di Leonardo Trevisan, docente e musicologo veneziano della Fondazione Premio Altino.

IMPARA IL RITMO E SVILUPPA LE CAPACITA' DI COMUNICAZIONE

Il concetto è ben più di un'idea: prende il nome di Music Learning Theory ed è stato sviluppato da Edwin E. Gordon, Research Professor presso la South Carolina University (USA) e Presidente Onorario dell'Associazione italiana Gordon per l'apprendimento musicale (Aigam). La grande capacità tipica dei primi anni di vita di assorbire e imparare, dovuta all'altissimo numero di connessioni sinaptiche nel cervello, merita di essere sfruttata anche nel campo musicale: per questo l'Aigam propone ai genitori (ma anche ai nonni, o agli educatori degli asili nido) una modalità di guida informale da seguire in età prescolare e una di insegnamento formale per l’età scolare che prevede anche l'apprendimento di uno strumento.

"Se la musica viene fatta ascoltare in forma progressiva, gli effetti sono quelli che fanno appello a tutte le facoltà - spiega Trevisan - all'affettività, per quel che riguarda la melodia musicale (esempio di ascolto Tema 1 – ninna nanna); alla sensorialità per quanto riguarda il ritmo (esempio di ascolto Tema 7 – nell’ombra dei ricordi); all'intelligenza, per tutto ciò che è armonia e presa di coscienza del linguaggio musicale (esempio di ascolto Tema 9 – bolero Trevileo)".

Proprio la capacità di recepire il ritmo è il tema di un recente studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences, un'autorevole rivista scientifica. In base alle ricerche effettuate su neonati in Ungheria e nei Paesi Bassi, si è arrivati a stabilire che il senso del ritmo è una caratteristica intrinseca del cervello umano.

I bambini di due o tre giorni di vita sottoposti all'esperimento hanno ascoltato musica in cuffia mentre erano addormentati. Contemporaneamente venivano misurate le loro risposte encefaliche. Lo studio ha evidenziato la dote innata del cervello umano di reagire alla ritmica musicale, individuando le battute in sequenze sonore ritmiche, percependo le variazioni e in molti casi arrivando ad anticipare le note.

Questo è molto importante non solo in termini artistici e musicali. Il senso del ritmo è infatti una componente fondamentale, per esempio, anche nel dialogo: è grazie a esso che si partecipa con i tempi giusti ad una conversazione.

L'allenamento di questa capacità, quindi assume in quest'ottica una valenza ancora maggiore. E infatti altri studi hanno dimostrato che una progressiva e corretta esposizione alla musica non solo dona benessere e serenità al bambino, ma lo predispone maggiormente allo sviluppo del linguaggio anche verbale, e più in generale all'apprendimento.

Ma i benefici non si fermano qui. La musica ha anche, infatti, effetti terapeutici. "Alcuni studi condotti nel reparto maternità di un ospedale della Florida hanno evidenziato che l’ascolto quotidiano di una cassetta musicale di 60 minuti, contenente ninnenanne o canzoni per bambini, porta ad abbreviare la durata del ricovero ospedaliero (di almeno cinque giorni) dei neonati prematuri e di basso peso - racconta Trevisan. - Nel gruppo di neonati che ascoltava le canzoni, rispetto al gruppo che non l’ascoltava, il calo di peso era minore, la quantità di latte assunto più elevata e il livello di stress meno accentuato".

La reazione allo stimolo musicale, così come può essere positiva, rischia anche, se lo stimolo è inadeguato, di essere negativa.

Leggi anche:

Musica in gravidanza

Gli errori da evitare

La playlist di musica classica

Ascolta i Podcast per le donne incinte e i neonati

Vuoi conoscere altre future mamme o altre neomamme? Vai al forum dedicato al primo anno di vita del bebè