Alimentazione sana

Consumiamo troppo sale: 5 azioni concrete per ridurne l'utilizzo in tavola

Di Sara De Giorgi
sale
14 Marzo 2018
Il Ministero della Salute ha sottolineato che gli italiani consumano sale in eccesso e anche l'OMS ha dichiarato di avere l'ambizioso obiettivo di ridurre del 30% l’introito mondiale di sale entro il 2025. WASH, l'ente promotore della "Settimana mondiale di sensibilizzazione per la riduzione del consumo alimentare di sale" (12-18 marzo 2018), ha suggerito 5 modi concreti e semplici per aiutare la popolazione a scongiurare i danni causati dall'uso eccessivo di sale. 
Facebook Twitter More

Il Ministero della Salute, in occasione della 'Settimana mondiale di sensibilizzazione per la riduzione del consumo alimentare di sale' (12-18 marzo 2018), ha ricordato che gli italiani consumano davvero troppo sale. Il 91% dei bimbi tra i 6 e i 18 anni, il 90% degli adulti e l'85% degli ipertesi assumono una quantità maggiore dei 5 grammi quotidiani raccomandati dall'Organizzazione Mondiale della Salute.

 

La Settimana di sensibilizzazione per la riduzione del consumo di sale è stata promossa dalla World Action on Salt & Health (WASH), associazione istituita nel 2005 che ha gli obiettivi di incoraggiare le aziende multinazionali a ridurre il sale nei loro prodotti e di sensibilizzare i Governi sulla necessità di una strategia di popolazione per la riduzione del consumo alimentare di sale.

 

Infatti, un consumo eccessivo di sale può portare a un aumento della pressione arteriosa, con crescita del rischio di insorgenza di gravi patologie cardio-cerebrovascolari correlate all’ipertensione, tra cui infarto del miocardio e ictus cerebrale. L’introito di sale è stato associato anche ad altre malattie cronico-degenerative, quali tumori dell’apparato digerente, in particolare quelli dello stomaco, osteoporosi e malattie renali.

 

Lo scopo dell’Organizzazione Mondiale della sanità (OMS) è quello di ridurre del 30% l’introito di sale entro il 2025. Affinché ciò possa avvenire, lo slogan scelto da WASH per la settimana mondiale di quest’anno è "5 ways to 5 grams", con l'obiettivo di indicare 5 azioni concrete per ridurre il consumo di sale fino al valore massimo raccomandato dall’OMS di 5 grammi al giorno. I cinque modi concreti suggeriti da WASH sono i seguenti: 

 

1) scolare e sciacquare sempre verdure e fagioli in scatola; mangiare più frutta e verdure fresche;

 

2) provare a diminuire gradualmente l'aggiunta di sale ai piatti preferiti: il palato si adatterà al nuovo gusto;

 

3) usare erbe, spezie, aglio e limone al posto del sale per aggiungere sapore ai piatti;

 

4) mettere il sale e le salse salate lontano dalla tavola, così i giovani non prendono l'abitudine di aggiungere sale;

 

5) controllare le etichette dei prodotti alimentari prima di acquistarli: ciò aiuta a scegliere quelli a minor contenuto di sale.

 

GUARDA ANCHE LA GALLERIA FOTOGRAFICA: