Selfie

Selfie senza rischi: che cosa i genitori dovrebbero dire ai figli

Di Luisa Perego Federica Baroni
selfie
21 Settembre 2018
Il consiglio base da dare ai propri figli e che racchiude tutti gli altri? Un selfie è una foto che deve immortalare un momento positivo, un bel ricordo. Non deve mai essere pericoloso. Ecco alcuni consigli su come "educare" i propri figli ai selfie
Facebook Twitter Google Plus More

Lo scorso fine settimana un 15enne è morto dopo essere precipitato da un'altezza di 25 metri all'interno di una condotta di aerazione. Secondo quanto emerso finora, il giovane era salito sul tetto del cinema del centro commerciale di Sesto San Giovanni (Milano) per scattare un selfie sulla 'vetta' dello 'Skyline'.

 

E' solo l'ultimo episodio. Sempre più ragazzi rischiano la vita per selfie estremi da pubblicare sui social. Tetti, grattacieli, binari dei treni. Perché giocare con il pericolo? Che cosa possono fare i genitori e dire ai proprio figli? Come far capire il limite da non superare?

 

Il selfie? Un bel ricordo. Mai pericoloso

Il selfie è una foto che testimonia un momento bello della vita. Deve essere un ricordo positivo. Ecco perché non deve mai essere pericoloso.

 

Farsi i selfie è divertente: mostrarsi agli amici mentre si è in vacanza, a una festa, a una partita di calcio o pallavolo. Serve per far vedere i momenti migliori della giornata, quelli in cui ci si diverte di più.

 

 

Ecco alcuni consigli della dottoressa Maura Manca, psicoterapeuta, presidente dell'Osservatorio Nazionale Adolescenza, e direttore del magazine online AdoleScienza.it. Per sapere come "educare" i propri figli ai selfie.

 

1 - Niente immagini pericolose

"Prima di tutto considerate che il selfie è l'immagine di un bel ricordo. Quindi deve essere qualcosa di positivo. Mai e poi mai può essere l'immagine di un momento pericoloso". Potete fare questo esempio, per farvi capire:  "Se volete riprendervi in un'azione di cui avete paura, fermatevi a ragionare e chiedetevi se non la state facendo solo per mostrarvi agli altri. In questo caso rinunciate immediatamente".

 

2 - I social non mostrano la realtà

Nei selfie non si vedono la paura, le difficoltà, i brutti momenti. Quindi quando si vedono foto di altri che hanno compiuto un'impresa tutti sorridenti, ricordate ai vostri figli che "i selfie, e i social in genere, non mostrano mai la realtà della vita. Non si vedono le paure e i momenti brutti. Quindi frenate gli entusiasmi e valutate bene la situazione".

 

Internet sicuro, decalogo per i genitori

 

3 - I veri amici non sfidano e non prendono in giro

Se invece si tratta di una sfida, una challenge, spiegate che non è giusto essere presi in giro se non partecipano. E che chi fa così non è un vero amico. "Inoltre non tutti siamo uguali, magari uno è più portato a fare una cosa di un altro. Voi dovete conoscere i vostri limiti e non avere timore di ammetterli".

 

4 - Il web non dimentica

Chiunque può vedere quello che si pubblica sui social e non si cancella mai. "Quindi meglio non farsi prendere dalla smania di avere tanti like. Prima di mettere in rete qualsiasi cosa pensate che quell'immagine rimarrà per sempre e che può finire nelle mani sbagliate. Vale la pena postarla per qualche like?"

 

5 - Chiedete a un adulto

E se la situazione sembra sfuggire di mano la soluzione migliore è parlarne con un adulto. Non è per fare la spia, ma per chiedere aiuto.

 

6 - Fatelo per voi

Un ultimo consiglio da dare: "Pubblicate per voi stessi e non per avere un riscontro dagli altri".

 

 

Leggi anche: selfie senza rischi su focus junior