Da Federasma

Scuola, i consigli di Federasma per i bambini allergici

scuola_bambini
24 Maggio 2013
Tutti i consigli di Federasma per i bambini allergici. Come comportarsi a scuola per evitare brutte sorprese.
Facebook Twitter Google Plus More

A SCUOLA

  • Inserire l'alunno/studente tutte le attività scolastiche, sportive e ludico-ricreative tenendo conto delle esigenze derivanti dalla specificità della patologia dalla quale è affetto mettendo in atto un protocollo di gestione dell'ambiente scolastico e delle eventuali criticità ed emergenze che potrebbero dover essere gestite durante l'orario scolastico.

  • Comunicare alla scuola le patologie da cui è affetto l'alunno/studente così che la scuola attivi, in collaborazione con le strutture sanitarie competenti in materia di salute, un protocollo di gestione che tenga conto delle necessità di tipo sanitario (somministrazione dei farmaci e gestione delle emergenze), ambientale e alimentare.

  • Fornire alla scuola una copia sempre aggiornata dei farmaci prescritti in particolare, le istruzioni da seguire in caso di crisi asmatica o reazione allergica (protocollo terapeutico personalizzato) e le raccomandazioni dietetiche fissate dal medico curante.

  • Rispettare con il massimo rigore il regime alimentare dell'alunno/studente con documentata allergia alimentare assicurando che i cibi somministrati non vengano contaminati con gli allergeni a cui il soggetto è sensibile.

  • Non escludere a priori l'alunno/studente dall'attività sportiva ma seguire invece le indicazioni fornite dal medico curante (eventuale premedicazione e ambiente idoneo).

  • In caso di allergie ai pollini, evitare di far giocare o fare sport all'aperto durante i periodi dell'anno "a rischio" (come da calendario pollinico).

  • Nei periodi di impollinazione o in presenza di elevato traffico veicolare esterno, mantenere le finestre chiuse e favorire il soggiorno all'interno dei locali scolastici.

  • Eliminare tendaggi interni, ove ciò non fosse possibile, prediligere tende a vetro facilmente rimovibili e lavabili.

  • Preferire alle classiche lavagne con il gesso lavagne metalliche o plastificate con i relativi pennarelli atossici.

  • Utilizzare il grembiule in quanto utile per proteggere, anche se parzialmente, il soggetto allergico dall'esposizione agli allergeni degli animali eventualmente presenti nelle case dei compagni di classe e da questi trasportati attraverso gli abiti e le calzature.

  • Lasciare a scuola i grembiuli in un apposito armadio chiuso.

  • Appendere i cappotti all'esterno delle aule.

  • Far rispettare categoricamente il divieto di fumo in tutti gli ambienti confinati.

  • Effettuare le attività di pulizia al termine dell'orario scolastico o comunque in assenza degli alunni/studenti con particolare riferimento ai soggetti affetti da asma e allergie.

Leggi i consigli messi a punto da Federasma da mettere in pratica a casa, fuori casa e durante l'attività sportiva.

A casa

All'esterno

Durante l'attività sportiva

Torna al menù principale

Leggi anche il Dossier sulle allergie

Hai ancora qualche dubbio? Chiedi al pediatra nel forum. Per farlo basta iscriversi alla community di NostroFiglio.it.