Adriana risponde

Sos: bimbo mangia solo al nido

tata-adriana-404
12 Maggio 2011
Da quando ha avuto una piccola laringite, un bimbo di 10 mesi non vuole mangiare nulla a casa con la mamma. Al nido però, mangia tutto senza problemi. Che cosa fare? Leggi i consigli di Adriana, la nota tata del programma tv Sos tata.
Facebook Twitter More

Buongiorno tata Adriana, ti scrivo perché sono ormai sull'orlo della disperazione. Il mio bambino, Gabriele di 10 mesi, non vuole mangiare nulla a casa con me, si limita a 2/3 cucchiaini di pappa e poi vorrebbe subito passare alla frutta. E' una situazione che è cominciata quando si è preso una piccola laringite, che con le cure poi si è sistemata in qualche giorno... La cosa che mi rende così disperata però è che al nido le maestre mi dicono che fa tutta la pappa, senza batter ciglio!!! Quale può essere la differenza tra nido e casa?? Forse che lì vede gli altri bimbi mangiare?? Forse devo cambiare le modalità della pappa?? Sono alla ricerca disperata di consigli, vi prego aiutatemi.... Grazie Sonia

Cara Sonia,

intanto chiedi alle maestre cosa mangia volentieri a scuola…com’è organizzato il loro pasto e prova a ripeterlo a casa, usando anche un po’ di fantasia!

Se a scuola mangia, la questione quindi non è legata al rifiuto del cibo: bisogna lavorare sulla modalità con cui si propone il momento del pasto. Ansie e preoccupazioni non aiutano nessuno: meglio un atteggiamento sereno e tranquillo…non è facile, ma si impara!!!

Potrebbe essere un modo per avere la tua preoccupazione e attenzione, per ripetere le attenzioni e le cure avute con la laringite. Prova a non mostrarti ansiosa e preoccupata e lascialo fare. Il momento del pasto col tempo dovrà diventare un momento di serenità e condivisione, non un arma per avere attenzioni, seppur negative: in fondo arrabbiarsi è comunque un modo di prestare attenzione. Meglio soffermarsi sugli atteggiamenti positivi, premiandolo con la tua attenzione e tanti complimenti!!

A questa età ancora può esserci un passaggio nei gusti e nelle abitudini, dei passettini indietro e dei passettini in avanti: mantieni le “antenne” ricettive per captare segnali di disagio e trova delle strategie per cercare delle soluzioni….ricorda che l’ambiente sereno è la cosa più importante!

Per qualsiasi dubbio, ricordati che puoi sempre consultarti con il pediatra.

Un abbraccio,

adri

Leggi anche: I 100 consigli della tata ai genitori

TI POTREBBE INTERESSARE
  1. I 100 consigli della tata ai genitori