Home Bambino Alimentazione

Ciliegie ai bambini: quando e come darle

di Elena Berti - 14.04.2022 - Scrivici

ciliegie
Fonte: Shutterstock
Rosse, succose, dolci e profumate, le ciliegie sono amate da tutti, grandi e piccini. Ma quando inserirle nella dieta dei bambini?

Rosse, succose, dolci e profumate, le ciliegie sono perfette per grandi e piccini. Quando si comincia non si smette facilmente. Si possono mangiare da sole o nello yogurt, in una torta o nella macedonia. Ma quando dare le ciliegie ai più bambini?

In questo articolo

Ciliegie: quando darle ai bambini

Gli alberi in fiore nelle città e in campagna ci ricordano, tra marzo e aprile, che presto inizierà la stagione delle ciliegie! Appena compaiono sugli scaffali dei supermercati la voglia di comprarle è tanta: ci ricordano l'infanzia e hanno quel gusto che ce ne farebbe mangiare un kg intero o anche di più. Ma attenzione: la ciliegia è potenzialmente allergizzante, per questo prima di darla ai bambini è bene verificare col pediatra, soprattutto se si tratta di piccoli di pochi mesi. Di solito, per provare un alimento nuovo, se ne dà giusto un pezzettino, ma molti schermi di svezzamento riportano come età per le ciliegie l'anno. 

Le ciliegie hanno però tantissime proprietà: essendo piene d'acqua sono perfette per idratarsi, soprattutto in estate, e hanno un apporto calorico bassissimo. Sono ricche di vitamine A, B e C e contengono molti minerali, tra cui il potassio e il fosforo. Mangiare ciliegie aiuta a mantenere sano il cuore, a tenere a bada il colesterolo e la pressione, e previene i malanni, come tosse, febbre e raffreddori, in previsione dell'inverno. 

Per questo rappresentano un ottimo frutto da dare ai propri figli, a patto di rispettare qualche regola. 

Ciliegie: allergie e come tagliarle

Come dicevamo, solitamente per verificare che un alimento non causi allergie lo si introduce iniziando da un piccolo pezzo. Se volete provare coi vostri figli, quindi, potete dare metà di una ciliegia e aspettare l'indomani per vedere se c'è una reazione. È importante non introddure altri nuovi cibi in questo lasso di tempo, per essere sicuri che il risultato sia proprio quello della ciliegia. Se va tutto bene, potete passare a una, poi a due e via via aumentare.

Sembra scontato, ma è importante ricordarsi che oltre ad avere un potenziale allergizzante, la ciliegia è un frutto molto piccolo che va dato nel modo giusto ai bambini per evitare il soffocamento. Dividete in due pezzi la ciliegia, togliete il nocciolo, poi dividete ancora in due le due metà. I quattro pezzettini saranno della dimensione giusta per vostro figlio.

Regole per prevenire gli episodi di soffocamento da cibo

Quando i bambini iniziano a mangiare è importante essere consapevoli del rischio di soffocamento. Bisogna tenere lontano dalla loro portata cibi che potrebbero non riuscire a ingoiare, come appunto le ciliegie. Se vedete che sono gradite, premuratevi di tagliarle correttamente e non limitatevi a denocciolarle, soprattutto se il bambino è ancora molto piccolo: le ciliegie sono scivolose e possono essere ingoiate in maniera errata molto facilmente, a differenze di un pezzo di pane. Qui di seguito vi riportiamo le linee guida del Ministero della Salute per evitare il soffocamento. 

  1. Il bambino deve assumere una corretta posizione mentre mangia: seduto a tavola e con la schiena dritta.
  2. Il bambino non deve essere distratto mentre mangia, quindi non deve giocare, guardare la TV o giocare ai videogiochi e soprattutto non deve correre. Attenzione anche a quando il piccolo si trova in un veicolo in movimento , ad esempio in auto, perché alcuni sobbalzi improvvisi causati dal veicolo in movimento potrebbero accidentalmente favorire l'aspirazione di alcuni alimenti.
  3. Predisporre un ambiente rilassato e tranquillo quando il bimbo deve mangiare.
  4. Non dare nessun cibo al bambino mentre sta piangendo o ridendo.
  5. Mai lasciare il bambino da solo mentre sta mangiando.
  6. Incoraggiare il bimbo a mangiare lentamente , facendo piccoli bocconi e masticando bene il cibo prima di deglutirlo, anche a costo di essere ripetitivi.
  7. Non forzare il bambino a mangiare.
  8. Dare al bambino alimenti appropriati al suo livello di sviluppo
  9. È bene informarsi e formarsi correttamente sul tema del soffocamento da cibo. Negli ultimi anni sono state promosse diverse iniziative finalizzate alla prevenzione di questi tragici eventi (es. corsi di manovre di disostruzione pediatrica). Infatti, oltre ad insegnare alle famiglie, e più in generale a tutti coloro che sono responsabili della cura del piccolo (es. educatori, operatori delle mense scolastiche, ecc.), quali sono gli alimenti pericolosi e come prepararli al fine di minimizzare il rischio di soffocamento, vengono anche spiegate le manovre di disostruzione che possono essere effettuate da chiunque in caso di pericolo.

Le ciliegie sono un ottimo frutto di stagione da dare ai bambini, a patto di inserirlo gradualmente per evitare reazioni allergiche e di fare attenzione al taglio, per evitare il rischio di soffocamento.

Aggiornato il 18.05.2021

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli