Nostrofiglio.it Family Network


Apprendimento bambini

Filastrocche cibo per la mente

Apprendimento bambini: Filastrocche cibo per la mente

Filastrocche cibo per la mente

> Vai alla fotogallery

“Ambarabà cicì cocò, tre civette sul comò…” Chi non ha recitato da piccolo (o insegnato ai propri bambini) questa celebre filastrocca? Se la ricordiamo ancora oggi a distanza di anni significa che si è rivelata molto utile per stimolare e allenare la memoria. Ma le filastrocche sono davvero utili ancora adesso? E a quale età è bene utilizzarle? Ne abbiamo parlato con una psicologa e un maestro autore di un libro di filastrocche.

“Non è necessario che il bambino sappia parlare per recitargli una filastrocca, perché questa è uno strumento fondamentale per il suo sviluppo cognitivo ed è di grande aiuto fin dai suoi primi momenti di vita” ci racconta Francesca Bianchi Bosisio, psicologa e psicoterapeuta infantile di formazione psicodinamica a Milano.

“Nei primi sei mesi di vita, infatti, si gettano le basi per le capacità relazionali del bambino che, è bene ricordarlo, nasce con una sensibilità per i ritmi naturali e i linguaggi gestuali uguale in tutte le lingue del mondo. La filastrocca viene recitata con un determinato ritmo, ma può essere anche cantata, è costituita da testi brevi, parole ripetute più volte, da una sintassi semplice e spesso da suoni onomatopeici. Insomma: il ritmo, il suono familiare, l’intonazione e la memoria sviluppano la capacità cognitiva del bambino, lo abituano all’uso del linguaggio e lo aiutano a formulare prima le sue parole”.

Le filastrocche, infatti, sono destinate ai più piccoli proprio per il loro linguaggio particolarmente semplice, per le rime ricorrenti e per la musicalità. Più che per i contenuti, si contraddistinguono per il ritmo cantilenante: un valido strumento per favorire la formazione del pensiero e crescendo concetti fantastici e creativi. I vari temi che affrontano le filastrocche, inoltre (animali, fiori, numeri, stagioni, ecc.), fanno sì che si trasformino in un gioco divertente ed educativo.

Come dirle è importante

 

Sono importanti anche il modo con cui si recita una filastrocca perché la comunicazione è fatta anche di gestualità (le carezze e le coccole con cui si può accompagnare la recita) e il tempo del silenzio” continua la dottoressa Bianchi Bosisio.

“Nella pausa tra una rima e l’altra il bambino pensa, memorizza, inizia ad avere la percezione di sé e a relazionarsi con la mamma (o il “care giver” come la baby sitter o la nonna, ovvero la persona di riferimento delle cure del bambino) e poi con gli altri. Diventa così il primo passo concreto di un processo di individualizzazione”.

La mamma, quindi (o chi recita la filastrocca) deve riuscire a dare la giusta intonazione per stabilire una relazione ottimale, fatta di scambi di parole e gesti; non solo, può personalizzare o inventare la filastrocca su misura del suo bambino, inserendo per esempio tra le parole il suo nome o quello del papà, del suo pupazzo preferito piuttosto che oggetti di uso comune o di parti del corpo. Insomma, ogni argomento è valido purché sia intonato nel modo che più risulta piacere al bambino e che riesce a stabilire con lui una sintonia.

Un errore da evitare

 

Un errore molto ricorrente però è l’uso del linguaggio infantile usando parole deformate o vezzeggiativi inventati: è meglio invece usare termini reali ma semplici, frasi brevi da ripetere più volte che garantiscano l’efficacia dell’apprendimento. È bene sottolineare, inoltre, che la filastrocca previene la dislessia proprio perché offre i concetti di ritmo e di intonazione che sono poi alla base della lettura e della scrittura” conclude Bianchi Bosisio.

La filastrocca, quindi, diventa un modo semplice, a buon mercato e alla portata di tutti per divertirsi con i bambini di ogni età e per sviluppare in loro le capacità linguistiche e mnemoniche.

Filastrocche nella tradizione popolare

 

Non bisogna trascurare, infine, l’importanza che hanno avuto le filastrocche nella trasmissione delle tradizioni popolari. Sin dall’antichità, infatti, si ricorreva alle filastrocche non soltanto per far divertire i bambini attraverso l’uso delle parole, ma anche per trasmettere loro delle conoscenze, per insegnare a contare e ricordare, imparare le buone maniere, fare scongiuri, rivolgere invocazioni, offrire momenti di gioco e per favorire il sonno.

Frutto di un patrimonio tramandato oralmente, spesso in dialetto, le filastrocche popolari non sono riconducibili a un singolo autore, ma sono il frutto della elaborazione comune della gente e sono state trasmesse di generazione in generazione; giunte ai giorni nostri conservando il loro bagaglio di culture, credenze e tradizioni, sono ora l’espressione di appartenenza a una determinata regione o classe sociale.

Varianti: ninne-nanne, indovinelli, scioglilingua e storie in rima

 

Una variante delle filastrocche sono le ninne-nanne, nate con lo scopo di aiutare i bambini a prendere sonno. L’uso di parole dolci e di cadenze sonore semplici e costanti è finalizzato a tranquillizzare i più piccoli favorendo il passaggio dalla veglia al sonno.

Di altra natura sono invece gli indovinelli, che costituiscono al tempo stesso un momento di gioco e di stimolo dello sviluppo linguistico: questi, infatti, nascondono in rima semplici enigmi da risolvere e da condividere con gli amici (qualcuno legge l’indovinello e gli altri devono scoprire la soluzione). Infine, gli scioglilingua costituiscono una sfida rivolta a grandi e piccini per mettere alla prova le proprie abilità linguistiche e mnemoniche.

Le filastrocche e le storie in rima attecchiscono molto di più nei bambini rispetto a una semplice lezione, perché il ritmo linguistico stimola la loro sensibilità e curiosità ed essi imparano più facilmente e più velocemente” spiega Marco Pertica, maestro in una scuola primaria nella provincia di Milano e autore di un libro di poesie per i piccoli.

“I giochi di parole, gli scioglilingua, le rime e le assonanze che si susseguono nelle filastrocche non sempre hanno un significato logico, a volte si prestano a una lettura allegorica o hanno un doppio senso, altre volte sembrano formule magiche, altre ancora si concludono con una morale, ma tutte hanno un denominatore comune: una funzione di ginnastica mentale, che allena la memoria, e di pronuncia, che aiuta la conoscenza grammaticale”. Gianni Rodari, infatti, celebre autore di poesie e rime per bambini, definì le filastrocche “giocattoli sonori” perché attraverso il gioco esse hanno anche una funzione educativa, di informazione e addestramento alla vita.

“Per questo motivo” conclude Pertica, “le filastrocche sono un utile strumento didattico: oltre a esercitare la memoria, sviluppano la conoscenza della sintassi e costituiscono un approccio divertente, immediato e fantasioso per imparare a conoscere il mondo. La recita di una filastrocca, quindi, non ha solo una pura funzione estetica e ludica, perché da essa si possono porre le basi per lo studio della grammatica, della storia, delle scienze, della matematica e di mille altre temi affrontati in rima”.

di M.Cristina Renis

Vuoi conoscere altre mamme? Vai al forum

Leggi anche e scarica " Le filastrocche per ogni occasione" a cura di Focus Pico


Il video consigliato dalla redazione:

Video ricetta: la pasta all'italiana

Guarda tutti i video della webtv




 

  • Paolo 23 gennaio 2013, alle ore 18:07

    ciao Lucia, grazie per le info, il tuo consiglio è molto utile, non conoscevo canta english prima e ne stavo cercando uno per i miei due bimbi piccoli..

  • Edoardo 13 dicembre 2012, alle ore 12:16

    Be si dovrò aspettare ancora un pò di tempo ma credo terrò a mente questo gioco didattico. Grazie per l'aiuto!

  • LuciaMara 13 dicembre 2012, alle ore 00:04

    Ciao Edoardo. il gioco è consigliato in un età tra i 3 e i 6 anni.. Se hai un bambino/a piccolo/a forse tra qualche tempo tornerà utile.. ;)

  • LuciaMara 29 ottobre 2012, alle ore 22:33

    Ciao a tutti. Approposito di Fiabe e letture ai bambini: io da qualche tempo sto studiando l'ingelese con mio figlio Marco (che ha 3 anni) grazie ad un gioco per bambini della sua età (fino ai 6) che si chiama Canta English. E' molto semplice come gioco e anche molto intuitivo. Nela pacchetto è compreso un DVD con le lezioni di Mr. Jhoan Peter Sloan e con un gioco da tavolo con cui si possono imparare nomi di animali, piante e tanto altro. Lo consiglio a tutti, è da provare e non costa molto! ;)

  • Edoardo 26 settembre 2012, alle ore 12:10

    Salve,
    ma da che età?
    Da 1 mese in avanti?

Scrivi il commento


* Inserisci un indirizzo e-mail valido. L'indirizzo non sarà visualizzato sul sito. Per evitare usi impropri, ti sarà inviata una e-mail con un link per la pubblicazione del commento.
Altra stringa

Invia
Cerca











Da non perdere

Non perderti questo articolo! tata Adriana

I consigli della tata

Leggi tutti i consigli di Adriana ai lettori di Nostrofiglio.it.
I 100 consigli della tata ai genitori

Non perderti questo articolo! guida al bambino

Guida al bambino

Congratulazioni a tutte le neo mamme! Scoprite la nostra guida con tante informazioni utili e consigli per crescere bene il vostro bebè.

Non perderti questo articolo! guida gravidanza

Guida alla gravidanza

Congratulazioni per il bebè in arrivo! Iscriviti subito alla newsletter che ti segue nelle 40 settimane di gestazione.