Dislessia

Settimana Nazionale della Dislessia: da DSA a opportunità!

Di Niccolò De Rosa
dislessia-nf
25 Luglio 2017 | Aggiornato il 03 Ottobre 2017
Dal 2 all'8 ottobre si tengono in tutta Italia quasi 400 eventi per sensibilizzare riguardo i Disturbi Specifici dell'Apprendimento (DSA) e trasformarli in Diverse Strategie per l'Apprendimento!
Facebook Twitter More

Ostacolo insormontabile o prospettiva differente? Con la seconda edizione della Settimana Nazionale della Dislessia, l'AID (Associazione Italiana Dislessia) vuole proprio suggerire un nuovo approccio nel trattamento delle problematiche legate ai disturbi dislessici.

 

 

Tra il 2 e l'8 ottobre infatti, in contemporanea con la European Dyslexia Awareness Week dell'EDA (European Dyslexia Association), si tengono su tutto il territorio nazionale eventi, laboratori, conferenze e corsi di formazione per sensibilizzare cittadini e addetti ai lavori riguardo un tema sempre più d'attualità. Le varie iniziative interesseranno scuole, piazze e teatri di 80 province italiane, coinvolgendo quasi 1.500 volontari provenienti dalle varie sezioni AID.

 

 

Il tema

 

Tema di quest'anno sarà il legame tra apprendimento e dislessia.

 

"DSA? Diverse Strategie d’Apprendimento" sarà infatti lo slogan con cui volontari ed esperti proveranno a spiegare come la DSA (Disturbi Specifici dell'Apprendimento) non sia un muro invalicabile verso un corretto apprendimento, ma semplicemente un diverso percorso attraverso il quale il ragazzino dislessico può coltivare tutte le proprie potenzialità.

 

La dislessia quindi non è un handicap ma solo un diverso modo di pensare, creare e capire!

 

Come si fa la diagnosi di dislessia?
Se si ha il dubbio che il proprio figlio sia dislessico, si deve consultare il pediatra e su sua richiesta rivolgersi alla Asl di appartenenza o a un centro specializzato. La diagnosi verrà effettuata da un’equipe multidisciplinare composta da neuropsichiatria infantile, psicologo e logopedista. Tale "esame" viene effettuato solo alla fine della seconda elementare, quando si è chiuso il ciclo di prima alfabetizzazione. Per misurare e analizzare le difficoltà e le capacità del bambino si usano test standardizzati e con l’intervento dello psicologo si valuta se il bambino vive un disagio.

 

PER INFO:

www.aiditalia.org
www.facebook.com/aiditalia