Da leggere ad alta voce

Fiabe classiche: 'Cappuccetto Rosso'

cappuccetto-rosso
23 Aprile 2013
Una versione del classico 'Cappuccetto rosso', riscritta da Nicola Cinquetti, che conserva la forza evocativa della trama originale con un linguaggio fresco e poetico. Condito da qualche piccola 'intrusione d'autore'.
Facebook Twitter More

La classicissima e arcinota storia della bambina con il cappuccio rosso cattura e affascina sempre anche i più piccoli (infatti è tra le prime fiabe proposte nei nidi). Cappuccetto Rosso piace ai bambini perché mette in scena una paura atavica, quella del 'lupo cattivo', e li aiuta a superarla.

Questa versione, riscritta da Nicola Cinquetti, conserva la forza evocativa e il potere della trama originale con un linguaggio fresco e poetico, condito da qualche piccola 'intrusione d'autore'... Divertente. Un esempio? Alle raccomandazioni della mamma, la piccola protagonista risponde: 'Non temere mamma, io non sono la bambina delle fiabe!'.

Ma nelle fiabe, comunque, tutto finisce bene: a ogni rilettura, il bambino 'scivola' sui passaggi più spaventosi e si proietta verso il lieto finale. E qui, il felice epilogo, è amplificato dall'immagine di infinita dolcezza, in primo piano, della nonna e della bimba. Di profilo, signora e nipote si tengono le mani, con le teste vicino, quasi a formare un cerchio, e sorridono...

Sullo sfondo, una porta è aperta e lascia intravedere il cacciatore e il corpo inerte del lupo...

Tutto è avvolto in un'atmosfera onirica e ovattata che caratterizza l'albo già dalle prime pagine, al ritmo del tratto lieve e suggestivo delle illustrazioni.

Da leggere insieme, a voce alta (un numero infinito di volte!), per apprezzare tutto il potere e la magia della fiaba tradizionale.

Scarica l'mp3 della fiaba di cappuccetto rosso

Jacob e Wilhelm Grimm, Cappuccetto Rosso - riscritta da Nicola Cinquetti, illustrata da Stefano Morri, pp. Edizioni ARKA

Ti potrebbe interessare:

La fiaba di Cappuccetto Rosso

TI POTREBBE INTERESSARE
  1. Perché leggere una fiaba a un bambino