Home Adolescenza

La scuola inizia troppo presto: gli adolescenti non dormono abbastanza

di Simona Regina - 16.03.2016 - Scrivici

svegliaadolescente.600
Fonte: alamy.com/it
Secondo una ricerca scientifica pubblicata su "Behavioral Sleep Medicine" la campanella che segna l’inizio delle lezioni scolastiche suona troppo presto e così ragazzini e ragazzine, per essere puntuali a scuola, non dormono a sufficienza. A maggior ragione se devono prendere un mezzo di trasporto: per essere in classe alle otto, per alcuni la sveglia suona praticamente all’alba. E la carenza di sonno si ripercuote su apprendimento e rendimento scolastico, ma anche sull'umore.

La campanella che segna l’inizio delle lezioni scolastiche suona troppo presto e così ragazzini e ragazzine, per essere puntuali a scuola, non dormono a sufficienza.

A maggior ragione se devono prendere un mezzo di trasporto: per essere in classe alle otto, per alcuni la sveglia suona praticamente all’alba. Questa volta è una ricerca pubblicata su Behavioral Sleep Medicine a suggerire di posticipare l’orario scolastico. (Ecco perché gli adolescenti devono dormire di più)

Un team del National Jewish Health di Denver ha riscontrato che la stragrande maggioranza dei 245 adolescenti americani (di 11-17 anni) che vanno a scuola, coinvolti nella ricerca, non dorme quanto dovrebbe (secondo la National Sleep Foundation gli adolescenti hanno bisogno di 8-10 ore di sonno per notte), e dal confronto con le abitudini di coloro che studiano a casa, è emerso che mediamente dormono 4 ore in meno alla settimana.

E la carenza di sonno si ripercuote su apprendimento e rendimento scolastico, ma anche sull'umore.

“Stiamo rubando il sonno agli adolescenti” sostiene la pediatra Lisa Meltzer autrice dello studio. “Gli chiediamo di svegliarsi quando il loro cervello dormirebbe ancora”. Anche perché durante la pubertà i ritmi circadiani cambiano: si tende ad andare a letto più tardi perché più tardi viene rilasciata la melatonina, l’ormone che ci fa abbandonare tra le braccia di Morfeo.

Ormai da anni è in corso il dibattito sull’opportunità di ritardare l’ingresso a scuola, intanto il consiglio per non dormire troppo poco (sveglia a parte) è di lasciare fuori dalla camera da letto televisione, computer, smartphone, tablet, videogiochi: rischiano di compromettere il riposo notturno, perché stimolano il cervello e stravolgono i regolari cicli di sonno-veglia.

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli