Home Bambino Alimentazione

Ciliegie ai bambini: quando e come darle

di Penelope Greco - 18.05.2021 - Scrivici

ciliegie
Fonte: Shutterstock
Rosse, succose, dolci e profumate, le ciliegie sono amate da tutti, grandi e piccini. Ma quando inserirle nella dieta dei bambini?

Rosse, succose, dolci e profumate, le ciliegie sono perfette per grandi e bambini. Quando si comincia non si smette facilmente. Si possono mangiare da sole o nello yogurt, in una torta o nella macedonia. Ma quando cominciare a darle ai più piccoli?

In questo articolo

Ciliegie: quando darle ai bambini

La stagione delle ciliegie inizia a maggio e termina a luglio. La ciliegia è potenzialmente allergizzante. Perciò, prima di inserirla nella dieta dei più piccoli, è meglio consultare il pediatra. Ragione per cui, se si segue lo svezzamento tradizionale, si tende ad aspettare gli 11-12 mesi prima di introdurlo nella dieta dei bambini.

Le proprietà delle ciliegie

Oltre ad avere proprietà reidratanti (Sono piene d'acqua quindi forniscono un apporto di sole 50 calorie ogni cento grammi) le ciliegie contengono un ottimo potenziale vitaminico essendo ricche di vitamine C, A e del gruppo B. Le ciliegie sono anche fonte di importanti minerali. Molto importante è la presenza del potassio, utile per il controllo della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna.

Le ciliegie contengono vitamine, antiossidanti (flavonoidi e carotenoidi) e minerali preziosi come il fosforo che sono degli eccellenti protettori dell'attività cardiaca e contro i danni causati dagli ossidanti. I nutrienti delle ciliegie aiutano a mantenere la giusta frequenza cardiaca, a prevenire l'indurimento dei vasi sanguigni, a ridurre il colesterolo e la pressione sanguigna, a rafforzare i muscoli cardiaci, riducendo il rischio di attacchi di cuore. Ma le ciliegie sono anche un vero e proprio "integratore" naturale contro gli effetti dell'inverno. Un adeguato consumo di ciliegie durante la stagione giusta previene tosse, febbre e raffreddori. 

Ciliegie: allergie e come tagliarle

Per testare eventuali allergie, come con gli altri alimenti, si comincia dandone un pezzetto piccolo al bambino, evitando di introdurre altre novità in contemporanea, e si osserva se vi sono reazioni, aumentando di volta in volta la dose. Naturalmente la presenza del nocciolo impone di tagliare e denocciolare le ciliegie per i bimbi molto piccoli.

Secondo l'OMCEO per dare le ciliegie in sicurezza, per evitare soffocamento, bisogna rimuovere il nocciolo e tagliare in quattro. Possono anche essere utilizzate nella preparazione di frullati freschi, nello yogurt e, per i più grandi, anche nel gelato o nelle torte.

Regole per prevenire gli episodi di soffocamento da cibo

  1. Il bambino deve assumere una corretta posizione mentre mangia: seduto a tavola e con la schiena dritta.
  2. Il bambino non deve essere distratto mentre mangia, quindi non deve giocare, guardare la TV o giocare ai videogiochi e soprattutto non deve correre. Attenzione anche a quando il piccolo si trova in un veicolo in movimento , ad esempio in auto, perché alcuni sobbalzi improvvisi causati dal veicolo in movimento potrebbero accidentalmente favorire l'aspirazione di alcuni alimenti.
  3. Predisporre un ambiente rilassato e tranquillo quando il bimbo deve mangiare.
  4. Non dare nessun cibo al bambino mentre sta piangendo o ridendo.
  5. Mai lasciare il bambino da solo mentre sta mangiando.
  6. Incoraggiare il bimbo a mangiare lentamente , facendo piccoli bocconi e masticando bene il cibo prima di deglutirlo, anche a costo di essere ripetitivi.
  7. Non forzare il bambino a mangiare.
  8. Dare al bambino alimenti appropriati al suo livello di sviluppo
  9. È bene informarsi e formarsi correttamente sul tema del soffocamento da cibo. Negli ultimi anni sono state promosse diverse iniziative finalizzate alla prevenzione di questi tragici eventi (es. corsi di manovre di disostruzione pediatrica). Infatti, oltre ad insegnare alle famiglie, e più in generale a tutti coloro che sono responsabili della cura del piccolo (es. educatori, operatori delle mense scolastiche, ecc.), quali sono gli alimenti pericolosi e come prepararli al fine di minimizzare il rischio di soffocamento, vengono anche spiegate le manovre di disostruzione che possono essere effettuate da chiunque in caso di pericolo.

Fonte articolo: Ministero della Salute

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli