Alimentazione

5 consigli per far mangiare la verdura ai bambini

bambinaverdura
05 Aprile 2018
Dare il buon esempio, variare le ricette, cucinare insieme: sono alcuni dei consigli dall'Istituto surgelati per far mangiare la verdura ai bambini.
Facebook Twitter Google Plus More

Non importa quanto impegno tu ci metta: di mangiare le verdure tuo figlio proprio non ne vuole sapere. Quando provi ad offrirgliele fa scene come se lo stessi avvelenando. Broccoli, carote, spinaci, cavolfiori: che cosa fare per farle apprezzare anche ai più piccini? 

Secondo il report 2017 Okkio alla salute (sistema di sorveglianza promosso dal Ministero della Salute) ben due genitori su 10 dichiarano di non riuscire a farne mangiare quotidianamente ai propri figli neanche una porzione di frutta e verdura. Eppure sono importanti: sono ricche di vitamine, fibre e sali minerali.

IIAS – Istituto Italiano Alimenti Surgelati – ha stilato un vademecum con cinque consigli pratici per aiutare i bambini a superare il rifiuto delle verdure.

 

1)  Giocate a cucinare!

Un modo divertente per convincere i bambini a relazionarsi con il cibo è quello di coinvolgerli nella preparazione dei piatti, ovviamente affidando loro attività semplici e non pericolose. Sentendosi partecipi, i “piccoli chef” saranno anche più motivati ad assaggiare ciò che hanno contribuito a portare in tavola. Dopo aver preparato insieme il piatto, mangiare qualcosa che hanno visto “nascere” e che hanno conosciuto in tutte le fasi di preparazione, può rassicurarli e far vincere la “paura” delle verdure. Analogamente si possono coinvolgere i bambini durante la spesa.

 

2) Preparate piatti colorati e attraenti

Presentare le verdure in piatti cromaticamente divertenti e in formati d’appeal può rappresentare un ulteriore incentivo al consumo da parte dei bambini. Zucchine, spinaci, carote, peperoni e zucca consentono preparazioni coloratissime e attraenti per i più piccoli.

 

3) Provate ricette alternative: polpette, frullati, estratti

Per rendere le verdure ancora più appetitose, liberare la fantasia per dar vita a preparazioni più “allegre” e invoglianti può essere d’aiuto: e allora sì a polpettine, frittate, crocchette, bocconcini a forma di animali, lettere, cuori, faccine sorridenti, ma anche frullati, estratti e così via…

Da non dimenticare poi la pizza: tutti i bambini ne vanno matti, per cui proporla con sopra qualche verdura può sicuramente indurli ad assaggiarla. 

4) Si può provare con piccole quantità

Mettere nel piatto grandi quantità di verdure (così come di qualsiasi altro alimento) potrebbe scoraggiare e demotivare all’assaggio anche il bambino più propenso, facendolo sentire incapace di finire il proprio pasto. 

 

5) Dare il buon esempio

Se i genitori mangiano tanta verdura, i bambini avranno sempre davanti agli occhi modelli positivi a cui ispirarsi. Tutta la famiglia dovrebbe cercare di adottare lo stesso tipo di alimentazione, perché non si può pretendere che i bimbi si rimpinzino di frutta e verdura se i loro genitori disconoscono l’universo di ortaggi presenti in natura.

Dire ai bambini che la verdura deve essere mangiata semplicemente “perché fa bene”, per loro non ha molto valore; ma dare il buon esempio è l’arma principale che i genitori possono adottare.