Il bullismo su Instagram

Il bullismo su Instagram: un problema fuori controllo. Le storie dei ragazzi

Di Chiara Dalla Tomasina
caffeadolescenti.600
12 ottobre 2018
Il bullismo su internet è un problema molto grave, e i social network hanno reso questo fenomeno ancora più incontrollabile. In particolare su Instagram, la tendenza a bullizzare coetanei, per gli adolescenti, è fuori controllo, con conseguenze molto gravi. Ecco alcune storie raccontate dai diretti interessati al magazine americano 'Atlantic'.

Nessuna app è parte integrante della vita sociale degli adolescenti quanto Instagram. Mentre i Millennials si affidavano a Facebook per le loro interazioni, le generazioni ancora più giovani gestiscono i loro rapporti quasi interamente su Instagram. Secondo un recente studio del Pew Research Center, il 72% degli adolescenti utilizza questa piattaforma, che ora vanta più di 1 miliardo di utenti mensili.

 

 

 

Instagram consente ai ragazzi di chattare con le persone che conoscono, incontrarne di nuove, rimanere in contatto con gli amici e condividere foto e video.
Ma quando queste “amicizie” virtuali si trasformano in altro, l'app può diventare anche un portale di… dolore e frustrazione.

 

Il 59% degli adolescenti vittima di bullismo

 

Secondo un recente sondaggio, il 59% degli adolescenti americani è stato vittima di bullismo online, e secondo un sondaggio del 2017 condotto da Ditch the Label - un gruppo antibullismo senza scopo di lucro - più di uno su cinque tra i 12 e i 20 anni è stato bullizzato proprio su Instagram. «A volte Instagram è un buon posto», ha spiegato Riley, 14 anni, che come la maggior parte dei ragazzi di questa storia ha chiesto di essere indicata solo con il nome di battesimo, «ma qui si trovano un sacco di drammi, bullismo e pettegolezzi».

 

 

 

Il problema dei profili anonimi
Gli adolescenti sono sempre stati crudeli l'uno con l'altro. Ma Instagram fornisce un insieme di strumenti straordinariamente potenti per esserlo. La sua velocità e capillarità consentono a commenti cattivi o immagini moleste di diventare virali entro poche ore.

 

Come Twitter, Instagram semplifica la configurazione di nuovi profili anonimi, che possono essere utilizzati specificamente per questi fini. Soprattutto, molte interazioni sull'app sono nascoste agli occhi attenti di genitori e insegnanti, molti dei quali non capiscono le complessità della piattaforma.

 

CHAT E SOCIAL: SE USATI SOLO UN'ORA AL GIORNO, DANNO LA FELICITA'
Secondo un'ampia indagine su oltre un milione di adolescenti americani la felicità è nell'equilibrio, ossia se i social e le chat sono utilizzate solo un'ora al giorno, rendono felici. Questi sono i risultati di uno studio pubblicato su "Emotion", rivista della "American Psychological Association (APA)". Fonte: http://www.apa.org/pubs/journals/emo/

Le (deboli) parole del portavoce di Instagram
«Non c'è spazio per il bullismo su Instagram e ci impegniamo a promuovere una comunità gentile e solidale. Qualsiasi forma di abuso online su Instagram è completamente in contrasto con la cultura in cui investiamo - una piattaforma in cui tutti dovrebbero sentirsi sicuri e a proprio agio condividendo le proprie vite attraverso foto e video», ha detto a settembre un portavoce di Instagram a The Atlantic. Questa settimana, la compagnia ha annunciato una serie di nuove funzionalità volte a combattere il bullismo, tra cui filtri di commento su video live, una tecnologia di rilevamento automatico per rilevare il bullismo nelle foto e un “effetto di gentilezza per diffondere positività" approvato da Maddie Ziegler, ex star del programma Dance Moms.

 

Tuttavia, Instagram è l'intera infrastruttura sociale di molti adolescenti; bullizzare qualcuno qui è come diffondere volantini denigratori in tutta la scuola, la sua casa e gli amici della persona che si vuole colpire.

 

Le storie dei ragazzi

 

Yael, una 15enne che ha chiesto di essere citata con uno pseudonimo, ha detto che, dopo aver litigato di persona con una ragazza, questa si è rivolta a Instagram per bullizzarla giorno e notte. «Ha smesso di seguirmi, poi mi ha bloccato, infine mi ha sbloccato e mi ha messaggiato», ha detto Yael, «pubblica costantemente commenti cattivi su di me sul suo account, mi menziona nelle sue stories, e mi invia messaggi continui da settimane».
Yael si sentiva ansiosa anche solo per avere il telefono in tasca, perché le ricordava le molestie subite. «Ogni volta che ho effettuato l'accesso al mio account, non avrei voluto essere lì», ha detto, «sapevo che, nel momento in cui avrei aperto l'app - lei sarebbe stata lì. Avevo addosso un sacco di ansia e stress».
Ma non si è convinta a lasciare completamente Instagram, perché i suoi amici sul social sono per lei fonte di supporto. Inoltre, andarsene dal social non avrebbe impedito ala sua persecutrice di parlare di lei, e Yael ha preferito sapere cosa stesse dicendo su di lei. «Sai che qualcuno sta parlando di te, stanno postando su di te, stanno messaggiando su di te, ti stanno molestando costantemente», ha detto, «sai che ogni volta che apri l'app ci saranno».

 

Adolescenti

Le pagine di odio degli account separati

 

Poiché il bullismo sul tuo feed principale è ritenuto decisamente poco cool, molti ragazzi creano apposta “pagine di odio”: account Instagram separati, costruiti appositamente e dedicati esclusivamente a bullizzare una persona, creati da adolescenti soli o in gruppo. Qui si pubblicano foto imbarazzanti, si svelano i segreti, si postano screenshot di testi di persone che dicono cose cattive sulla persona e qualsiasi altra cosa terribile che si trova in giro.
«Ho avuto almeno 10 pagine di odio su di me», ha rivelato la 15enne Annie, «so che alcune sono state fatte dalla stessa persona, ma alcuni provenivano da persone diverse. Dicono cose veramente brutte su di te, nel modo più oltraggioso possibile».
A volte gli adolescenti, molti dei quali gestiscono diversi account, prendono una vecchia pagina con una grande quantità di follower e la trasformeranno in una pagina di odio verso qualcuno. «Una ragazza ha preso una pagina di meme che contava oltre 15.000 follower, ha preso immagini dalla mia storia, ha photoshoppato il mio naso rendendolo enorme, l’ha pubblicato taggandomi e scrivendo “Ehi ragazzi, questo è il mio nuovo account”», ha detto Annie, «ho dovuto inviare una richiesta formale di un avvocato per farla desistere. Poi, però, ha fatto la stessa cosa anche con il mio amico».

 

Cyberbullismo
Episodi di cyberbullismo colpiscono gli adolescenti

La protezione dell'anonimato
La cosa più spaventosa di essere attaccati da una di queste pagine di odio, dicono i ragazzi, è che non si sa mai chi sta facendo l'attacco. «Nel bullismo della vita reale sai cosa sta succedendo», ha detto Skye, 14 anni, «ma le pagine di odio potrebbero appartenere a chiunque. Potrebbe essere qualcuno che conosci o che non conosci, ed è spaventoso perché è davvero fuori controllo. Gli insegnanti ti consigliano di dire basta a chi ti bullizza, ma in questo caso non sai nemmeno a chi dire di fermarsi».

 

A parte le pagine di odio, gli adolescenti dicono che la maggior parte del bullismo avviene tramite messaggi diretti, le stories su Instagram o nella sezione dei commenti delle foto. «Instagram non cancellerà l'account di una persona a meno che non sia evidente il bullismo sul loro feed principale», ha detto Hadley, 14 anni.
Mary, 13 anni, ha detto che il bullismo subito su Instagram da un ex amico le ha causato il primo attacco di panico. Tutto cominciò, ha spiegato Mary, dopo essere stata scelta come cheerleader, mentre la sua amica è stata rifiutata. «Lei parlava male di me se qualcuno mi postava nella sua storia, scrivendo cose cattive e sapendo che avrei visto, dal momento che ero con queste persone», ha detto Mary, «non l’avrebbe mai fatto dal suo account ufficiale».

 

«C’era un’intera chat di gruppo su Instagram chiamata “Tutti tranne Mary”», ha aggiunto, «e tutto quello che facevano era parlare male di me».

 

La gelosia che scatena tutto

 

Su Instagram, è facile vedere che cosa fanno le persone e con chi sono in giro. Per gli adolescenti, che sono consapevoli dello status sociale, anche una foto di gruppo apparentemente innocente può mettere in difficoltà un qualcuno. Ogni tag di posizione, commento, post di storia e persino chi segui o non segui sul tuo finsta (un account Instagram secondario in cui i ragazzi pubblicano materiale personale) viene esaminato attentamente.
«Un sacco di bullismo deriva dalla gelosia, e Instagram è una piattaforma della gelosia», ha detto Hadley, «le persone pubblicano foto delle loro auto, dei loro corpi, dei loro viaggi. Qualunque cosa buona della tua vita o a scuola finisce su Insta, e questo rende le persone gelose».

 

I pericolosi account-confessionali

 

Molte scuole superiori gestiscono anonimamente gli account Instagram stile "confessionale" in cui gli utenti inviano gossip su altri studenti a scuola. Ad esempio, un account come Greenville High School Confessions chiede ai follower di inviare pettegolezzi e gossip. Gli studenti seguiranno l'account e invieranno testi di persone che dicono cose cattive l'una sull'altra o pettegolezzi che hanno sentito a scuola. L'amministratore dell'account o gli amministratori selezioneranno le voci più succose e le manderanno sulle stories o sul feed principale, a volte taggando il profilo della persona di cui si parla.

 

Se non piaci qualcuno che gestisce l'account delle confessioni di una scuola, può sembrare che tutta la scuola sia contro di te. «C’era una pagina chiamata DTS.gossip, le iniziali della nostra scuola», ha detto Riley, «l’account è stato creato per pubblicare voci e schifezze su persone della mia scuola, e molte di loro riguardavano me».

 

Rory, una 15enne, ha affermato che gli account confessionali sono diventati così fuori controllo nella sua scuola superiore che gli amministratori hanno vietato di fare foto ad altri studenti del campus. Ma ha poi aggiunto che la regola “no foto” non ha assolutamente frenato fenomeni di bullismo. Non molto tempo fa, qualcuno ha raccontato cose orribili su una ragazza di 15 anni a SoundCloud, che gli studenti hanno prontamente impostato come link nella loro biografia su Instagram.

 

... ma i ragazzi non lasciano Instagram

 

Nel caso di Rory, Instagram è stato sia il catalizzatore che il mezzo per il bullismo.
All'età di 13 anni, è stata inserita nell'account ufficiale di Instagram di Brandy Melville, un popolare marchio di abbigliamento per adolescenti. «Un sacco di persone della mia scuola l'hanno visto subito e hanno cominciato a creare meme su di me, definendomi anoressica», ha detto. «Invece altri sostenevano che non fossi abbastanza magra. Nelle loro finsta, la gente postava queste cose cattive, persone con cui pensavo di essere amica».

 


Ma anche nei casi del peggior bullismo, i ragazzi dicono di non voler lasciare Instagram. Rory è ancora attiva sulla piattaforma, sebbene usi solo un account.
«Tutti fanno amicizia su Instagram», ha detto Liv, un 13enne, «alcuni ragazzi hanno detto che avrebbero fatto una pausa se i loro genitori li avessero costretti, ma smettere per sempre non è mai un’opzione che si prende in considerazione».
«Su insta puoi scrivere 'Sei una putt…’ così facilmente», ha detto Liv, «le persone dovrebbero pensare di più prima di scrivere. La persona a cui hai inviato quel messaggio, può restare scioccata. Puoi davvero rovinare la vita a qualcuno».