Nostrofiglio

Resilienza

Bambini: 5 consigli per educarli alla resilienza

resilienza

26 Gennaio 2017 | Aggiornato il 23 Febbraio 2018
La resilienza è quella forza interiore che aiuta a superare positivamente le difficoltà. Per educare un bambino a questa capacità è importante che i genitori lo allenino fin da piccolo. Ma come si fa? Lasciandolo sperimentare da solo, dandogli dei limiti, educandolo alla pazienza e abituandolo a stare con altri bambini. Ecco alcuni consigli tratti dal sito youreducation.it

Facebook Twitter Google Plus More

Nessun genitore vuole  vedere il proprio figlio soffrire. E così cerchiamo di evitargli qualsiasi problema pur di vederlo felice e sereno. Ma in questo modo non si fa il suo bene: infatti, un'infanzia troppo protetta non ha effetti positivi.

Leggi anche:  5 consigli per lasciar liberi i bambini di giocare e di affrontare piccoli rischi

 

Al contrario i genitori dovrebbero allenare i piccoli ad affrontare lo stress e le difficoltà che la vita contiene, sviluppando la resilienza: quella forza interiore che aiuta a superare eventi anche traumatici. 

 

"I genitori di oggi proteggono eccessivamente i figli, ma in questo modo ottengono il contrario di quello che vorrebbero. I bambini diventano più fragili, affrontano con minor successo le difficoltà rispetto ad altri che nella loro infanzia hanno dovuto mettersi alla prova. La forza di resistenza deve essere allenata, come un muscolo. E questo allenamento può iniziare molto presto" dice Christina Berndt, autrice del libro  "Il segreto della resistenza psichica" (Feltrinelli). 

 

Ma come si allena un bambino a diventare forte e resiliente?

Ecco alcuni consigli ed esempi tratti dal sito youreducation.it

 

1. Lasciatelo fare da solo
Questo, ovviamente, non vuol dire permettergli di compiere azioni pericolose, ma più semplicemente se vuole misurare le sue capacità con un' arrampicata o provare ad aprire da solo un barattolo di marmellata, concedetegli questa opportunità.

E se un bimbo di due anni cade, non correte a rialzarlo, ce la può fare da solo. 

Lasciare che risolvano da soli le piccole difficoltà del quotidiano è fondamentale per rafforzare la loro forza psichica.

Leggi anche:  10 modi PRATICI per educare i bambini all'autonomia

 

2. Spingetelo a condividere con gli altri
È importante  spiegare al piccolo che anche se una cosa ci appartiene, questo non vuol dire che non possa essere condivisa. Insegnategli quindi a condividere la merenda o i suoi giochi con altri bambini. 

Leggi anche:  Team building, 12 buone ragioni e consigli per educare i bambini allo spirito di gruppo

 

3. Insegnategli a essere educato e paziente
Purtroppo termini come "scusi" e "per favore"  vengono usati sempre meno. Invece, bisogna sforzarsi di educare i bambini alle buone maniere che sott'intendono il rispetto per gli altri. Un'altro valore che rafforzare il loro spirito interiore è la pazienza: insegnategli ad aspettare il loro turno allo scivolo o a mangiare quando è pronta la cena. 

Leggi anche: Galateo per bambini: 40 regole per una buona educazione

 

4. Non dategli tutto ciò che desidera

E' importante saper dire di no e porre dei limiti ai figli. Ad esempio non correte a comprargli un giocattolo solo perché ce l'ha l'amichetto o un secondo gelato perché lo vuole a tutti i costi.

Tenete sempre presente che i bambini che crescono con regole e limiti sono molto più sicuri di sé di quelli che crescono in ambienti troppo permissivi. 

 Una volta si diceva che l’erba voglio non cresce neppure nel giardino del Re.

Leggi anche:  Educazione bambini, i NO che aiutano a crescere

 

5. Fatelo stare il più possibile in mezzo ad altri bambini
Relazionarsi con altri bambini rafforza la resilienza. Quindi create occasioni di incontro con coetanei. Preferibilmente non attività organizzate, come i corsi extrascolastici, ma ritrovi di gioco libero, dove i piccoli possano sviluppare le loro dinamiche sociali.

Evitate di intervenire, a meno che non sia davvero necessario, se ci sono dei conflitti. 

Lasciate che trovino da soli la soluzione per superare il litigio.

Leggi anche: Litigi tra bambini, 9 consigli ai genitori

 

Conclusione: non siate genitori iperprotettivi

I genitori non devono essere iperprotettivi. Un'idea diffusa è che oggi ci siano più pericoli rispetto al passato. Ma non è così: in realtà problemi e pericoli ci sono sempre stati, non sono aumentati né diminuiti, sono solo cambiati.  Certamente, a differenza del passato, le paure di oggi sono amplificate dai media. 

Il rischio, però, è soffocare i bambini. "Spesso i bambini al parchetto vengono ripresi di stare attenti, non correre, non fare la gara di monopattino, non andare in piedi in altalena...

Ma i bambini devono capire da soli che nel mondo ci sono pericoli, che ci si può far male, solo così possono imparare a difendersi e crescere forti e sani" spiega la Berndt. 

Leggi anche: I 5 grossi problemi dei genitori di oggi, secondo una super tata inglese