Licei

I migliori licei d'Italia secondo la Fondazione Agnelli

Di Niccolò De Rosa
pencil-918449_640
16 Novembre 2016
La fondazione che dal 2014 premia le eccellenze tra le scuole secondarie ha mostrato ai media le classifiche aggiornate degli istituti superiori i cui allievi ottengono i risultati migliori nei mesi successivi al conseguimento della maturità
Facebook Twitter More

Le scuole superiori sono il trampolino di lancio verso un mondo più adulto, sia che si scelga di proseguire con gli studi universitari sia che si voglia entrare nel mondo del lavoro, e dunque è bene valorizzare le eccellenze di questo fondamentale snodo educativo.

 

Dal 2014 la Fondazione Agnelli opera in tale direzione analizzando i dati riferiti agli esiti universitari (media voti e crediti formativi ottenuti) e agli esiti lavorativi (tipo di rapporto ottenuto, prestazioni ecc...) ottenuti nel corso dei 12 mesi immediatamente successivi al conseguimento della maturità, periodo ancora fortemente influenzato dall'approccio formativo appreso alla scuola secondaria.

 

Per la classifica finale distribuita per le più grandi città italiane, l'Eduscopio, il progetto preposto all'analisi, ha preso in considerazione 4.378 istituti e 716.447 studenti.

 

«Il dato forte è la tenuta dei licei statali- dice Andrea Gavosto, direttore della Fondazione Agnelli su Repubblica - cui si aggiungono alcune eccellenze nelle paritarie, come a Milano. Tra i licei scientifici la grande novità sono quelli con le scienze applicate al posto del latino. I ragazzi che li scelgono hanno ottimi risultati all'università, anche se l'offerta per adesso è scarsa, perché molti scientifici non aprono queste sezioni»

 

Le scuole paritarie però si piazzano bene e a Milano salgono addirittura in cima alla classifica, come nel caso del Sacro Cuore, al Top tra i Licei Classici meneghini.

 

Per quanto concerne gli istituti tecnici invece, la ricerca ha evidenziato una forte diminuzione di alunni che decidono di iscriversi all'Università. Se infatti il numero di studenti "tecnici" che proseguivano gli studi era sempre stato inferiore rispetto ai colleghi liceali, questo ulteriore calo evidenzia una preoccupante tendenza che spesso è congiunta a difficoltà economiche di un ceto che non può permettersi la rette degli Atenei.

 

LA CLASSIFICA 

ROMA

LICEO CLASSICO:

1) Terenzio Mamiani

2) Torquato Tasso

3) Immanuel Kant

LICEO SCIENTIFICO:

1) Terenzio Mamiani

2) Augusto Righi

3) San Giovanni Battista (paritario)

LICEO LINGUISTICO 

1) Vittoria Colonna

2) Eugenio Montale

3) Aristofane

LICEO SCIENZE UMANE

1) Niccolò Machiavelli

2) Maria Montessori 

3) san Sisto (paritario)

LICEO ARTISTICO

1) Is Via di Ripetta

2) Alessandro Caravillani

3) Confalonieri - De Chiirico

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO

1) Magnum (paritario)

2) Aleramo (Is Croce-Aleramo)

3) Charles Darwin

 

MILANO

LICEO CLASSICO

1) Sacro Cuore (paritaria)

2) Giosuè Carducci

3) Giovanni Berchet

LICEO SCIENTIFICO

1) Alessandro Volta

2) Sacro Cuore (paritaria)

3) Leonardo da Vinci

LICEO LINGUISTICO

1) Virgilio

2) Civico Manzoni (paritario)

3) Erasmo da Rotterdam

LICEO SCIENZE UMANE 

1) Virgilio

2) Gian Battista Vico

3) Erasmo da Rotterdam

LICEO ARTISTICO

1) Orsoline di san Carlo (paritaria)

2) Sacro Cuore(paritaria)

3) Caravaggio

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO

1) Gerolamo Cardano

2) Falcone Righi

3) Vilfredo Federico Pareto

 

Per quanto riguarda le altre grandi città italiane invece:

 

NAPOLI

Solito testa a testa tra i licei classici Umberto I e Sannazzaro, con il primo che quest'anno ha prevalso, mentre per i licei scientifici prevale il Giuseppe Mercalli, seguito a ruota dal Convitto Vittorio Emanuele e l'Istituto Cuoco.

 

TORINO

Sorpresa Cavour che vince la classifica per i licei classici e scalza il Gioberti (finito terzo), che l'anno scorso si era imposto sul panorama cittadino. Al secondo posto, stabile, l'Alfieri.

Corsa a tre anche per gli istituti scientifici, dove l'Umberto I (a indirizzo internazionale) supera il Ferraris e il paritario Valsalice.

 

FONTE: Repubblica, Corriere della Sera

 

Leggi anche: preadolescenza, come gestirla