Psicologia infantile

Capricci dei bambini da stress fuori e dentro casa

Di Franco Teruzzi
08 Ottobre 2012
E’ successo qualcosa a scuola? I genitori sono sotto stress? A volte i capricci sono semplicemente la risposta a cause di stress esterne o familiari
Facebook Twitter Google Plus More

I bambini attraverso i capricci possono chiedere aiuto per cause di stress esterne al contesto familiare, o al contrario tensioni all'interno della famiglia.

Se un bambino normalmente calmo e sereno manifesta improvvisamente disagi, anche sotto forma di capricci, considerate questi aspetti. È successo qualcosa a scuola o all'asilo? Qualche episodio che gli abbia generato stress o disagio? Oppure ci sono tensioni in famiglia? Se voi siete nervosi, è del tutto normale che un bambino assorba e rifletta il vostro stato d'animo.

Prima di punire o reprimere i capricci, ponete attenzione a questi elementi e parlatene con calma con vostro figlio, in modo adeguato, naturalmente, alla sua età.

Attenzione anche a non eccedere con le regole. Il cervello umano ha dei retaggi che gli derivano dall'evoluzione della nostra specie. Stimoli diversi agiscono su parti del cervello distinte, che proprio per la loro origine evolutiva forniscono risposte differenti.

Una sollecitazione non equilibrata (cioè un’attivazione della parte sbagliata del cervello, secondo Margot Sunderland, insegnante e psicoterapeuta) da parte dei genitori, può creare un corto circuito che sfocia inevitabilmente nel capriccio. Gli ordini, per esempio: “fai questo, non fare quello”; secondo la Sunderland vanno ad attivare una parte primitiva del cervello, ereditata addirittura dai rettili, che alla lunga reagisce in modo poco gradevole ingenerando risposte nervose e aggressive.

Viceversa, il gioco, le risate le coccole stimolano la produzione di ormoni con effetto oppiaceo, che suscitano uno stato di calma e benessere. Stimolare in modo squilibrato vuol dire eccedere in una sola direzione. Un sano mix di poche ma ferree regole, e tante benefiche attenzioni è certo alla base di un bimbo sereno e poco incline al capriccio facile.

Leggi anche:

Capricci, come capirli

Osservare i propri figli consente di valutare i loro comportamenti. Capricci compresi. Leggi tutto l'articolo

Il capriccio è la risposta del bambino alle difficoltà

I capricci possono essere la risposta (per lo più sana) alle regole educative imposte in famiglia oppure a difficoltà esterne, all’asilo o a scuola. Come uscirne? Con l’osservazione e tanta pazienza. Leggi tutto l'articolo

Capricci, le cause principali

Stanchezza e fame, parte emozionale del cervello non ancora sviluppata, bisogni di tipo psicologico, richiesta di aiuto per cause esterne, genitori troppo stressati e attivazione della parte sbagliata del cervello del bambino da parte dei genitori: sono queste le sei cause principali dei capricci. Leggi tutto l'articolo

Capricci per stanchezza, fame, alimentazione con troppi zuccheri o additivi

Stanchezza e fame sono la causa principale dei pianti, talvolta disperati, dei bimbi da 0 a 12 mesi. Anche un’alimentazione ‘sbagliata’, per esempio con troppi zuccheri, può scatenare irrequietezza e aggressività. Leggi tutto l'articolo

Capricci senza controllo. Ovvero i ‘temper tantrum’

Se il bambino esplode in una specie di crisi isterica, i genitori devono tenere conto che la parte emozionale del cervello non è ancora bene sviluppata e che quindi ha perso il controllo. L’atteggiamento migliore: rassicurarlo con un abbraccio. Leggi tutto l'articolo

Capricci che esprimono bisogni psicologici

Il cervello umano, soprattutto quando è in via di definizione e sviluppo, è un cervello affamato. Affamato di stimoli. Tra le necessità psicologiche che la Sunderland pone tra i bisogni di tipo psicologico, c'è anche questo tipo di appetito. Leggi tutto l'articolo

Capricci da stress fuori e dentro casa

E’ successo qualcosa a scuola? I genitori sono sotto stress? A volte i capricci sono semplicemente la risposta a cause di stress esterne o familiari. Leggi tutto l'articolo

Se vuoi chiedere consiglio a altre mamme, entra nel Forum, sezione Educazione