Separazione mamma

Rientro dalle vacanze: 3 dritte per aiutare il distacco del bambino

vabanzebambino
21 Agosto 2019
Superato il Ferragosto, cominciano i rientri dalle vacanze. E dopo ore passate insieme a costruire castelli di sabbia e mangiare gelati, arriva il momento della separazione del bimbo dai genitori. Voi al lavoro o a casa, il piccolo con i nonni o la baby sitter. Come affrontarla? I consigli della psicologa Anne Gatecel sul sito francese per genitori enfant.com.
Facebook Twitter Google Plus More

Agosto. Dopo aver trascorso le ultime settimane quasi in simbiosi 24h, sta per arrivare il momento di tornare al lavoro per voi e per il piccolo di stare con i nonni o la babysitter. Come rendere meno difficile il distacco? Ecco tre consigli della psicologa Anne Gatecel al sito francese per genitori enfant.com per prepararlo al meglio a questa separazione.

 

 

1 Prendete coscienza del momento del distacco

 

 

Il bambino salta di gioia tra le braccia della nonna, senza neppure prendervi in considerazione? Oppure, al contrario, s'aggrappa alle vostre gambe per non farvi andare via? Il momento del distacco non è sempre semplice e provoca spesso un nodo alla gola... ci siamo passati tutti!

 

In fondo però, non c'è nulla di cui preoccuparsi, il piccolo sta solo esprimendo le sue emozioni, sia di gioia che di tristezza. Ed è giusto così. Per esempio ha tutto il diritto di essere arrabbiato, di aver paura ad affrontare una lunga giornata senza di voi, di domandarvi quando tornerete. (Leggi anche: come vincere l'ansia infantile)

 

Se il piccolo scoppia a piangere, fermatevi, abbracciatelo e datevi il tempo di consolarlo con qualche parola: "La nonna (o la tata) si prenderà cura di te e ti consolerà. E questa sera, saremo ancora insieme". A poco a poco, la separazione sarà sempre più facile. (Leggi anche: l'ansia da separazione)

 

 

2 - Mettetevi d'accordo ed entrate in sintonia con la persona che si prenderà cura del bambino

 

 

Questo è un punto cruciale: il bambino deve sentire che apprezzate e stimate la persona che si occuperà di lui. E' molto importante il modo in cui parlate alla tata o ai nonni. Il tono che utilizzate.

 

La mattina quando uscite di casa, parlate di quello che ha fatto il bimbo la sera prima (che cosa ha mangiato, a che cosa ha giocato) piuttosto che dilungarvi in un elenco di cose da fare e non fare. E se vostro figlio raggiunge un traguardo quando voi non ci siete come fare la pipì nel vasino per la prima volta, gioitene! Non state perdendo nulla della sua crescita.

 

Anzi, è un piccolo successo: significa che siete riusciti a creare un clima di piena fiducia tra vostro figlio e la persona che lo sta accudendo. (Leggi anche: nido, nonni o baby sitter, a chi lasciare il bambino)

 

 

3 - Pensate al momento in cui vi rivedrete

 

 

Il momento del ricongiungimento è importantissimo. Tanto quanto il momento della separazione. Sono due facce della stessa medaglia. Quando tornate a casa, lasciate a vostro figlio i suoi tempi. Non importa se ci mette un po' prima di venire ad abbracciarvi o a darvi un bacio. Non forzatelo. Potrebbe avere bisogno di un po' più di tempo per interrompere l'attività che stava facendo in quel momento. E anche lui può voler giocare a farsi desiderare un po'.

 

Tornando a casa, se avete fatto tardi, lasciate andare il bimbo a nanna una mezz'ora dopo e dedicatevi a lui: il bagnetto, la storiella prima di dormire, sono passi importanti di cui lui ha bisogno.  E ogni sera, cercate di essere presente: per lui sarà più facile la separazione il giorno successivo.

 

 

Fonte: Enfant.com