In città

Smog oltre i limiti? Più bronchiti e asma

traffico_auto
19 Novembre 2008
Le malattie repiratorie dei bambini si aggravano con i picchi di micropolveri: lo sostiene uno studio della clinica pediatrica del San Paolo di Milano, che sarà presentato domani al convegno MilanoPediatria.
Facebook Twitter More

Quando le polveri sottili (Pm10) sono oltre i limiti raddoppiano i rivoveri in ospedale per asma, bronchite, infezioni alle vie aeree. Lo sostiene uno studio realizzato dal San Paolo di Milano, anticipato dal Corriere, che ha messo in relazione le richieste di aiuto al pronto soccorso con i livelli di polveri sottili, fuorilegge nel 2008 un giorno su quattro (80 volte dall'inizio dell'anno).

Lo studio, che sarà presentato domani a MilanoPediatria, lo storico appuntamento biennale che riunisce esperti di fama nazionale e internazionale nel campo della pediatria, dimostra che quando il valore medio giornaliero di Pm10 supera i 50 microgrammi al metro cubo, ossia la soglia massima giornaliera ammessa dall'Unione europea, il rischio di ricovero per disturbi respiratori passa da 1 a 1,9 (quindi un bambino contro quasi due). Con le polveri a quota 70 l'indice schizza a 2,2".

Sono i bambini più piccoli quelli più esposti ai danni dello smog. "Lo sviluppo del polmone si completa all'età di sei anni - sottolinea Marcello Giovannini, presidente di MilanoPediatria -. I bambini inalano il 50% di aria per chilo in più rispetto all'adulto perché l'epitelio polmonare è più permeabile nelle prime fasi della vita".

Dallo studio emerge un fatto positivo: nei primi sei mesi 2008 i ricoveri a Milano di bambini per malattie respiratorie sono diminuiti del 5% rispetto all'anno precedente (214 contro 226); si è ridotta la loro durata (4,5 contro 5,1), dunque i casi esaminati erano meno gravi. Il doppio calo è legato alla riduzione dei veleni dell'aria passati da livelli medi di 52,7 microgrammi al metro cubo a 42,4. Il risultato per i medici del San Paolo è attribuibili sia all'Ecopass, sia alla meteorologia che con piogge e venti ha contribuito a rendere l'aria più respirabile.

Leggi anche: Bronchiolite, cos'è e come curarla

Che cosa si può fare per limitare i danni? Leggi i consigli del pediatra.

TI POTREBBE INTERESSARE
  1. Bronchiolite, cos'è e come curarla