Home Bambino Alimentazione

Il bambino è inappetente: che cosa fare?

di Luisa Perego - 02.09.2020 - Scrivici

bambino-che-non-vuole-mangiare
Fonte: shutterstock
Il bambino è inappetente, svogliato, sembra non essere per niente interessato al cibo. Bisogna preoccuparsi? Come intervenire? La risposta (anche in podcast) dell'esperto.

Cruccio e tormento di molti genitori: il bambino gioca con il cibo, non sembra interessato al piatto che ha davanti, non vede l'ora di alzarsi da tavola per andare a giocare. Insomma, per mamma e papà il proprio figlio è "inappetente".

Come comportarsi? Risponde nel podcast che trovate poco sotto il medico pediatra Lucio Piermarini, autore del best-seller di successo Io mi svezzo da solo! (pubblicato nel 2008). Il dottore Piermarini è autore anche del libro Sereni a tavola, edito da Sperling & Kupfer, in vendita dal primo settembre 2020. 

Ascolta il podcast: il bambino è inappetente, che cosa fare?

In questo articolo

Quando un bambino è inappetente

Prima di poter parlare di bambini inappetenti abbiamo bisogno di una definizione. Quando un bambino è inappetente?

Come spiega Piermarini: "Da un punto di vista medico il bambino inappetente è un bambino che mangia meno di quello di cui ha bisogno e che quindi vai incontro inevitabilmente a una condizione di malnutrizione e denutrizione, arrivando a sviluppare uno stato di malattia".

Nella pratica quindi, un bambino sano, veramente inappetente non esiste.

Sono i genitori a giudicare il loro figlio inappetente quando magari mangia svogliatamente, in maniera irregolare, fuori orario e spesso cibo inusuale molto saziante com il cibo spazzatura, molto calorico e poco nutriente. "Una situazione diversa rispetto a quello che a noi, dal punto di vista medico, preoccuperebbe".

Come intervenire e come prevenire?

Che cosa fare? Occorre convincersi che "in realtà il bambino inappetente non esiste" e comprendere le dinamiche che si sono instaurate nella famiglia (non solo alimentari!) che potrebbero aver creato lo stereotipo del bambino inappetente.

"Queste dinamiche vanno corrette, di comune accordo tra tutti i componenti della famiglia: genitori, nonni, ma anche altri adulti che hanno a che fare con il bambino. Chiarito questo, va rifondata la gestione dell'alimentazione del bambino in base a principi validati scientificamente, come quelli dell'alimentazione a richiesta. Questa è la nostra proposta sia per correggere eventuali problemi riguardanti il bambino pseudo-inappettente e soprattutto per prevenire la comparsa di questi problemi" conclude il pediatra.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli