Adriana risponde

Sos, il bebè dorme poco e ha sempre fame!

adriana-cantisani
02 Aprile 2010
Che cosa comunica un neonato attraverso il pianto? A volte piange perché ha fame ma a volte perché ha le coliche o semplicemente un desiderio di contatto con la mamma. Lo spiega a una neo mamma Adriana Cantisani, la nota tata Adriana di SOS Tata.
Facebook Twitter Google Plus More

IL PROBLEMA

Salve ho un problemino di fame con mia figlia che ha due mesetti nel senso che da qualche settimana non solo dorme meno, ma non riesce quasi mai a raggiungere le tre ore tra una poppata e l'altra, praticamente quasi un'ora prima "sbraita" dalla fame innervosendosi più che mai!!! e non solo anche quando finisce sembrerebbe insoddisfatta!!

Lei cmq è intollerante alle proteine del latte x cui beve un latte che ne è privo; proprio ieri siamo state dalla pediatra l'ha aumentato a 110 ml con 3 misurini, ma niente sempre al solito piange quindi poco fa ho tel alla pediatra e l'ha aumentato a 120 con 4 mis. Tu cosa ne pensi?

Aspetto con ansia, Roberta

Cara Roberta,

Immagino che abbiate escluso altre possibili ragioni come causa del pianto. Le coliche gassose sono tipiche di questa età come lo è pure un forte desiderio di contatto. Se la bambina piange anche quando è presa in braccio possiamo escludere la sola fame come elemento scatenante.

Oppure se in certe posizioni, che danno in genere sollievo al pancino gonfio da coliche, il pianto passa, sappiamo che si tratta di altro. Bisogna andare così, a tentoni, per capire veramente il nostro bebè e vedere di trovare con te una soluzione.

Il pianto dei neonati, essendo l’unico modo per comunicare, può volerci dire tante cose. Non si capisce bene dalla tua lettera se stai facendo l’allattamento misto o solo con biberon o se la bambina usa il ciuccio o meno (se non lo usa, la voglia di biberon o seno potrebbe essere un fatto consolatorio). Leggi anche l'articolo sul latte artificiale

Hai fatto bene a consultarti con il tuo pediatra e comunque ti accorgerai col tempo quando è necessario aumentare il latte nel momento in cui finisce il biberon: vuol dire che ne aveva bisogno e quindi l'aumento va bene.

Io facevo così: quando vedevo che i miei bimbi finivano il biberon, aumentavo sempre di un misurino e 30 ml di acqua. Le volte successive spesso non lo finivano e poi, come per magia, iniziavano a finire tutto e così aumentavo di un altro misurino.

Poi, sempre meglio un po’ di più che troppo poco….quindi non avere paura!

Continua a seguire la crescita della tua bambina con l’aiuto del tuo pediatra e vedrai che ogni volta “aggiusterai il tiro” e in men che non si dica ti chiederà il bis di maccheroni!!

Un abbraccio,

adri

Leggi anche: I 100 consigli della tata ai genitori

Iscriviti alla Guida al neonato di Nostrofiglio.it! E' gratis e arriva ogni settimana sulla tua email