TERRIBLE TWO

“Terrible two”: piccolo manuale per genitori per sopravvivere ai capricci

Di Alice Dutto
15 febbraio 2016 | Aggiornato il 27 giugno 2018
Che cos'è la “Terrible Two” e cosa possono fare i genitori quando il loro bimbo attraversa questa fase? Lo abbiamo chiesto a Sara Luna Bruzzone, psicologa-psicoterapeuta e coautrice del blog Mammechefatica.it. E ci ha svelato che cosa fare per sopravvivere ai capricci dei bambini.
1.terribletwo.1500x1000

Che cos'è la “Terrible two”?
"Terrible Two - dice Sara Luna Bruzzone, psicologa e psicoterapeuta - è un’espressione usata per indicare il momento di maggior esplosione dei capricci in bambini attorno ai due anni di età, periodo in cui il bambino sta gradualmente imparando ad affermarsi come persona unica e distinta dai genitori".

2.terribletwo.1500x1000

Che cos'è la “Terrible two”?
"È una fase importante per quanto riguarda la crescita del piccolo, ma talvolta difficile da gestire per gli adulti che si prendono cura di lui".

3.terribletwo.1500x1000

Che cosa fa il bambino in questa fase?
"Il bambino tende ad opporsi ad ogni proposta/richiesta dell’adulto, manifesta scoppi di rabbia incontrollata in genere nelle situazioni meno opportune e più imbarazzanti (al supermercato, al parco, in mezzo alla strada…!)".

4.terribletwo.1500x1000

Che cosa fa il bambino in questa fase?
"La piccola furia mette in scena una rabbia improvvisa, dimenandosi, scalciando e urlando per imporre la sua volontà".

5.terribletwo.1500x1000

Quanto dura la “Terrible Two”?
"La durata di questa fase è variabile da bambino a bambino, a seconda anche della risposta ottenuta dall’ambiente circostante".

6terribletwo.1500x1000

Cosa devono fare i genitori?
"È importante che gli adulti in questo momento non si lascino soverchiare dalle richieste del bambino, né dai suoi pianti o ripicche: spesso infatti si tratta di una richiesta di aiuto, cerca cioè in tutti i modi di attirare l’attenzione su di sé, provocando e sfidando l’adulto".

7.terribletwo.1500x1000

Cosa devono fare i genitori?
"Quando il bambino si dispera senza motivo desidera infatti essere contenuto da mamma e papà attraverso un “No”, deciso, sicuro e coerente".

8.terribletwo.1500x1000

Cosa devono fare i genitori?
"Si tratta dunque di stabilire la prime regole e divieti fondamentali, senza tuttavia impedirgli di affermare se stesso o fargli perdere la fiducia nelle proprie capacità. Con grande abilità quindi i genitori devono trovare la giusta via di mezzo fra l’essere autoritari e l’essere troppo permissivi, trasmettendo il senso del limite al proprio figlio, in una parola: si deve dimostrare autorevolezza. È un lavoro faticoso, a volte frustrante, ma essenziale per un sano sviluppo psicologico".

9.terribletwo.1500x1000

Le contromisure: evitare le occasioni “scomode”
"Per ridurre il numero degli interventi normativi è meglio limitare il più possibile le occasioni “scomode”, ad esempio organizzando la casa in modo tale da tenere lontano oggetti pericolosi o preziosi, coprire le prese elettriche e gli spigoli dei tavoli e cassettiere alla sua altezza. Inoltre è bene anche ridurre le situazioni sociali non adeguate ai bambini (cioè che li obbligano a stare fermi per un tempo troppo lungo per loro)".

10.terribletwo.1500x1000

Le contromisure: quando intervenire con fermezza
"Nei casi di capricci che riguardano il possesso di un oggetto non suo da restituire al legittimo proprietario, è bene intervenire con fermezza, senza preoccuparsi di urla e altro".

11.terribletwo.1500x1000

Le contromisure: evitare il senso di colpa
"Non sentirsi in colpa per aver sgridato il bambino: se momentaneamente ci resta male, non significa che non vi vorrà più bene. Ricordarsi sempre che insegnare le regole e il senso del limite è uno dei maggiori regali d’amore che potete fare ai vostri bambini. Si consolerà in fretta, calmandosi e cercando di nuovo il vostro affetto".

12.terribletwo.1500x1000

Le contromisure: dare il buon esempio
"Dare il buon esempio ricordandosi sempre di essere un modello che i figli imitano".

13.terribletwo.1500x1000

Le contromisure: niente punizioni
"I castighi e le punizioni non sono quasi mai efficaci, meglio cercare di capire le ragioni del capriccio (è difficile che sia totalmente immotivato), mettendosi nei panni del figlio solo una volta ristabilita la serenità".

14.terribletwo.1500x1000

Le contromisure: quando intervenire con fermezza
"Quando il contesto è pericoloso o l’azione commessa è davvero sconsiderata, è importante intervenire con un atteggiamento deciso e fermo per trasmettere sicurezza al bambino che è il primo a sentirsi fragile e incapace di controllare le sue emozioni aggressive".

15.terribletwo.1500x1000

Le contromisure: quando ignorare i capricci
"Se invece si avverte meno tensione, si è in casa e non ci sono pericoli imminenti, è più opportuno ignorare i capricci, lasciando che sfoghi la sua rabbia da solo, fino a quando si calmerà e tornerà da mamma e papà sorridendo. In questo caso evitate prediche, ripicche o risentimenti che potrebbero soltanto fraintendere".

16.terribletwo.1500x1000

I consigli di tata Adriana
Mantenere la calma, essere fermi nelle decisioni, non comprare il bambino e dedicargli del tempo: ecco qualche altro consiglio pratico per affrontare la situazione da parte della nostra tata Adriana "Fa i capricci? Tu mantieni la calma".

17.terribletwo.1500x1000

Una strategia made in Usa
Il bimbo fa i capricci? Calmatelo in 'bambinese': è questa la questa la strategia americana elaborata dal Dott. Harvey Karp, noto pediatra americano, autore di diversi manuali per genitori.

18.terribletwo.1500x1000

Prevedere i capricci per evitarli
Capire che il bimbo sta crescendo, mantenere la calma ed eludere i capricci prevedendo le situazioni che potrebbero causarli. Un po' di consigli su come Sopravvivere ai "terrible twos".

19.terribletwo.1500x1000

E se diventa dispettoso?
Se il bimbo si comporta male anche quando non ci sono mamma e papà, magari all'asilo, tata Adriana suggerisce di parlare con le maestre per trovare una soluzione comune. Sos: all'asilo è troppo monello!

20.gruppomamme.1500x1000

Il confronto
Volete parlare con altre mamme per imparare dalla loro esperienza? Scrivete sul nostro Forum tutti i vostri quesiti e perplessità. Uno dei modi per affrontare un momento difficile è infatti quello di confrontarsi con chi ci è già passato.

Che cos'è la “Terrible two”?
"Terrible Two - dice Sara Luna Bruzzone, psicologa e psicoterapeuta - è un’espressione usata per indicare il momento di maggior esplosione dei capricci in bambini attorno ai due anni di età, periodo in cui il bambino sta gradualmente imparando ad affermarsi come persona unica e distinta dai genitori". | Alamy