Salute bambini

Malanni di stagione, 6 regole di prevenzione

bambini-che-si-lavano-le-mani
09 Ottobre 2013
Etciù … è iniziata la stagione degli starnuti, accompagnati da mal di gola, tosse, otite e magari anche un po’ di febbre. Niente di grave per carità, evitiamo però che i bambini si ammalino più del necessario, osservando poche e semplici regole di prevenzione
Facebook Twitter More

Raffreddore, accompagnato da mal di gola, tosse, mal d‘orecchie e febbre. In questa stagione tra la fine dell’estate e l’autunno, tra virus e sbalzi di temperatura, i bambini iniziano a prendere le prime infezioni all’apparato respiratorio. In genere, niente di preoccupante ma è importante non trascurarle, seguendo i consigli dei pediatri interpellati da nostrofiglio.it. Leggi Raffreddore e naso chiuso, che cosa fare; Tosse e mal di gola, le strategie per combatterle; Mal d’orecchie, che dolore! Febbre, niente panico!

Guardate anche le video interviste tutorial su raffreddore, otite e febbre.

Detto questo, prevenire è sempre meglio che curare

In altre parole è importante evitare che i bambini si ammalino più di quanto sia richiesto “dall’apprendimento immunologico” per il rafforzamento del sistema immunitario del bambino.

Come? Ecco alcune semplici ma importanti regole di prevenzione da seguire con i propri bambini.

1 Fategli lavare le manine quando tornate a casa

E’ un’abitudine importante fargli lavare le manine quando torna a casa per almeno 30 secondi, in modo da eliminare i germi eventualmente trasmessi da altri. Inoltre fategli togliere sempre le scarpe appena entra in casa e cambiategli gli indumenti.

2 Tenete libero il nasino anche con i lavaggi

E’ poi utile tenere sempre libero il naso del bambino, soffiandolo spesso; per i più piccoli la mamma potrà intervenire con lavande di soluzioni saline.

3 Tenete la casa pulita e umida

Per prevenire bronchiti &Co è importante un ambiente domestico salubre. Per prima cosa evitate dunque di fumare; ricambiate spesso l’aria delle stanze; favorite la giusta umidità mettendo bacinelle d’acqua sopra i caloriferi o stendendo sui radiatori teli di spugna bagnati e strizzati.

Un altro consiglio dei pediatri è quello di tenere in casa piante acquatiche: essendo specie che necessitano di acqua per sopravvivere, favoriscono l’umidificazione dell’aria, oltre al ricambio d’ossigeno, grazie alla fotosintesi clorofilliana. Tra queste, per esempio, il papiro.

3 Incoraggiate il bambino a bere

Per favorire l’umidità delle mucose interne, è utile incoraggiare i bambini a bere molta acqua, succhi di frutta o meglio spremute d’arancia ricche di vitamina C che rafforzano il sistema immunitario.

5 A scuola giochi e peluche puliti

Assicuratevi che al nido i giochi che vengono portati alla bocca siano lavati tutti i giorni. Peluche e altri giochi dovrebbero invece essere lavati una volta alla settimana.

6 … e bagni sapone liquido + salviette monouso

Per evitare un incremento ingiustificato delle malattie, inoltre, nei bagni delle scuole si devono usare sapone liquido e salviette di carta monouso.

(Fonte dei consigli: Puericultura, Garzanti; Mariella Rossitto, pediatra di Milano)