Adriana risponde

Sos, giochi tra bambini

adriana-cantisani-400x300
11 Novembre 2010
Due amichette di tre e cinque anni giocano insieme, ma poi non si sa perché scatta il nervosismo e le frasi tipiche: "non sei più mia amica ...". Una mamma chiede consiglio a Adriana, la nota tata del programma tv Sos tata.
Facebook Twitter More

Ciao Adriana, sono Valentina, la mamma di Beatrice, una adorabile bambina di 3 anni e mezzo. Ho un problema, la mia vicina di casa ha una bambina di cinque anni, lei e Beatrice sono molto amiche così ogni tanto Giada viene a casa nostra per giocare con noi. All'inizio giocano insieme e sono carinissime, poi, non so perché ma dopo un po' Beatrice comincia a essere nervosa e gelosa, forse per la stanchezza, Giada alla fine si offende e la situazione man mano degenera per poi precipitare quando poi deve tornare a casa sua malvolentieri e si finisce in un capriccio generale con frasi brutte da entrambe del tipo " non è più mia amica..." . E' davvero un peccato visto il bene che si vogliono e la loro costante voglia di stare insieme. Volevo sapere se c'è qualche stratagemma per evitare tutto questo e passare dei bei momenti insieme. Ti ringrazio Valentina

Cara Valentina,

le situazioni che mi descrivi sono del tutto normali.

Chi è Adriana Cantisani

I bambini di tre anni e quelli di cinque infatti hanno modi di giocare diversi fra loro, perché diverso è il loro sviluppo socio-emotivo. Raramente i bimbi di tre anni condividono un gioco o interagiscono nel gioco con altri bimbi. A questa età spesso si condivide lo STESSO SPAZIO, ma non lo stesso gioco: ad esempio, possiamo trovare due bambini di questa età insieme, ma uno gioca con una bambola, mentre l'altro colora.

Verso i quattro anni invece iniziano a condividere lo STESSO GIOCO: per esempio, tutte e due colorano, ma ognuno è coinvolto in quello che sta facendo e non nell'attività dell’altro, oppure entrambi giocano con le bamboline, ma ancora c'è poca interazione.

Verso i cinque anni invece condividono lo STESSO GIOCO e INTERAGISCONO anche tra loro.

Prova a farle incontrare su un terreno neutro: al parco per esempio, dove i giochi sono di tutti. Non lasciare che le "brutte frasi" ti spaventino: ricordati che così come le dicono, già se le scordano. Si tratta di una comportamento legato al fatto che ancora non sanno decifrare e gestire emozioni come la delusione, lo sgomento, la frustrazione ecc.

Cerca anche di limitare il tempo che stanno insieme a una mezz'oretta: ricorda che i bambini dell'età di tua figlia hanno uno spazio di attenzione raramente superiore a questo tempo. Proponi una merenda, una passeggiata o un’altra attività per "spezzare" i momenti di gioco. Non aspettarti che passino un intero pomeriggio insieme: tua figlia è ancora piccola.

Meglio una mezz'oretta di gioco insieme, poi una merenda, poi una passeggiata o una corsa fuori, poi un'attività al tavolino (come fare una collana di maccheroni o usare gli acquarelli, cose del genere). E poi? Forse anch’io ho esagerato con le attività! Tua figlia potrebbe essere ancora piccola per reggere … meglio iniziare con gioco e poi merenda, dopodiché basta! Aumenta pian piano, regolati tu, ma ricorda di variare attività dopo 20-30 minuti.

Divertitevi!

Un abbraccio,

adri

Leggi anche: I 100 consigli della tata ai genitori

TI POTREBBE INTERESSARE
  1. I 100 consigli della tata ai genitori