Psicologia ed educazione

Anche i bambini più piccoli si preoccupano del giudizio degli altri

Di Sara De Giorgi
bimbo
28 Agosto 2018
Secondo i risultati di un recente studio americano, i bambini dai 14 ai 24 mesi si preoccuperebbero già del giudizio altrui, capendo che il loro comportamento può essere valutato positivamente o negativamente da esterni.
Facebook Twitter Google Plus More

Secondo un recente studio, quando i bambini piccoli iniziano a pronunciare le prime frasi, sarebbero consapevoli di poter essere giudicati da altre persone. Questo comportamento, che in precedenza si credeva venisse fuori solo in bambini dai 4 ai 5 anni, è stato messo in luce da un team di ricercatori americano.

 

"Secondo i risultati della nostra ricerca, già a 24 mesi i bambini capiscono che il loro comportamento può essere valutato positivamente o negativamente da altri", ha detto l'autrice principale della ricerca, Sara Valencia Botto, della "Emory University" (Atlanta), in uno studio pubblicato sulla rivista Developmental Psychology.

 

PUO' INTERESSARE: 10 regole per crescere figli felici da 0 a 21 anni

 

Sara Valencia Botto e gli altri ricercatori hanno condotto quattro esperimenti utlizzando un giocattolo robotico e coinvolgendo 144 bambini di età compresa tra 14 e 24 mesi. Nel primo esperimento, i ricercatori hanno mostrato ai bambini come usare i pulsanti di un telecomando per azionare il robot giocattolo e poi hanno osservato i piccoli con un'espressione neutra o si sono voltati facendo finta di leggere una rivista. Secondo i ricercatori, quando i bimbi venivano osservati, provavano più inibizione e imbarazzo al momento di premere i pulsanti sul telecomando rispetto a quando l'osservatore non prestava loro attenzione.

 

Un secondo esperimento ha aggiunto feedback positivi e negativi, mentre il terzo è servito da "verifica". L'ultimo esperimento ha coinvolto due ricercatori che usavano un telecomando. Uno di loro lo ha premuto sorridendo e dicendo: "Yay! Il giocattolo robot si è mosso!", mentre il secondo sperimentatore ha fatto lo stesso aggrottando però la fronte e affermando:  "Yuck! ll robot si è mosso!". Una volta che ogni bimbo ha iniziato a usare il telecomando, i ricercatori si sono alternati guardandolo o voltandogli le spalle. Secondo lo studio, i bambini erano molto più inclini a premere il telecomando mentre lo sperimentatore "positivo" li stava guardando. Ciò significa che tenevano in considerazione il giudizio degli osservatori.

 

LEGGI ANCHE: Autostima bambini, 8 consigli per trasmetterla ai figli

 

"Il nostro studio sostiene l'idea che i bambini molto piccoli siano in sintonia con il loro ambiente e con le risposte altrui molto più di quanto si pensava in precedenza", ha detto il co-autore dello studio Philippe Rochat, dottore di ricerca della "Emory University". "Questa è un'importante pietra miliare nella nostra comprensione della cognizione sociale e dello sviluppo umano fin dalla primissima infanzia. Occorre fare ancora ricerche per capire se anche i bambini più piccoli - quelli sotto i 14 mesi - possano essere sensibili ai giudizi degli altri".

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: