Adriana risponde

Sos: non vuole fare la nanna!

tata-adriana-404
09 Marzo 2012
"Sono la mamma di un bimbo di due anni appena compiuti. Le scrivo perché da un po' di tempo ho problemi a mettere Alberto a nanna, sia al pomeriggio sia alla sera ...Aspetto i suoi preziosi consigli". Una mamma chiede aiuto a Adriana, la nota tata del programma tv Sos tata.
Facebook Twitter Google Plus More

Buona sera cara tata,

sono la mamma di un bimbo di due anni appena compiuti. Le scrivo perché da un po' di tempo ho problemi a mettere Alberto a nanna, sia al pomeriggio sia alla sera. Quando si addormenta poi dorme tantissimo; il problema è che non vuole stare nel suo lettino con le sbarre, e continua a scavalcarle. Ho già provato con i suoi consigli di rimetterlo a nanna più volte, mi alterno con mio marito, però dopo due ore di avanti e indietro mi incavolo e gli dò due sculacciate. A quel punto dorme. Però mi spiace, mi esaspera, ma non vorrei che finisse così! Nel pomeriggio finisce che si addormenta alle 16:00 e mi rimane poi sballato con gli orari.E' un bambino vivace e meraviglioso, mi ascolta tanto ma non riesce a stare tranquillo, ad ascoltare una favola o a farsi fare le coccole.Aspetto i suoi preziosi consigli. Con affetto Sara

Cara Sara,

dalle tue parole si percepisce il tuo momento di stanchezza … chi di noi non ci è passata? Lo so, non è facile mantenere la calma, ma è l’unica cosa che può funzionare: essere tranquilli e coerenti. Nel momento in cui si è decisi, non è necessario essere autoritari, basta non mollare e mostrare che si è sereni. Darsi il cambio con il papà è un ottima idea: è importante dare il giusto peso alle cose e la stanchezza a volte invece le ingigantisce e si perde la pazienza.

Visto che tende a scavalcare le sponde del letto, è possibile abbassare il suo lettino (tipo letto da campeggio)? In questo modo cerchiamo di evitare che possa cadere “dall’alto” cercando di uscire … puoi pensare di mettere anche dei cuscini per terra! Per un lettino normale forse è ancora un po’ presto, per evitare che possa scendere di notte da solo.

A questa età il momento del riposo del pomeriggio è molto importante, sia che si tratti di dormire che solo di un momento di relax. E’ molto soggettivo, anche nella durata.

Se il bambino dorme o si riposa meno, poi è più stanco e si innesca appunto una spirale negativa. Casomai diventa anche più noioso e agitato e così arrivano i rimproveri…e poi si ricomincia daccapo.

Certo che se il bimbo dorme tre ore al pomeriggio, poi alla sera non va più a letto! Meglio in questi casi cercare di accorciare il pisolino … pian piano e gradualmente. Come sempre ogni cambiamento va sempre inserito gradualmente.

Prova a stabilire un orario e che sia quello (per esempio dalle 14 alle 16) … andare oltre alle 16 hai già visto che mette a rischio la messa a nanna della sera. Se in questa fascia oraria non ha ancora dormito, fa lo stesso. Lo alzi comunque e continuate con la routine quotidiana tranquillamente. Mantieni comunque una mezz'ora di flessibilità.

Crescendo vedrai che le sue esigenze cambieranno e troverete un giusto equilibrio man mano che cambierà la vostra routine.

Sempre con le stesso “spirito” puoi affrontare la messa a letto della sera: scegli un orario piuttosto fisso che si rispetti tutti i giorni. Fai le solite azioni in serenità e in successione : i bambini hanno bisogno di routine, per sapere cosa viene dopo e per sentirsi sicuri.

Una favola prima di andare a letto è una buona idea, ma ricordati comunque che il tempo di attenzione a questa età è di circa 10 min: meglio scegliere una favola non troppo lunga ed eventualmente che possa lasciare spazio anche a un po’ di sperimentazione (come i libri che si possono toccare o con figure da muovere).

Mi raccomando, visto che vi darete il cambio con tuo marito, siate coerenti fra di voi (evitiamo il genitore buono e quello cattivo!).

Un abbraccio,

adri

TI POTREBBE INTERESSARE
  1. I 100 consigli della tata ai genitori