Nostrofiglio

Salute e benessere

Le dermatiti dei bambini: guida alle più comuni nella primissima infanzia

Di Valentina Murelli
dermatiti_dei_bambini

02 Febbraio 2017
Dermatite da pannolino, eczema atopico, crosta lattea e così via: sono diverse le malattie infiammatorie della pelle che possono colpire i bambini, a volte già dai primissimi mesi di vita. Vediamo quali sono le più comuni e come riconoscerle.

Facebook Twitter Google Plus More

Dermatite, malattia infiammatoria della pelle
Cominciamo con una definizione: "Dermatite letteralmente significa processo infiammatorio della pelle" specifica Cesare Filippeschi, specialista dermatologo presso l'Ospedale pediatrico Meyer di Firenze. È dunque un termine generico, che si riferisce a varie condizioni, con caratteristiche e cause differenti, e che può provocare diversi sintomi, tra i quali:

 

  • arrossamento (eritema);
  • prurito;
  • desquamazione;
  • comparsa di bollicine;
  • comparsa di piccole lacerazioni della pelle.

Vediamo dunque quali sono le forme più diffuse nei bambini piccoli e molto piccoli.

 

Dermatite da pannolino
È un'infiammazione che colpisce la regione inguinale e del sederino, che è appunto la regione coperta dal pannolino. Generalmente banale e transitoria, non dovrebbe destare preoccupazione.

 

 

Nella forma più comune, dovuta allo sfregamento del pannolino sulla pelle e all'azione di sostanze irritanti contenute nell'urina e nelle feci, si manifesta con un arrossamento della pelle (l'eritema, appunto), che può apparire anche leggermente gonfia e calda al tatto. Più raramente, però, può essere dovuta ad altre cause, come infezioni o altre malattie del bambino.

 

Il trattamento è molto semplice: si tratta di cambiare spesso il pannolino, lavando bene il sederino con acqua corrente e un detergente delicato a ogni cambio, e asciugandolo con semplici tamponature; applicare una crema all'ossido di zinco possibilmente non troppo pastosa, e non stringere troppo il pannolino. "Meglio evitare, invece, salviettine usa e getta e borotalco, e no assoluto all'uso di farmaci (creme antibiotiche, antifungine e con cortisone) senza l'indicazione del medico" sottolinea Filippeschi.

 

Dermatite seborroica
"È comunemente nota come crosta lattea, anche se il latte - precisa il dermatologo - non c'entra nulla". In realtà si chiama così perché è tipica dei lattanti, visto che compare in genere intorno ai 2/3 mesi di vita, per poi scomparire intorno al sesto.

 

 

È caratterizzata dalla comparsa di squame giallastre in genere localizzate sul cuoio capelluto, la fronte, le arcate sopraccigliari e le regioni dietro le orecchie e da un eritema che può interessare viso, collo, tronco e anche l'area inguinale. "L'aspetto è effettivamente impegnativo, può risultare sgradevole, ma non è affatto una malattia grave e in molti casi tende a scomparire da sola" rassicura Filippeschi. Solo se persiste molto a lungo può essere il segnale di una predisposizione alla psoriasi o alla dermatite atopica.

 

Non è ancora del tutto chiaro da cosa dipenda la dermatite seborroica: "Quello che sappiamo - afferma Filippeschi - è che c'è un'aumentata crescita delle cellule dello strato superficiale della pelle".

 

Nelle forme più lievi si può anche non fare nulla, o limitarsi ad applicare una crema emolliente che aiuti a rimuovere le squame senza però traumatizzarle. "No invece alla rimozione meccanica, con pettinini o altro, che può aggravare la situazione" consiglia il dermatologo. Nelle forme più gravi conviene consultare il medico specialista, che potrebbe consigliare creme a base di cortisone da utilizzare localmente.

 

Dermatite atopica
"Anche detta eczema atopico, è una malattia classica dei primi 6/7 anni di vita e compare in genere nei primi due anni, a partire dai 5/6 mesi d'età" spiega la pediatra Elena Galli, responsabile della commissione dermatite della Società italiana di allergologia e immunologia pediatrica. È una malattia piuttosto frequente, che colpisce circa 2 bambini su dieci.

 

Si presenta con eritema e squame che compaiono in genere sul volto e nelle pieghe cutanee, per esempio a livello di gomiti e ginocchia. Le lesioni cutanee sono inoltre pruriginose e fastidiose.

 

Anche in questo caso, le cause non sono ancora del tutto chiare: c'entrano probabilmente sia una predisposizione genetica, relativa in particolare al funzionamento del sistema immunitario, sia fattori scatenanti come inquinanti ambientali, stress, problemi emozionali.

 

"Quello che è importante sottolineare è che, a differenza di quanto si è sempre creduto, non si tratta di una forma allergica e quindi il bambino con eczema atopico non va automaticamente considerato allergico" precisa Filippeschi. "Certo, può esserci un collegamento con le allergie, ma solo nel senso che le lesioni della pelle, specialmente nelle forme più gravi e persistenti, possono facilitare l'ingresso di antigeni - gli agenti che scatenano le allergie - e questo può facilitare nel tempo l'insorgenza di future allergie respiratorie o alimentari".

 

 

La terapia varia molto a seconda del tipo di lesioni presenti sulla pelle - chiazze rosse o del colore della pelle, umide oppure secche, spesse oppure sottili - e della gravità della malattia. Si va dalla semplice applicazione di creme idratanti ed emollienti, che aiutano a ripristinare la normale barriera protettiva della pelle, a prodotti antinfammatori più specifici, in particolare creme con cortisone.

 

"A questo proposito, va sottolineato che spesso i genitori presentano una vera e propria corticofobia, un rifiuto a usare questi farmaci" sottolinea il dermatologo. "Ma attenzione: non c'è niente da temere. Se applicati secondo le indicazioni del medico, e in alternanza con le creme emollienti, questi prodotti sono fondamentali per ridurre le abrasioni della pelle del bambino e migliorare la sua qualità di vita, senza effetti collaterali". Un aspetto negativo, quello della corticofobia, sottolineato anche dalla Consensus conference italiana sulla Gestione clinica della dermatite atopica in età pediatrica, pubblicata nel 2015.

 

Molto importante anche la cosiddetta educazione terapeutica, un approccio a 360° alla dermatite atopica, che permette di insegnare al bambino e alla sua famiglia non solo la corretta applicazione della terapia, ma anche le modalità migliori per convivere con il disturbo, che è sicuramente fastidioso, ma non è grave né contagioso e può risolversi spontaneamente senza esiti.

 

Miliaria o sudamina
"È semplicemente un processo infiammatorio delle ghiandole sudoripare che si verifica quasi fisiologicamente in conseguenza di uno sbalzo termico importante, per esempio quando il bambino suda molto" spiega Filippeschi.

 

Dunque può comparire - la manifestazione tipica è data da microbollicine trasparenti sulla pelle - in estate, ma anche in inverno, se il bambino viene coperto troppo. Il trattamento è semplice: in genere basta qualche bagnetto rinfrescante, magari seguito dall'applicazione di un velo leggero di crema idratante.

 

Psoriasi infantile
Come spiega un approfondimento del sito dell'Ospedale pediatrico Bambino Gesù, è una malattia "caratterizzata dalla presenza di chiazze tondeggianti di colorito rossastro, tipicamente ricoperte da squame biancastre di solito non pruriginose".

 

 

Nella forma più classica, tipica dell'adulto, queste lesioni interessano soprattutto le superfici esterne degli arti, e in particolare gomiti e ginocchia, e la regione lombare. Nei bambini, dove è comunque piuttosto rara, può interessare invece anche l'area inguinale - in questo senso può essere considerata una forma di dermatite da pannolino - il cuoio capelluto e le pieghe cutanee di gomiti, inguine e ginocchia: si parla in questo caso di psoriasi inversa.

 

È considerata una malattia multifattoriale, cioè provocata da una combinazione di fattori, in particolare una predisposizione genetica sulla quale si inseriscono fattori scatenanti come il trauma meccanico (lo sfregamento), infezioni, fattori emotivi eccetera.

 

La terapia prevede l'applicazione - a seconda dei casi - di vari tipi di creme, da quelle semplicemente emollienti e idratanti, a quelle antinfiammatorie a base di cortisonici, a quelle cosiddette cheratolitiche, che facilitano il distacco delle squame.

 

Dermatiti da contatto
Sono quelle provocate dal contatto con vari tipi di sostanze allergizzanti che possono essere presenti nell'ambiente, in particolare metalli cone nickel e cromo, farmaci, profumi, coloranti.

 

"Sono tuttavia molto rare nei bambini piccoli" afferma Galli. "Tendono ad aumentare di frequenza, fino a rappresentare il 20% delle dermatiti dei bambini, solo quando si raggiunge l'età scolare ed è più facile entrate in contatto con le sostanze allergizzanti".

Codice Sconto