Adriana risponde

Sos: mia figlia vuole solo la nonna

Di Nostrofiglio Redazione
adriana-cantisani-400x300.180x120
1 aprile 2011
"Cara Adriana, la mia bimba è attaccatissima alla nonna. Il "problema" sta nel fatto che mia figlia quando la vede comincia a piangere fino a che lei non la prende in braccio e non vuole più venire con me. Quando io torno dal lavoro non solo non mi considera nemmeno, ma mi respinge, mostrando palesemente che vuole restare con sua nonna." Una mamma chiede consiglio a Adriana, la nota tata del programma tv Sos tata.

Cara Adriana,

la mia bimba di un anno è attaccatissima alla nonna (mia suocera) che si occupa di lei dalle 8 alle 12.30 mentre io sono in ufficio.

Mia suocera stravede per mia figlia ed è inutile dire che la vizia e non le nega mai nulla. Anche quando mio marito e io siamo presenti, lei oltre ad attirare continuamente l'attenzione della piccola, con giochi, canzoni filastrocche e cibo, si intromette sempre (per es. se Gioia fa i capricci e noi restiamo fermi sul nostro no, lei interviene coccolandola!)

Il "problema" sta nel fatto che mia figlia quando la vede comincia a piangere fino a che lei non la prende in braccio e non vuole più venire con me. Quando io torno dal lavoro non solo non mi considera nemmeno, ma mi respinge, mostrando palesemente che vuole restare con sua nonna.

Mia suocera anziché farsi da parte e aiutarmi a ristabilire un contatto con la mia bimba, continua a giocare con lei come se io non ci fossi. Attualmente inoltre viviamo praticamente nella stessa casa, ma ad aprile la bimba comincerà ad andare al nido e cambieremo casa.

Ho già letto tante volte che è un bene che i bimbi sia attaccati ai nonni e sono d'accordo, ma mi sembra che mia figlia abbia confuso i ruoli, che consideri sua nonna il suo punto di riferimento e non i suoi genitori. Inoltre quando lei fa qualcosa di sbagliato e io la rimprovero lei si arrabbia e mi dà gli schiaffi. Quando torno a casa io mi dedico a lei, mettendo in secondo piano ogni cosa e anche quando mi occupo di qualche faccenda domestica la includo quasi fosse un gioco.

Vorrei chiedere a te come devo considerare questo atteggiamento, che devo essere sincera, mi fa stare male.

Inoltre con il cambiamento di casa secondo te la bimba capira qual è effettivamente la sua famiglia? Smetterà di fare i capricci per stare in braccio con sua nonna? Attendo con ansia il tuo parere in merito a quanto ho scritto e ti ringrazio per l'aiuto che dai a tutte noi mamme nel meraviglioso ma a volte complicato :-) privilegio che abbiamo.

 

Cara mamma,

 

per prima cosa è necessario cercare e seguire una strategia, che possa aiutarti a trovare una soluzione costruttiva:

 

1) è importante che tu possa trovare un accordo con tuo marito su come affrontare sua madre e sulla linea educativa da seguire insieme. E’ veramente necessario trovare questo accordo, in modo da poter passare al secondo punto uniti come coppia.

 

2) trova un buon momento per parlare con tua suocera per chiarire bene la linea educativa che volete adottare con la bambina, che deve essere coerente, per il suo bene. Potete proprio mettere giù delle regole come se fossero un elenco da seguire: cosa fare con i capricci, che giochi farle fare o non farle fare (ad esempio, non vuoi che guardi ancora la tv), il cibo che mangiare, gli orari di routine da rispettare, il fatto di passare le redini ai genitori quando sono presenti per quanto riguarda la linea educativa. Non si tratta d banalità e tua suocera deve rispettare queste scelte, altrimenti perde il privilegio di occuparsi della bambina.

 

Aldilà forse dell'eccesso di cibo, il fatto di distrarre la bambina non è poi così male: è uno slancio di forse troppo amore... Ci si può passare sopra certo, perché no, dicendole che sei un po' gelosa (con un tono scherzoso) per il fatto che non passi quanto tempo vorresti con la tua bambina. Lei lo capirà e se non lo capisce, allora tuo marito DEVE prendere la TUA parte. Non perché marito e non più figlio, ma in quanto è GENITORE della bimba.

 

E’ importante chiarire quindi le regole. Gli atteggiamenti che mi descrivi della bambina capitano anche con le babysitter … è semplicemente perché con la nonna:

 

1) le viene concesso tutto e 2) è il suo punto di riferimento in quel momento della giornata. In quelle ore, per quella routine, lo è. In fondo passa mezza giornata con lei. In modo assoluto però non lo è …non ti preoccupare. Tua figlia ha capito che da una parte c'è il paese di bengodi!

 

Tra le regole da stabilire puoi chiarire anche come affrontare il momento in cui la passi a prendere: magari non fermarti, ma semplicemente passi a prelevare la bimba e vai via, per esempio.

 

Certo vivere tutti insieme non aiuta: non credo molto nella casona di famiglia!

 

Ricordati comunque di utilizzare un bel no secco, quando devi distinguere fra il SI FA e il NON SI FA. Serena, ma sicura. La tua bimba probabilmente reagirebbe anche con la nonna come fa con te ..se solo avesse la possibilità di arrabbiarsi anche con lei.

 

Non ti preoccupare, è normale ed è normale che tu ci rimanga male…mantieni la calma e la serenità!

 

Con il cambiamento di casa senza dubbio si adatterà benissimo ai cambiamenti anche se sicuramente la nonna le mancherà, e guai se non fosse così. Non sarebbe salutare. Smetterà di fare i capricci per stare in braccio con sua nonna? Probabilmente no.

 

Un abbraccio

 

adri

 

Leggi anche: I 100 consigli della tata ai genitori

TI POTREBBE INTERESSARE
  1. I 100 consigli della tata ai genitori