Home Adolescenza

Reality Shifting: cos'è la nuova tecnica dei giovani per fuggire dalla realtà

di Niccolò De Rosa - 21.02.2022 - Scrivici

reality-shifting
Fonte: Shutterstock
Evadere dalla realtà creando con la mente mondi immaginari dove muoversi e vivere esperienze appaganti. Ecco cos'è il Reality Shifting

Vera tecnica di meditazione o semplice trend social? Il Reality Shifting è un nuova moda in voga tra i teeanager che consiste nel creare situazioni ed esperienze immaginarie da vivere in prima persona, utilizzando solamente la forza della propria mente.

Tale elaborato modo di trasferirsi in un vero sogno ad occhi aperti sta spopolando sui social - soprattutto Tik Tok - e se sono sempre di più i ragazzi che provano a rifugiarsi in mondi di fantasia, gli esperti osservano con attenzione il fenomeno, preoccupati che questa "fuga di massa" dalla propria quotidianità possa avere ripercussioni sulla vita reale.

In questo articolo

Che cos'è il Reality Shifting?

Il Reality Shifting viene definito come una forma di autoipnosi durante la quale il soggetto che la pratica si astrae dalla realtà per catapultarsi in un mondo immaginifico, plasmato sui propri desideri e le proprie fantasie.

Come in un gioco di ruolo mentale dunque, chi si cimenta in questa specie di meditazione può vivere esperienze alternative, visitare luoghi mai esplorati e persino interagire con personaggi famosi o inventati. E il bello - assicurano i veterani della tecnica - è che dopo po' di pratica, il tutto appare decisamente concreto, tanto da appagarne il protagonista come se fosse un evento realmente per davvero.

Sono moltissimi, ad esempio, i Tik Tok in cui ragazzi e ragazze descrivono con entusiasmo le avventure vissute con attori e/o personaggi del mondo di Harry Potter.

Come funziona il Reality Shifting?

In questo caso non si sta parlando di un semplice "sogno ad occhi aperti", ma di un'esperienza complessa e strutturata che richiede una certa applicazione e impegno. Se infatti in psicologia lo shifting indica la ossia la capacità di attivare e controllare la propria attenzione su compiti diversi, qui il concetto viene inteso come facoltà di cambiare ("shiftare") coscienza e viaggiare in un mondo completamente diverso, dove è colui che immagina a tenere le redini dell'intera realtà alternativa, sebbene abbia l'impressione di vivere situazioni tangibili e imprevedibili.

Per realizzare tale scambio e calarsi completamente in questa dimensione di fantasia, esistono approcci differenti. I più popolari sui social sono due:

  • Raven method: il metodo "del corvo" consiste nello sdraiarsi pancia all'aria con gambe e braccia divaricate per contare da 100 a 1, immaginando tutto le caratteristiche del mondo in cui ci si sta per muovere.
  • Alice in Wonderland method: in questo secondo approccio occorre visualizzare una persona o un oggetto ed immaginare di seguirla "fisicamente" come se la stessimo rincorrendo fin dentro la realtà che si vuole visitare.

Molti Tiktokers consigliano anche di prendere appunti e segnarsi i dettagli dell'universo da plasmare, così da rendere ancora più immersiva l'intera esperienza.

Quali sono i rischi?

Viaggiando in rete - l'hashtag #shiftingrealities ha sfondato il tetto dei 3 miliardi di visualizzazioni - ci si può imbattere in centinaia di racconti e testimonianze entusiastiche di ragazzi che hanno provato a "shiftare" in una realtà parallela, incontrando il proprio idolo o realizzando un sogno nel cassetto. Dopotutto, che male può esserci a immaginarsi una dimensione fittizia in cui essere tutto ciò che vogliamo?

In realtà questo punto rappresenta uno snodo cruciale nell'analisi del fenomeno. Tra le conseguenze della pandemia e la crescente ansia generazionale gli esperti temono infatti che milioni di teenager provati dall'isolamento e dall'incertezza del futuro possano assuefarsi a questa uscita d'emergenza dalla realtà.

«Sconnettersi dalla realtà è una ricerca di una via di fuga, un segnale che qualcosa nella realtà non funziona, non si può confondere con una semplice evasione» spiega la Dott. ssa Elisa Marcheselli sul sito Paginemediche.it, sottolineando come, pur senza generalizzare, dietro il successo del Reality Shifting si nasconda il pericolo che i soggetti più fragili finiscano per preferire la fantasia autogestita alla vita vera, estraniandosi dalle normali interazioni di un adolescente (amici, famiglia, scuola) e riducendo il proprio mondo a quello modellato su misura nella propria mente.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli