Adriana risponde

Sos, mio figlio 'preferisce' il papà

tata-adriana-404
22 Luglio 2011
"Da circa due mesi ho dovuto ricominciare a lavorare a tempo pieno perché mio marito ha perso il lavoro. Il bimbo, 15 mesi, ora vuole stare solo con il papà e si comporta con lui come se fosse la mamma". Perché fa così? Una mamma chiede consiglio a Adriana, la nota tata del programma tv Sos tata.
Facebook Twitter More

Ciao Adriana,

prima di tutto complimenti...vi seguiamo sempre quando c'è la possibilità!!! Io non ho un vero e proprio problema ma una curiosità...

Mio figlio Gregory ha 15 mesi e da circa due mesi ho dovuto ricominciare a lavorare full time perché mio marito ha perso il lavoro. Devo dire che avrei cominciato comunque a lavorare ma magari avrei preferito un part time, avevo già finito l'inserimento al nido ma questo imprevisto a stravolto i nostri programmi.

Vado al sodo, adesso Greg vuole stare solo con papà o per lo meno si comporta con lui come se fosse la "mamma", non che io sia gelosa anzi, per lo meno sto più tranquilla quando sono a lavoro, ma ha anche cambiato atteggiamento nei miei confronti.

All'inizio di questo distacco mi accorgevo che in presenza di entrambi lui "preferiva" stare solo con mio marito, quando torno da lavoro non mi dà un minimo di "bentornata". Al contrario se è il papà a stare fuori, dopo il bimbo lo accoglie con tanti sorrisi e coccole ... insomma sembra quasi me la voglia far pagare....

Non lo so, è solo che è stata dura lasciarlo così, senza molto preavviso ... ed è capitato nel momento in cui le sue esplorazioni erano e sono tutt'ora al culmine. Ha cominciato a camminare proprio nel momento del distacco, ha anche iniziato a mangiare da solo. Riesci a darmi una spiegazione a questo comportamento, magari è normale e sono io che sto esagerando, anche con i sensi di colpa!!!

grazie anticipatamente e buon lavoro

Flaminia

Cara Faminia,

ha iniziato a camminare e a mangiare da solo…nell’età in cui si fanno questi passaggi!!! Non è stato il distacco, ma il naturale sviluppo delle cose.

Se sta più tempo con il papà, così come stava forse più tempo con te, il suo punto di riferimento diventa chi si occupa più di lui…il cosiddetto caregiver (cioè la persona che si occupa di lui).

Devi ritrovare il tuo ruolo, senza sgomitare, senza pensare “io sono stata via a lavorare perché ho dovuto, adesso torno e mi fate le feste”.

Trova delle nuove routine, diverse, ma non di minore valore: al tuo ritorno trova lo spazio ed il tempo per un rito fatto di coccole e giochini, da fare solo voi due, senza interruzioni e con attenzione esclusiva: non deve essere un tempo infinito, ma dedicato.

I sensi di colpa fanno spesso parte del pacchetto (e a volte fanno apparire le cose anche in modo diverso da quelle che sono realmente): l’unica cosa da tenere a mente è che non servono a molto, né per te, né per tuo figlio. Meglio un atteggiamento positivo e trovare un momento da passare insieme.

Un abbraccio,

adri

Leggi anche: I 100 consigli della tata ai genitori

TI POTREBBE INTERESSARE
  1. I 100 consigli della tata ai genitori