Adriana risponde

Sos: all'asilo è troppo monello!

adriana-cantisani-400x300
14 Ottobre 2010
Ho un bimbo di tre anni molto vivace, la maestra dell'asilo dice che non ascolta e non sta fermo un attimo. E' già stato messo in castigo. Una mamma mortificata chiede aiuto a Adriana, la nota tata del programma tv Sos tata.
Facebook Twitter Google Plus More

Ti scrivo con lacrime agli occhi e la rabbia nello stomaco: possibile che io sia l'unica mamma ad avere un bimbo di tre anni super vivace, super monello che non ascolta mai e non sta fermo un attimo? Oggi quando sono andata a prenderlo all'asilo la maestra mi ha detto che è stato molto monello e lo ha persino messo in castigo. Mentre raccontava l'episodio altre mamme hanno riso e fiere dei loro pargoli tranquilli se ne sono andate via.

A casa con noi l'accetto ma all'asilo no. Arrivata a casa piangevo da sola e mi chiedevo: è mai possibile? Non ascolta le maestre, disturba gli altri bambini nelle loro attività. Ho chiesto alla maestra se lui collabora nei lavoretti e lei mi ha risposto che è il primo a finire. Non so più che fare e che pensare ho solo rabbia e delusione.

Posso garantire che non gli mancano né il nostro affetto né le nostre attenzioni, ogni volta che fa qualcosa che non va gli spieghiamo sempre il perché e anche il perché della punizione ma niente sembra servire.

Io sono stanca di avere sempre i sensi di colpa e di essere sempre mortificata da altre persone e di fronte agli altri genitori.

Grazie per l'aiuto

Cara Mamma,

per prima cosa non prenderla in modo così personale. Stai tranquilla: il tuo bambino si comporta come migliaia di altri bimbi.

Chi è Adriana Cantisani

Il fatto che a casa venga “tollerato” un comportamento più monello: questo potrebbe essere la benzina sul fuoco. E' importante che il bambino segua un percorso coerente nei metodi educativi che gli vengono insegnati. Se a casa può fare alcune cose ma a scuola no, non solo sarà confuso, ma anche arrabbiato, perché il suo comportamento provoca una "punizione".

Un bambino di neanche tre anni è ancora troppo piccolo per capire il perché di una punizione ed è per questo che raramente funzionano: parlane con le maestre, in modo da trovare una linea educativa comune, da mettere in atto a scuola come a casa. Devi solo stare serena. Leggi i miei consigli dati a altre mamme sui capricci Fa i capricci? Tu mantieni la calma e Sos capricci a tre anni

Prova anche a consultare le regole d'oro anti-capriccio che trovi sul mio sito …. Se li ho scritti, capirai che forse i capricci sono normali e comuni a tutti: coraggio!

A volte questo tipo di comportamento può essere indice di altri disagi: soffre di otiti ricorrenti? Hai fatto un esame audiometrico? Prova a consultarti con il tuo pediatra di fiducia. Altre volte invece è semplicemente il carattere del bimbo, più o meno attivo.

Cercate di osservare i suoi comportamenti, in modo sereno. Riguardo al fatto di finire per primo i lavoretti, per esempio: è il primo a finire per il gusto di finire e poter così mettersi a correre? Oppure i lavoretti li fa con impegno, assorto in quello che fa e poi si annoia e quindi si mette a correre? Normalmente chi ama correre, non ama stare fermo.

Rimani tranquilla: trova delle soluzioni e tirati su. Non sei un fallimento. Prima tu lo capirai, prima potrai affrontare questo periodo di tuo figlio.

Ricordati che tuo figlio non è un bambolotto. Crescendo farà delle cose che ti faranno tanto piacere e altre che ti faranno strappare i capelli: vedrai con l'adolescenza! ;-)

Non puoi disperarti perché alla materna è un po' monello. Certo, bisogna che impari a comportarsi bene, rispettare i compagni ecc., ma diamogli l'importanza che ha e non sovraccaricare le sue spalle di tre anni! Se tu lo vedi "terribile" o come il tuo fallimento personale, gli trasmetterai queste sensazioni e non è giusto.

C'è tanto tempo per imparare… siete all'inizio di un lungo percorso. Non abbandonarlo però. Sicuramente le cose andranno meglio una volta che deciderete di adottare una linea educativa comune a casa e a scuola.

Se il suo comportamento ti continua a sembrare eccessivo, parlane con la tua pediatra che ti potrà indicare se è il caso o meno di approfondire il tutto.

Coraggio!

adri

Leggi anche: I 100 consigli della tata ai genitori