Sigarette

Fumatori precoci: oltre 1 su 10 inizia prima dei 15 anni. Lanciata campagna di sensibilizzazione

Di Niccolò De Rosa
meglio-smettere
10 Marzo 2016
Il fumo è un vizio che sta coinvolgendo fasce sempre più giovani; in Italia un quindicenne su quattro è un abituale fumatore. La campagna "Meglio smettere!", patrocinata dall'AIOM e da testimonial illustri, come la campionessa Flavia Pennetta, si rivolge direttamente ai giovani dei licei italiani per divulgare i reali pericoli nascosti dietro una sigaretta.
Facebook Twitter More

I giovani conoscono davvero i pericoli del fumo? Nonostante le numerose campagne di sensibilizzazione e provvedimenti come le etichette informative sui pacchetti di sigarette, i danni causati dal fumo sono ancora percepiti, soprattutto dai ragazzi, come qualcosa di lontano e sfocato, con cui prima o poi, forse, si potrebbe fare i conti, ma che non desta preoccupazioni a breve termine. Il fatto che il 30% dei tumori sia direttamente riconducibile alle sostanze nocive presenti in una sigaretta, non sembra essere un deterrente efficace. 

 

Sempre più giovani con la sigaretta

 

Tale tendenza, combinata con il cattivo esempio degli adulti (più del 49% afferma di fumare tranquillamente in presenza di figli o minori), sta preoccupando gli oncologi, poiché i dati in loro possesso stanno delineando un quadro tutt'altro che ottimistico: gli italiani che si mettono in bocca una sigaretta sono sempre più giovani (circa il 15% dei quindicenni, l'8% dei tredicenni e l'1% degli undicenni) e le conseguenze del consumo di tabacco e del fumo passivo non sono percepiti con la giusta attenzione. (Leggi anche: sempre più bambini chiedono ai genitori di smettere di fumare)

Da qui la necessità di una campagna rivolta esclusivamente ai giovani che affronti con un linguaggio adatto, ma molto chiaro, le problematiche legate ai vizi deleteri per il nostro corpo.

 

Fumo? Meglio smettere!

 

"Meglio Smettere!" è quindi l'iniziativa promossa dall'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) che, partendo dai licei romani "Mamiani" e "Virgilio", si recherà nelle scuole superiori per incontrare i giovani studenti e metterli a parte delle disgustose sostanze che si mettono in corpo ad ogni boccata di sigaretta:

 

"Durante la combustione - dice  il professor Carmine Pinto, presidente AIOM- le sigarette sprigionano più di 4000 sostanze tossiche che favoriscono infezioni alle vie respiratorie, asma, bronchite cronica e a lungo andare anche l'insorgenza di tumori, come quello al polmone. La probabilita' di sviluppare questa neoplasia e' infatti 14 volte maggiore per un tabagista"

 

Testimonial della campagna è la campionessa del tennis italiano Flavia Pennetta, che dimostrerà come condurre una vita sana, priva di fumo e dedita al movimento e allo sport, non solo porti benefici fisici, ma renda più allegri, propositivi e vogliosi di prendere in mano il proprio futuro!

 

FONTE: ANSA.IT,  AIOM