Home Bambino Alimentazione

Gli allergologi: i genitori di bambini con allergie alimentari non trasmettano la propria ansia ai figli

di Sara Sirtori - 28.02.2020 - Scrivici

allergie-alimentari
Fonte: shutterstock
Uno studio ha indagato quali fattori contribuiscono ad aumentare l'ansia nei bambini con allergie alimentari. I genitori ansiosi trasmettono la propria ansia ai figli, pertanto è consigliabile che il genitore cerchi di rassicurare i figli attraverso il dialogo e la condivisione di informazioni.

Allergie alimentari: come sconfiggere l'ansia

Un articolo pubblicato su Annals of Allergy, Asthma and Immunology, la rivista scientifica dell'American College of Allergy, Asthma and Immunology (ACAAI), rivela che i genitori di bambini con allergie alimentari spesso trasmettono le propria ansia ai figli.


Afferma la ricercatrice Lisa Lombard, autrice principale dell'articolo:

Le allergie alimentari fanno paura sia ai genitori che ai bambini, motivo per cui è importante che i genitori offrano strategie basate sui fatti per non aumentare le preoccupazioni dei loro figli. Secondo gli allergologi che abbiamo intervistato, una comunicazione ponderata ed equilibrata e la disponibilità a condividere informazioni con il bambino con allergie alimentari, lo aiutano molto a far fronte alle proprie paure.

Allergie alimentari: i fattori dell'ansia

I ricercatori hanno condotto interviste con sei allergologi certificati, che ogni giorno visitano moltissimi bambini con allergie alimentari. L'obiettivo delle interviste era, in parte, quello di comprendere i principali fattori che contribuiscono a incrementare l'ansia nei pazienti con allergia alimentare.

Ha dichiarato Ruchi Gupta, membro ACAAI e studio coautore:

Gli allergologi hanno affermato che i principali fattori che contribuiscono ad aumentare l'ansia nei bambini con allergie alimentari sono: la paura dell'ago che inietta dell'epinefrina, la paura dell'anafilassi e l'apprensione per l'intruduzione di nuovi alimenti o l'immunoterapia orale. Hanno anche affermato che, sebbene le reazioni allergiche e l'epinefrina possano spaventare, quelle esperienze sono state spesso opportunità per affrontare positivamente il problema. Ad esempio, l'uso dell'epinefrina può portare un senso di sollievo dopo che è stato affrontato ciò che prima era ignoto.

L'importanza del dialogo e frasi rassicuranti

Gli allergologi hanno notato che in particolare con i bambini più piccoli, il bambino potrebbe non essere particolarmente ansioso, ma i genitori lo sono.  Hanno anche affermato che l'introduzione di piccole quantità di cibo a cui un bambino potrebbe essere allergico per poi introdurle in quantità sempre maggiori - rappresenta un'opportunità per le famiglie di ridurre la paura dell'ignoto.

Afferma il dott. Gupta:

Poiché i bambini prendono spunto dai loro genitori e il loro livello di ansia spesso riflette il livello di ansia dei loro genitori, i genitori devono riconoscere come stanno comunicando con i loro figli in merito alle allergie alimentari. Gli allergologi intervistati ci hanno detto che a volte i genitori vengono a chiedere consulenza senza il bambino, perché così facendo li aiuta a prendersi cura del bambino e della famiglia allo stesso tempo.
Un allergologo ha suggerito ai genitori di usare dialoghi con i figli frasi rassicuranti come 'ce la faremo' piuttosto che esprimere la propria ansia e la propria paura.

TI POTREBBE INTERESSARE

Leggi articoli su

articoli correlati

ultimi articoli