Home Adolescenza

Sessualità e adolescenti: il nuovo ruolo delle App e dei social

di Niccolò De Rosa - 25.02.2022 - Scrivici

sessualita-e-adolescenti-il-nuovo-ruolo-delle-app-di-internet-e-dei-social
Fonte: Shutterstock
Sessualità e adolescenti: l'avvento di di Internet e delle app d'incontri hanno cambiato il modo in cui i giovani conoscono (e fanno) l'amore

L'adolescenza è il momento in cui un soggetto forma la propria identità e vive le prime esperienze che lo traghetteranno nel mondo degli adulti. Tra le tante, la sfera sessuale rappresenta da sempre un elemento particolarmente importante durante questo periodo cruciale della crescita, tuttavia l'avvento di Internet potrebbe aver cambiato radicalmente l'approccio dei ragazzi nei confronti della sessualità.

Sessualità e adolescenti: ora si impara su Internet

Se qualche anno fa si usava fare "il Discorso" (con la "D" maiuscola) ai ragazzi che stavano per entrare nell'età dei primi amori, oggigiorno il primo insegnante di educazione sessuale sembra essere Internet. Già da giovanissimi infatti i teen si trovano a navigare tra migliaia di contentui virtuali - appropriati o meno - e ciò comporta inevitabilmente un incontro piuttosto precoce con la tematica sessuale, anche se non necessariamente esplicita.

Un sondaggio condotto nel 2018 da DoxaKids e Telefono azzurro (fonte: Focus.it) evidenziò ad esempio come, tra i ragazzi italiani di età compresa tra i tra 12 e 18 anni, oltre il 40% del campione affermasse di conoscere almeno un abituale frequentatore di siti pornografici. Dati non particolarmente sorprendenti in realtà - si sa che adolescenza e preadolescenza sono gli anni della sperimentazione in ogni sua forma - ma che vanno inquadrati all'interno dell'ascesa incontrollata dei social come Instagram o Tik Tok, dove tra i ragazzi i riferimenti all'amore fisico sono trattati con un linguaggio molto più esplicito e disinvolto rispetto a quanto accadeva anche solo una decina di anni fa.

Ciò non rappresenta per forza un aspetto prettamente negativo, ma è indice di come un ambiente in cui un genitore non può esercitare un controllo serrato - Internet e i social appunto - sia diventato un luogo di discussone e condivisione dove i più giovani trattano quotidianamente l'argomento "sesso".

Sessualità e adolescenti: il ruolo delle App

Internet non è solo il posto dove i ragazzi conoscono il sesso, ma anche un efficacissimo strumento per incontrare nuove persone e stringere relazioni, spesso anche esclusivamente di natura fisica. Grande è infatti il successo tra i giovani delle app di dating come Tinder, dove impostando alcuni parametri basati sulle proprie preferenze, il sistema mette in contatto l'utente con una serie di profili che potrebbero trovare interessanti: se l'altro o l'altra ricambia l'interesse si chatta un po', ci si conosce meglio e magari ci si incontra anche dal vivo.

Questa dinamica che fino al decennio scorso appariva poco accettata - quasi da "sfigati" - ora è invece uso comune tra la Generazione Z conoscersi virtualmente. Certo, legalmente le app di dating dovrebbero essere precluse ai minori di 18 anni, ma questo non sembra arginare il fenomeno, anche perché per attaccare bottone online bastano e avanzano le chat dei social.

La pandemia e l'isolamento forzato hanno sicuramento favorito questo modo di fare nuove conoscenze, ma il trend era ben avviato già da qualche anno.  Già uno studio condotto nel 2019 per comprendere meglio il modo in cui gli adolescenti costruivano le proprie relazioni sociali online mostrava Internet non fosse solo una delle tante frecce all'arco dei giovani amatori, ma il mezzo principale per flirtare e cominciare nuove relazione romantiche.

L'analisi dei dati - pubblicata su JMIR Public Health and Surveillance e ripresa anche da un recente articolo di State of Mind - riportava che su 1500 giovani di età compresa dai 13 ai 24 anni, quasi il 70% aveva utilizzat app d'incontri per trovare nuovi partner e connettersi con persone affini (soprattutto gli appartenenti alla comunità LGBTQ+).

Ci sono rischi per le nuove generazioni?

Se il modo di conoscersi è cambiato, ciò che non deve mutare è la consapevolezza che un giovane matura riguardante la sfera sessuale. Se infatti ragazzi e ragazze vengono educati come individui consapevoli del fatto che il sesso non è un gioco ma un atto d'amore che implica responsabilità per noi e per l'altro/a (dalle malattie trasmissibili alla procreazionr, fino al semplice rispetto del partner e di sé stessi), allora nemmeno questo nuovo mondo fatto di like e chat deve destare troppa preoccupazione

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli