Asilo nido

Andare all'asilo nido fa bene ai bimbi

bambiniasilonido
04 Ottobre 2018
I bimbi che frequentano l'asilo nido si comportano meglio e fanno amicizia più facilmente. Lo rivela uno studio recente
Facebook Twitter Google Plus More

Un pensiero fisso nella mente di molte mamme: farò bene a tornare al lavoro e a iscrivere il bimbo al nido? Anche se è così piccolino? 

Dovrò licenziarmi? Forse trovare una baby sitter... oppure affidarmi ai nonni?

Magari una tagesmutter sarebbe meglio? Niente di tutto questo.

Secondo un recente studio guidato dall'Institut Pierre Louis d'Epidémiologie et de Santé Publique (Iplesp) e dall'Università di Bordeaux, in Francia, pubblicato sul Journal of Epidemiology & Community Health meglio stare tranquilli: i bimbi che frequentano l'asilo nido si comportano meglio, hanno meno problemi emotivi e fanno amicizia più facilmente rispetto a quelli di cui si prende cura la famiglia o una babysitter.

 

Migliori abilità sociali

Le mamme e i papà che lavorano possono tirare un sospiro di sollievo: i bimbi che frequentano l'asilo nido si comportano meglio e hanno meno problemi.

 

Ma non è tutto: se l'esperienza al nido dura un anno, i bambini trovano anche più facile fare amicizia e hanno migliori abilità sociali rispetto a quelli che rimangono in casa.

 

Come mai?

Secondo gli studiosi a dare una mano al nido sono i giochi più stimolanti, il tempo dedicato alla lettura, ma anche la possibilità di seguire delle regole precise fin da piccoli ed essere lodati per i comportamenti positivi.

Tutto questo fa crescere dal punto di vista psicologico i piccoli.

 

Per lo studio sono stati esaminati i dati relativi a 1428 bambini, che hanno partecipato a uno studio francese denominato Eden, sui fattori coinvolti nella salute e nello sviluppo dell'infanzia.

 

I risultati sono stati quindi positivi per i piccoli frequentatori degli asili nido. Sono però necessarie ricerche future per scoprire se questi benefici si traducono in un minor rischio di disturbi psichiatrici in età avanzata. Questo perché sono diversi gli studi già presenti sul tema e a volte contrastanti.