Nostrofiglio

Feste a tema

Come diventare Baby party planner e organizzare feste di compleanno a tema

Di Rosy Maderloni
festacompleannoatema

05 Gennaio 2018
Da una passione può emergere un vero talento e, perché no, un'attività che funziona a pieno ritmo. Riccardo Arpinelli ha 28 anni ed è un Baby party planner: ha cominciato per  hobby e oggi realizza eventi e allestimenti per feste, pensate sin nei minimi dettagli.

Facebook Twitter Google Plus More

La creatività è anche riuscire a riconoscere un'opportunità a partire da una personale e semplice passione: per Riccardo Arpinelli, Baby party planner romano, è stato così. Contro le statistiche che vedono il nostro Paese fermo a quota un 29% di giovani 15-29 anni occupati, con 20 punti in media meno rispetto alla media Ue (dati Eurostat) oggi Riccardo ha 28 anni e da quasi 8 è l'ideatore di un progetto che è al tempo stesso una professione ma anche una grandissima passione. 

 

Cosa fa il Baby party planner
 

Riccardo, ha dato ascolto a un talento portato sempre avanti come un hobby o un divertimento: quello di animare le feste dei più piccoli tramite il passaparola, fino a trasformarlo in un'impresa che compie 8 anni e che nel 2017 ha già all'attivo 170 eventi organizzati. 
 

Fantasia Feste organizza feste a tutto tondo: il primo step del lavoro di Riccardo e del suo team è l'analisi del bambino. «Innanzitutto cerchiamo di conoscere i gusti del festeggiato e le preferenze in base all'età, così cerchiamo di sondare tra quali sono gli ingredienti che non devono mancare al party. Ogni occasione è differente: una festa all'aperto o in casa oppure in una particolare location richiede risposte diverse».
 

Dall'ideazione dell'evento all'animazione passando per le decorazioni, i tableau, i carretti golosità, senza dimenticare la stampa dei biglietti di invito: il Baby party planner è un supporto per i genitori che si avvale di collaborazioni con location, wedding planner, cake e flower designer per rispondere prontamente e non richiedere ai propri clienti altri sforzi organizzativi.
 

«I servizi sono importanti, ma poi il cliente si fida delle persone - aggiunge Riccardo Arpinelli -: la nostra clientela è molto fidelizzata e questo è merito della disponibilità e professionalità delle educatrici e animatrici a cui vengono affidati i bambini».

 

 

Feste di compleanno a tema, i suggerimenti del baby party planner

  • Festa primo compleanno: l'importante è allestire un'area morbida con costruzioni e giochi adatti ai piccolissimi. Questo genere di feste, come anche i battesimi, sono importanti occasioni di ritrovo per gli adulti quindi si lavorerà soprattutto su allestimenti e rinfresco. Le educatrici in questo caso saranno scelte con competenze sulla prima infanzia.
  • Festa a tema Principesse: Si può proporre un divertente laboratorio tutù: le bambine saranno invitate a realizzare il loro costume con materiali semplici (tulle, nastri colorati, colle e cartoncini) che poi indosseranno per il resto della festa.
  • Festa a tema Supereroi: Il laboratorio proposto è di realizzare insieme le maschere di Spiderman e Batman. Anche gli allestimenti, inoltre, ricalcheranno il tema scelto per la festa con ragnatele o pipistrelli.
  • Festa a tema Frozen: Non è difficile realizzare un grande pupazzo di Olaf lavorando insieme ai bambini con bottoni, carote, ovatta e nastrini. Si può scegliere di realizzarne uno grande, che faccia poi allestimento e rimanga alla festeggiata oppure farne realizzare a ogni bambino il suo, che poi diventerà anche un ricordo da portare a casa.
  • Festa a tema Cars: Dopo aver realizzato insieme ai bambini un semaforo di cartone si può giocare ad impersonare delle macchine in gara: con l'occasione, si può impartire anche qualche nozione di educazione stradale.
  • Festa a tema Chef Party: Un laboratorio che diverte sempre è quello per cui i bambini, muniti di grembiule e cappellino,  si mettono a cucinare biscottini e decorazioni di dolci che poi mangeranno durante la festa.

 

Gli ingredienti di una Festa di compleanno
 

«Si comincia con giochi di conoscenza con musica di sottofondo, in attesa che tutti gli invitati arrivino - continua I'esperto - per passare ai veri e propri giochi organizzati o ai laboratori. Al termine di questo primo momento si può pensare a una pausa merenda. L'ideale è proporre ad ognuno dei bambini invitati un cestino con porzioni baby di poche cose di sicuro gradimento, così si evitano gli sprechi».

 

«Generalmente la merenda si può proporre su un tappetone, definendo uno spazio che sembri un'area pic nic e che quindi possa intrigare di più i bambini in un unico posto».

 

«In base al tempo a disposizione si può proseguire cambiando attività, dal truccabimbi alle sculture di palloncini: qui si preparano i bambini allo scarto dei regali e solo a seguire si propone la torta, che di solito ai bambini interessa fino al momento della foto insieme. Si conclude, se previsto, con un gadget o un ricordo che il festeggiato vuole lasciare a tutti i suoi invitati».

 

«Anche per gli adulti potrebbe essere utile prevedere qualcosa oltre al tavolo del rinfresco, un angolo Polaroid potrebbe essere un'idea, oppure un tavolo con riviste a disposizione e giornali potrà risultare assai gradito».

 

Il coraggio di prendere in mano la propria vita

 

Il lavoro di Baby party planner è stato l'occasione per Riccardo di giocarsi in un'attività che ora è il suo vero lavoro. Per iniziare ha coinvolto i suoi rapporti più stretti come suo fratello Lorenzo e alcune amicizie che negli anni continuano a essere un grande supporto. Fantasia Feste ha aperto un punto vendita a Roma ed è certamente motivo di orgoglio.

 

«Stiamo valutando di ampliare l'attività - spiega il Baby party planner -. Negli anni non sono mancati i sacrifici, ma le soddisfazioni sono state maggiori. Il nostro slogan è "Il loro sorriso, il nostro successo" e questo coglie nel profondo perché io sia contento di quello che sto facendo e delle mie motivazioni. Realizzare imprese giovani e vincenti è possibile, con la determinazione e obiettivi chiari. Spero che questo possa essere preso come uno spunto per chi ha un sogno nel cassetto ma non osa tirarlo fuori».