Home Bambino Alimentazione

Piatti unici per bambini: le ricette

di Giulia Foschi - 21.06.2021 - Scrivici

piatti-unici-per-bambini-le-ricette
Fonte: Shutterstock
I piatti unici per bambini, facili e veloci da preparare, consentono di unire in una sola portata proteine, cereali e verdure, per un pasto completo e gustoso

Piatti unici per bambini: le ricette

I piatti unici fanno risparmiare tempo e permettono di unire, in una sola portata, diversi alimenti. Inoltre, mescolando i sapori, incuriosiscono i bambini e fanno sì che alcuni ingredienti vengano consumati più facilmente. La cosa importante, che tutti i genitori devono tenere a mente, è che siano sempre equilibrati. Ci facciamo guidare alla scoperta dei piatti unici per bambini da Francesca Ghelfi, biologa nutrizionista.

In questo articolo

Piatti unici per bambini: le ricette 3-6 anni

Quali piatti unici possiamo proporre ai bambini tra i 3 e i 6 anni?

"Il piatto unico, così come ogni pasto completo, deve essere sempre formato dai tre gruppi alimentari principali, in qualsiasi fascia di età, nelle seguenti proporzioni:

  • metà da un cereale (pane, pasta, riso, orzo, farro) + una una fonte proteica diversa a rotazione (carne, pesce, uova, formaggi, legumi);

  • metà da verdure.

In base all'età cambiano le porzioni, non le proporzioni. Ai bimbi più piccoli non si deve proporre un piattone, ma per individuare la giusta misura è bene basarsi sulla risposta del piccolo più che su indicazioni generiche. Un piatto molto sano che i bambini di questa fascia di età amano è un'insalata di patate lesse a cubetti, uova sode e fagiolini, condita con olio evo, erbe aromatiche e se lo si desidera qualche spezia (sì, possono consumarle senza problemi anche i bambini piccoli). Si possono mescolare le verdure oppure proporle separate, formando tre spicchi all'interno del piatto: in questo modo il bambino si divertirà a scoprire i diversi sapori".

Piatti unici per bambini: le ricette 6-12 anni

Quali invece i consigli per i bambini tra i 6 e i 12 anni?

"Un piatto che di solito piace molto a bambini e i ragazzini è la farinata di ceci,: è ottima anche fredda, nella sua versione "estiva", da mangiare con le mani tra due fette di pane come un panino. Nell'impasto della farinata possiamo aggiungere delle carote grattugiate o qualche altra verdura a piacere, per renderla un pasto completo. Oppure, accompagnarla con qualche stick di verdura cruda.

Un altro classico, se vogliamo optare per un piatto a base di carne, è il pollo. Suggerisco due ricette:

  • cosce di pollo al forno con limone, erbe aromatiche e verdurine miste, accompagnate da un cereale;

  • nuggets fatti in casa: si creano facilmente, tagliando a cubetti un petto di pollo e impanandoli nella farina gialla di polenta e nella farina di nocciole per renderli croccanti; un passaggio nella curcuma gli dona un bel colore giallo. Anche questi si cuociono in forno, senza grassi aggiunti, insieme a delle carotine a stick.

Piatti unici per bambini: le ricette vegetariane

Tornando ai piatti unici vegetariani, cosa possiamo preparare?

"Io consiglio di puntare molto spesso sui legumi anche se non siamo vegetariani, considerando che in mensa, a scuola, è facile che venga offerta della carne: meglio quindi a casa non esagerare e proporre cibi diversi. Oltre all'insalata di patate e alla farinata, che costituiscono ottimi piatti unici vegetariani, consiglio di preparare polpette e hamburger vegetali, sfiziosi e divertenti:

  • polpette di ceci e carote: basta cuocere gli ingredienti, frullarli, unire poco olio, pangrattato, erbe aromatiche e spezie a scelta, formare le palline e passarle in forno;

  • hamburger di fagioli e melanzane: anche in questo caso, se gli ingredienti vengono precotti, si può seguire lo stesso procedimento.

"Questi sono due esempi di abbinamenti, ma naturalmente ci si può sbizzarrire, sfruttando quello che si trova nel frigo: l'idea è di unire sempre un legume e una verdura, così, con un riso alle verdure o una semplice fetta di pane in accompagnamento, il pasto sarà completo. Pensando alle tre componenti, è facile trasformare anche un primo in un piatto unico. L'esempio per eccellenza è la pasta al pomodoro: se al sugo unisco delle lenticchie, ecco che ho anche la fonte proteica".

Piatti unici per bambini inappetenti

Come invogliare i bambini inappetenti a mangiare, facendoci aiutare da dei piatti unici?

"Il segreto è coinvolgere i piccoli nella preparazione. Ad esempio, per preparare le polpette vegetali, potremmo chiedere loro di frullare le verdure, osservandone la trasformazione. Non è mai una buona idea cercare di ingannarli, "nascondendo" le verdure: meglio invece renderli partecipi. Durante la preparazione potrebbero assaggiare qualche nuovo gusto: impariamo ad apprezzare i piccoli passi avanti, senza pretendere che un bambino con poco appetito inizi a consumare un piattone di pasta da un giorno all'altro. A questo proposito, meglio evitare porzioni grandi, che non riusciranno mai ad ultimare: iniziamo con piccole quantità, variando colori e composizioni, e coinvolgiamoli anche nell'impiattamento".

Attenzione alle merende. "Infine, attenzione alle merende: un frutto e uno yogurt vanno bene, un panino col prosciutto no: il suo appetito potrebbe risultare compromesso e il risultato è che il bimbo non mangerà più nulla a cena".

Piatti unici per bambini: le ricette estive

Quali altri ricette di piatti unici possiamo preparare nel periodo estivo?

"Uno dei piatti preferiti dell'estate è il couscous. Un alimento versatile che si presta come base ideale per diversi piatti unici, e che piace ai bambini così come agli adulti. Propongo due versioni e un "extra":

  • couscous con feta sbriciolata e verdure (ad esempio melanzane e peperoni) cotte e tagliate a cubetti ;
  • couscous nella zucchina: si prendono le zucchine tonde, si fanno bollire velocemente, si svuotano del ripieno con il quale si condisce il couscous, insieme a un po' di ricotta, e poi si riempie la zucchina;
  • in alternativa al couscous è ottimo anche l'orzo perlato lessato e poi saltato con melanzane, cipollotto, pomodorini, olio extravergine, origano e ceci in scatola".

L'intervistata

Francesca Ghelfi è biologa nutrizionista. Si occupa soprattutto di alimentazione per la prima infanzia e durante lo svezzamento. È responsabile del progetto Buono al Cubo della Fondazione De Marchi Onlus, per la diffusione della cultura scientifica in ambito nutrizionale.

TI POTREBBE INTERESSARE

ultimi articoli