Allattamento in pubblico: le madri chiedono maggior rispetto

13_allattamento_in_pubblico
di Niccolò De Rosa

Dopo il caso della donna allontanata dall'Ufficio Postale di Biella solo perché stava allattando il figlio, il dibattito non accenna a fermarsi: oltre ad una petizione per richiedere tutele specifiche, molte madri parteciperanno ad un flashmob di protesta davanti all'ufficio in questione

Un ufficio pubblico non è il luogo adatto per allattare al seno il proprio bebè: con questa motivazione Francesca Castelli, neo-mamma trentenne, la scorsa settimana è stata allontanata dall'ufficio postale di Biella, in pieno centro.

 

«Mio figlio aveva fame - ha affermato su Repubblica la donna - e io, dopo aver fatto la fila e aver svolto le commissioni nell’ufficio, mi sono messa in un angolo dell’ufficio postale e gli ho dato il seno. Per sfamarlo».

Di fronte all'impossibilità di trovare un luogo più appartato («non siamo attrezzati» avrebbe risposto il personale), mamma Francesca è stata poi allontanata con decisione dalla direttrice, poiché quello "non era un bar" e l'allattamento senza biberon era espressamente vietato.

 

Francesca ha vissuto questa situazione come un vero sopruso e l'eco della storia è subito giunto all'attenzione di media e delle alte cariche dello Stato.

 

La Ministra Marianna Madia, anch'essa mamma, si è infatti subito interessata della vicenda, annunciando con un tweet la sua presa di posizione.

"Subito direttive per la Pubblica Amministrazione". Questa la risposta della Ministra Madia alle polemiche inerenti ai fatti di Biella | Twitter

 

Allattare è un diritto

Il Ministero della salute in passato lo aveva già detto chiaramente: allattare è un diritto. Alla donna che sceglie di nutrire al seno il proprio bambino devono essere garantiti i diritti di:
• ricevere informazioni e aiuto che permettano di allattare senza interferenze e di superare eventuali difficoltà;
• allattare ovunque e in qualsiasi momento;
• essere tutelate al rientro al lavoro su come conciliare allattamento e lavoro.

 

Forti di ciò, alcune mamme anno dunque reagito alla vicenda di Francesca lanciando una petizione per chiedere una legge specifica che tuteli il diritto di allattare il proprio bambino senza doversi sentire in difetto.

Allattamento... di protesta

Dopo la pioggia di polemiche, le Poste Italiane non hanno ancora rilasciato un comunicato ufficiale. L'imbarazzo è papabile, anche perché le normative sbandierate dalla direttrice per impedire a Francesca di allattare il proprio piccolo non esistono!

 

Intanto martedì 31 gennaio, alcune mamme si troveranno dalle 11.30 alle 12.30 di fronte alle Poste in questione per un flashmob di protesta: una silenziosa poppata di gruppo che non impedirà il normale svolgimento delle attività lavorative ma darà un forte segnale contro il trattamento subito da mamma Francesca.

 

FONTE: Repubblica, La Stampa

30 Gennaio 2017

Codice Sconto

TUTTI I VIDEO
iscriviti alle
newsletter
di nostrofiglio.it
Ricevi le news della settimana!
EDITORIALE
Gli ultimi articoli,
i video e le storie
GRAVIDANZA
Info utili e consigli
per le future mamme
NEONATO
Tutto sulla crescita
del bambino,
da 0 a 12 mesi
• fanno parte del network nostrofiglio.it: mammole.it
• ulteriori offerte della casa editrice •
© Mondadori Scienza S.p.A.
Sede Legale: Via Battistotti Sassi 11/A ‚A 20133 Milano
Condizioni di utilizzo Privacy | Cookie policy | Chi siamo | Pubblicità | Crediti
P.IVA e Reg.Imprese di Milano n. 09440000157
R.E.A. di Milano n. 1292226
Capitale Sociale : € 2.600.000 i.v.
Registrato al Tribunale di Milano con il numero 554 del 18/09/08.